Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > L’ammore ‘o ssaie che d’è?

L’ammore ‘o ssaie che d’è?

Amore era un Dio per gli antichi Greci, così sublime e spirituale da non poter essere che nell’anima.

L’uomo meridionale si è sempre contraddistinto per la sua passione e per la voracità con cui ama, personalità che i nostri grandi poeti hanno sempre saputo descrivere.

In questo articolo ho desiderato narrare con versi miei e quelli di altri autori, la bellezza dell’amore secondo la concezione Napoletana.

Auguro ai gentili lettori e gentili lettrici, un meraviglioso viaggio in questo oceano di parole scritte col cuore.

‘E vase: Ivan Tudisco

Tu me vase,

io te vaso,

e pô?

Ce guardamme,

c’abbracciamme,

e ce turnammo a vasà.

Io te parlo,

tu me parle,

pô ce vasamme,

nun ce sta che fa!

Tu me faie na carezza a me,

io a faccio a te,

pô ce turnammo n’ata vota a vasà.

Si’ c’alluntanamme,

ce penzamme,

ce chiammamme,

pô ce vedimme,

e ce vasamme,

pô ce scurdamme tutto coso,

p’accumincià n’ata vota.

‘A retirata: Salvatore Di Giacomo

Gioia bella.
pe’te vedé
c’aggio fatto
nun può sapé!

Si putesse parlà stu core,
quanta cose vulesse di’;
ma, chiagnenno pe’ lu dulore,
io m’ ‘o scippo, pe’ n’ ‘o sentì!

Napule e nenne belle,
addio v’avimm’ ‘a di’…
Sentite ‘a retirata?
Ce n ‘ avimmo da trasi!

Dice ‘a gente
parlanno ‘e me,
ca si parto
mme scordo ‘e te!

A ‘sta gente stu core mio,
pe’ risposta tu fa’ vede’,
e dincello ca, si part’io,
tiene mmano nu pigno ‘e me.

Napule e nenne belle,
addio v’ avimm’ ‘a di’…
Sentite ‘a retirata?
Ce n ‘ avimmo da trasì!

Gioia bella,
te l’aggi’ ‘a di’
ca dimane
s’ha dda partì!

Statte bona, può sta sicura
c’ ‘a medaglia voglio turnà!
A stu core tiénece cura,
si nun torno nun ‘o jettà!

Napule e nenne belle,
addio v’avimm’ ‘a di’…
Sentite ‘a retirata?
Ce n avimmo da trasì!

Damme a mano: Salvatore Di Giacomo

Damme ’a mano… Lentamente
nu viulino sta sunanno,
e io te tengo, finalmente,
core a core, strenta a me.
Sento ’a toia dint’a sta mano,
sento ’o sciato ’e sta vucchella,
e chist’ uocchie, chiano chiano,
dint’ ’e mieie veco guardà…

Quanta vote aggio penzato,
pure nzuonno, a stu mumento,
e int’o suonno mancà ’o sciato

mme so’ ntiso comm’ a mo!…
Sottavoce, lentamente,
core a core, uocchie ’int’a ll’uocchie
mo te pozzo — finalmente! —
doie parole suspirà…

Dimme, dimme — zitto, zitto —
Mme vuo’ bene?… Mme vuo’ bene?…
Fino a mo nun mme l’ ’è ditto!..

Mm’ ’o vuo’ di’? Mm’ ’o vuo’ di’ mo?..
Ma tu quase, int’a sti bbraccia,
viene meno, t’abbandune…
E int’ a st’uocchie, int’a sta faccia,
quanta sì, Dio!. Quanta sì!….

S’i t’o sapesse dicere: Eduardo De Filippo

Ah… si putesse dicere
chello c’ ‘o core dice;
quanto sarria felice
si t’ ‘o sapesse dì!

E si putisse sèntere
chello c’ ‘o core sente,
dicisse: “Eternamente
voglio restà cu te!”

Ma ‘o core sape scrivere?
‘O core è analfabeta,
è comm’a nu pùeta
ca nun sape cantà.

Se mbroglia… sposta ‘e vvirgule…
nu punto ammirativo…
mette nu congiuntivo
addò nun nce ‘adda stà…

E tu c’ ‘o staje a ssèntere
te mbruoglie appriess’ a isso,
comme succede spisso…
E addio Felicità!

Facimme pace: Ivan Tudisco

E mo te staie zitta,

pecchè c’amma appiccicate,

e tiene st’anema afflitta,

senza me guardà e guardanno all’ate.

Ma quanno tiempo po’ passà,

primma ca ‘o core piglia ‘a via,

e ce turnammo n’ata vota a ce vasà!

Pecchè isso ‘o ssaie, nun po’ suffrì ‘e nustalgia.

Facimme pace e stammelo a sentì,

nun ‘o facimme sta ‘ncazzato,

è accussì brutto quanno accummence a suffrì,

e nun ce fa parè cchiù ammore, chello ca è stato.

L’ammore che d’è?: Eduardo de Filippo

“Scusa, tu sapisse
l’ammore ched’è?”
“L’ammore è una cosa
che odora di rosa,
che rosa non è
induvina ched’è.”

“E’ rosa? E scusa
sapisse pecché?”
“E’ rosa ‘o colore
che serve p’ammore,
l’ammore nun c’è
si rosa nun è.”

“E l’addore che c’entra
si rosa nun è?”
“Pecché dinto maggio
si piglia curaggio,
sentendo l’addore
ti nasce l’ammore.”

“A maggio sultanto?
E sapisse pecché?”
“E’ maggio pe n’anno
pe chilli che ‘o ssanno,
pe chi nun vo’ bene
stu mese nun vene!”

“E senza l’addore
l’ammore nun c’è?”
“Nun c’è,
pecché l’ammore
è nu forte dolore,
ca pare ‘na cosa
che odora di rosa.”

Ammore mio: E.A. Mario

Ammore mio, guaglione, è ghiuto â scola
tant’anne arreto senza fá maje niente:
Screveva ‘ncopp”e banche una parola
e una parola se teneva a mente:
Screveva “Amalia” e, comme niente fosse,
pazziava cu ‘e nnennélle a zompafuosse…

E i’ nun sapevo scrivere
nun ghiévo p”o ssuttile:
senza sapé’ ‘a grammatica
screvevo dint’abbrile:
“Mio dorge amore,
ti oh conzervato
un pizzo nel mio quore!”

‘Ammore mio guaglione, pazzianno,
pigliaje sùbbeto ll’uso a fá filone:
Quaranta juorne ‘e scola tutto ll’anno!…
E si ê vvote leggevo ‘a lezione,
truvavo, ‘mmiez’ê paggine, â ‘ntrasatto,
nu ricciulillo d’oro o nu ritratto…

Io nun ‘ngarravo a leggere:
sbatteva ‘o core ‘mpietto…
Ma, pure senza virgole,
liggevo stu biglietto:
“Mio dorge amore,
pur’io per te,
ci oh un pizzo nel mio quore!”

Mo ‘ammore è tutto calamaro e penna…
ma i’ mm”a ricordo a chella piccerella:
purtava ‘o panarino cu ‘a marenna
na cinta a tre culure e na cartella…
E i’ ll’aspettavo a ‘o sòleto puntone
pe’ dí: “Guarda che sole…fa’ filone!”

Zero cu ll’asteristico
pigliaje a bene e a male…
E avette ‘a peggia media…
pur’essa: tale e quale.
Duje cunte pare:
Zero allo studio…
e vase a centenare!

E BONASERA AMMORE: R. Galdieri

E vienetenne Ammore, e vienetenne…
mo, cu ‘a schiuppata ‘e primmavera, scinne…
dint’ ‘e nnuttate ca nun tengo suonno…
Dimme ca chesta nun è chella ‘e tanno,
ch’è ‘a cchiù sincera femmena d’ ‘o munno
e ca, sinceramente, sta aspettanno….

Dimme chello ca vuó’…
canta comme vuó’ tu,
ma io nun te credo, no,
ma io nun ce ‘ncappo cchiù!

E s’è addurmuto, Ammore, e s’è addurmuto
stu core mio ca fuje maletrattato…
E ca tu cante storie? Nun se sceta!
E ca tu dice comm’a ll’ati vvote:
Nun è Crestina…nun è ‘Mmaculata…
Dorme stu core mio, male capito…

Dimme chello ca vuó’…
…………………………………

E bonasera, Ammore, e bonasera!
E va’ a fá ‘o ruffianiello a n’atu core…
Quanno c’è stato chi mm’ha ditto: “Giuro
ca nun te lasso manco quanno moro…”
E mm’ha lassato cu na vocca amara…
Fall’aspettá ‘sta nénna ca suspira..

Te penzo: Ivan Tudisco

Te penzo e tu nun ‘o ssaie,

e nun me ‘mporta,

te penz’ ‘ o stesso.

Te l’aggi’ itto ca te voglio bene,

e tu nun me crire,

e m’astrigne chesti vene,

ogne vota facenno ‘a restiva.

Te penzo?

Sì te penzo,

ce penzo,

e penzo pe’ me e pe’ te,

accussì amo pe’ tutt’ e duie,

e tu starraie sempe cu mico,

‘int’a sta capa,

ca nun tene ‘o curaggio ‘e te scurdà.

Che si’?: Giulio Mendozza

Tu saie che si’? N’alba tignuta ‘e rosa,

‘a friscura frizzante d’ ‘a matina,

aspetta a te sta vita mia vugliosa,

‘e te vasà sta vocca curallina.

Tu si’ ‘a prumessa ‘e na jurnata ‘e sole,

tu si’ primizia tennera ‘e natura,

si’ na canzone, musica e parole,

si’ nu surriso morbido ‘e criatura.

‘O desiderio ‘e te è forte assaie,

e cchiù te voglio e cchiù me faie ‘ncantà,

meglio però si’ nun te tocco maie,

forze è cchiù bello sulo a te sunnà.

Quanta fretta: Ivan Tudisco

Stu core sempe a spasso,

pe’ glì cercanno a te,

s’arretira e s’arrepassa,

po’ ritorna ‘mpiett’ a me.

Quanta fretta vo’ l’ammore,

nun ‘o ssaccio cchiù fermà,

viene ambresso, sta llà fore,

ca t’aspetta pe’ vasà.

L’ammore ‘o ssaie che d’è?: Ivan Tudisco

L’ammore ‘o ssaie che d’è?

è ‘a vocca toia ‘e lillà,

so’ chill’uocchie ca guardano a me,

e ca me fanno ‘ncantà.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto