Tu sei qui
Home > Campania > Quando la “ñ” diventa altro: mille errori nella prova in lingua spagnola alla maturità 2024.

Quando la “ñ” diventa altro: mille errori nella prova in lingua spagnola alla maturità 2024.

Se avessi potuto utilizzare la bussola del tempo, sarei ricorsa ai miei cari classici scrittori spagnoli, che con saggia maestria e padronanza della letteratura hanno elevato la loro lingua a livelli di alto prestigio, senza dimenticare il valore emblematico e moraleggiante dei loro scritti. Siamo però nel 2024, ahimè con la stessa sapienza le commissioni incaricate dal Ministero, badate bene dell’istruzione e del Merito, hanno elaborato le prove per il liceo linguistico, a maggioranza in lingua spagnola (L3), così colti da un sentimento ansiogeno sono ricorsi al macchinoso ingegno dell’intelligenza artificiale, a cui hanno rifilato un testo tratto da Letras libres (Mondadori, 2019) con il brano Tía Ofelia, peccato che il lascito libertino di queste pratiche tecnologiche non dia scampo a equivoci, o meglio a vere e proprie manomissioni, sia dal punto di vista semantico che ortografico. Dobbiamo a rigor di logica predisporci anche per le incoerenze del primo testo dedicato al valore della musica per i bambini che subirono l’Olocausto.

Procediamo per gradi, se dovessimo annoverare l’elenco degli errori, risulterebbe tedioso per i nostri lettori, vale la pena però sottolineare che lo “spagnolo” è per numero di nativi, la seconda lingua più parlata al mondo, dopo il cinese. Riunisce ben diciotto paesi, veicolo di cultura antichissimo, nonché volano tra i giovani nella diffusione musicale e cinematografica. Annovera tra i suoi letterati più illustri il creatore del romanzo moderno, come Miguel de Cervantes, oltre che ad altri magnifici scrittori che sono stati fregiati del premio Nobel, ne nominiamo alcuni: Juan Ramón Jiménez, Pablo Neruda, Camilo José Cela, Gabriel García Márquez, Mario Vargas Llosa. Ognuno di loro ha lasciato un’impronta indelebile nell’universo variegato del mondo letterario, eppure qualcuno sembra non rendersi conto che la lingua spagnola non vive ai margini di ciò che appare come un predominio della cultura globalizzante anglofona.

La dignità che merita è stata ancora una volta violata, forse gli errori (se ne contano più di venti) contenuti nella prova dell’esame di stato testimonia una chiara volontà di superficialità e incompetenza. L’imbarazzo che ha coinvolto gli insegnanti di letteratura spagnola è stato enorme, il senso di onestà intellettuale si è frantumato in pochi secondi, dinanzi a uno scempio unico e non raro purtroppo.

Il colmo si è raggiunto quando oltre alle incoerenze grammaticali, si sono aggiunte quelle del senso logico delle domande, a cui gli studenti erano chiamati a rispondere.

Per dare un assaggio di ciò che è accaduto forniamo i seguenti link in cui sono evidenziati i maggiori errori https://acrobat.adobe.com/id/urn:aaid:sc:EU:f438a362-fb27-4395-a077-5251468d8917

https://photos.app.goo.gl/t382cKgZVD7Kwy8T8

Tutto ciò mi coinvolge personalmente, anche io come centinaia di colleghi ho subito l’onta del degrado intellettuale, di fronte alla somministrazione di una prova d’esame non degna di questo nome. Non siamo una cultura differenziata, né un linguaggio infetto, siamo un popolo di calorosi e appassionati studiosi del mondo ispanico a tutto tondo, meritiamo di essere sostenuti nei momenti topici del nostro lavoro, dove la valutazione è, o meglio deve essere opportuna e adeguata.

A voi lettori le considerazioni.

Avatar photo
Paola Iannelli
Docente di lingua e letteratura spagnola, ha iniziato a scrivere articoli in ambito accademico, ha svolto una tesi di dottorato sul noir partenopeo post moderno presso l’Università di Salamanca. Nel 2020 pubblica il suo primo noir con il titolo Il paradiso non ha un angolo retto con la casa editrice indipendente napoletana Homo Scrivens. Partecipa a vari blog letterari e scrive per un celebre sito dedito alla letteratura Thrillernord. Nel 2021 pubblica il sequel Amarga, che si candida come giallo finalista al concorso letterario Garfagnana in Giallo Barga noir. Nel 2023 riesce a vincere nel medesimo festival il premio per il racconto Al di là del giardino, nel contest Racconti all'ultimo minuto. Nel 2024 entra a far parte dell'Ordine dei giornalisti campani. Attualmente pubblica per Mursia Editore collana Giungla Gialla, ha pubblicato un noir Uno sguardo innocente, finalista al Garfagnina in Giallo sezione Giallo classico. Partecipa attivamente in convegni internazionali dedicati alla letteratura di genere, in particolare con Tenerife noir, noto festival che si tiene ogni anno nella capitale canaria.
http://www.paolaiannelli.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto