Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > La Fescina di Quarto tra i monumenti più visitati nelle Giornate del Fai

La Fescina di Quarto tra i monumenti più visitati nelle Giornate del Fai

Successo per le visite guidate alla Fescina, il mausoleo Romano simbolo di Quarto. Sabato 15 e domenica 16 maggio si sono tenute le Giornate di Primavera del Fondo Ambiente Italiano. Il Fai ha dato risalto alla Fescina, risultato vincitore per la Campania della campagna nazionale “I luoghi del cuore”, edizione 2021. “Sono state oltre 150 le visite al monumento – spiega Alfonso Coppola dell’associazione Anteas – sono stati due giorni di grande partecipazione nel rispetto della normativa anticovid. Molti cittadini di Quarto e dei Campi Flegrei hanno avuto modo di riscoprire la Fescina, uno dei monumenti più importanti dell’area flegrea”. La Fescina è risultato tra i monumenti più visitati nelle Giornate di Primavera di quest’anno.

Galleria immagini

Mimmo Tiseo, associazione “Anteas – Amici dei Campi Flegrei

Le visite sono state organizzate dal Fai, Anteas-Amici dei Campi Flegrei e dal Comitato Archeoflegreo “I tesori nascosti di Quarto”. Le visite guidate sono state tenute dall’archeologa Raffaella Iovine e dal dottor Mimmo Tiseo. Hanno garantito la realizzazione dell’evento il Comune di Quarto e i volontari della Protezione Civile.

Antonio Maiorano, Gruppo Fai Pozzuoli e Campi Flegrei

La Fescina è un monumento funerario del I Secolo d.C., localizzato in via Brindisi, in una diramazione della romana Via Consularis Campana Puteolis Capuam, che, partendo da Puteoli, l’antica Pozzuoli, si collegava alla via Appia, per raggiungere Roma. La necropoli risulta costituita da tre mausolei con vani ipogei, due recinti, un piccolo ambiente intonacato a pianta trapezoidale e un triclinio all’aperto per i pasti funebri. Il Mausoleo principale, in opus reticulatum, è composto da una base circolare sormontata da un cono piramidale a sei facce. È composta da tre ambienti: un ipogeo, uno a livello di terreno e un altro superiore.  

La forma a “cono rovesciato” ricorda la cesta, detta “fescina”, che i raccoglitori di frutta portano sulle spalle. Questa forma di copertura a cono rovesciato è rara nel Mondo Occidentale, mentre frequente nel mondo asiatico. Famoso è il Mausoleo di Alicarnasso (IV sec. a.C.). L’aspetto a cuspide piramidale esagonale, con due camere di alleggerimento per una funzione esclusivamente statica è proprio l’elemento singolare della Fescina. Questo particolare la rende un unicum nell’architettura funeraria occidentale.

Ciro Biondi
Giornalista, scrive prevalentemente di attualità, sociale, cultura, turismo e ambiente. E' responsabile dell'Ufficio Comunicazione della Caritas Diocesana di Pozzuoli. Ha collaborato con quotidiani e periodici. E’ specializzato in comunicazione sociale e istituzionale. Si è occupato di uffici stampa ed è presidente dell'associazione di promozione sociale Dialogos Comunicazione. Con le scuole e le associazioni promuove incontri su legalità, volontariato, solidarietà tra i popoli, dialogo tra le religioni e storia. E' docente di scuola statale secondaria di secondo grado. Ha ottenuto vari riconoscimenti per l'attività giornalistica. Per il suo impegno sociale, culturale e professionale nel 2013 il Capo dello Stato lo ha insignito dell'onorificenza di cavaliere della Repubblica.
http://www.cirobiondi.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto