Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Bacoli > “Astractura” la collettiva internazionale di Pinto e Ciraci all’Ostrichina di Bacoli

“Astractura” la collettiva internazionale di Pinto e Ciraci all’Ostrichina di Bacoli

SAVE THE DATE

Rosario Pinto, docente storico e critico d’arte

Fervono i preparativi per la mostra “Astractura” a cura di Rosario Pinto il cui vernissage è previsto per martedì prossimo 21 giugno dalle ore 17.30 alle 20.00.

18 artisti esporranno le loro opere nella Sala dell’Ostrichina del Parco Borbonico del Fusaro: Diego Alexandre Asi, Lorenzo Bocca, Maurizio Bonolis, Rosario Buccione, Bruno D’Angelo, Gabriel De Gaudi, Lucia Di Miceli, Francesco Gallo, Salvatore Giunta, Arturo Millan, Kleopatra Moursela, Carmen Novaco, Ulla Pedersen, Pietro Pezzella, Ellen Roß, Grazia Santarpia, Salvatore Starace, Yessika Zambrano.

Per cento giorni nel Palazzo dell’Ostrichina del Real Parco dei Borbone si potrà visitare la rassegna diretta dal maestro pittore e scultore Antonio Ciraci con Alessandra Maisto, patrocinata moralmente dal Comune di Bacoli.

Antonio Ciraci, pittore e scultore

L’ interessante Mostra di Arte Contemporanea approda nella terra flegrea con artisti di diversi paesi, tra cui l’ Italia, la Germania, la Spagna, la Danimarca, la Grecia, il Venezuela e l’Uruguay; tutti riuniti sotto l’egida del movimento artistico “Astractura” fondato da Rosario Pinto, docente, storico e critico d’arte, da cui prende il nome l’omonima collettiva internazionale.

Tre saranno sono le parole d’ordine di “Astractura”: linearismo, cinestetismo e quella che Albert Einstein definì “cronotopia” ovvero lo spazio a quattro dimensioni derivante dall’insieme delle tre variazioni spaziali più il tempo.

Saranno dunque questi tre i punti di orientamento dell’esposizione che varranno  «non soltanto come dato artistico, ma anche come suggerimento di una visione del mondo… una pratica diversamente filosofica» afferma Rosario Pinto che aggiunge «che Astractura non rimane chiusa in se stessa ma si apre all’esperienza multipla e diversificata nell’ambito della temperie astrattista, procedendo a porsi come via ecumenica e inclusiva nei confronti delle varie scansioni astrattiste che caratterizzano questa particolarissima branca dell’ arte contemporanea».

Libro di Rosario Pinto

Astractura tenderà quindi anche a valorizzare il ruolo del fruitore, chiamandolo, in modo propositivo, ad avere parte attiva nel processo estetico. Ma saremo tutti pronti a partecipare?

Per tutti coloro che volessero approfondire l’argomento prima di visitare la Collettiva bacolese c’è il prof. Rosario Pinto con l’interessante video su youtube: https://www.youtube.com/watch?v=ibuoNyqjsu8&t=2s e con il suo libro “Astractura. L’astrazione degli anni Duemila” (Rogiosi Ed.).

Dopo di che sicuramente saremo tutti pronti per Astractura che chiuderà i battenti il 2 ottobre 2022.

Anna Russolillo
Napoletana, architetto specializzata in restauro dei monumenti alla Federico II di Napoli. Giornalista, collabora con il quotidiano “Il Roma”. Subacquea con all’attivo numerosi master in archeologia subacquea. E’ fondatore e presidente dell' associazione Villaggio Letterario. Da sempre coinvolta per studio, per lavoro e per passione nel mondo del turismo, dell'arte e dell’archeologia, ama ideare, organizzare, coordinare e realizzare progetti ed eventi culturali, sociali, scientifici e turistici. La Campania e la Sicilia sono le sue due patrie. Questi i suoi siti: www.annarussolillo.it - www.villaggioletterario.it - www.marefest.it - www.trofeomaiorca.it - www.librofest.it - www.roccocoofest.it - www.nolimitswinediving.it
http://www.annarussolillo.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto