Tu sei qui
Home > Napoli > Napoli, il metaverso per i bambini del Santobono

Napoli, il metaverso per i bambini del Santobono

Al di là dell’esito sportivo, quella di sabato resterà una serata da ricordare per i quattordici piccoli pazienti del reparto Ortopedia dell’ospedale Santobono di Napoli. L’irruzione nel metaverso, che grazie alla disponibilità della Fondazione Santobono-Pausilipon ha consentito loro di vivere la finale di Champions League tra Liverpool e Real Madrid come se la stessero godendo all’interno dello Stade de France di Parigi, invece che in una stanza di ospedale, non ha tradito le aspettative. L’esperienza immersiva, progettata e realizzata dalle aziende di Meta-Experience (Olimaint, Pointel Communication, Studio Chain, Discover Campania, Agenzia Indaco), ha conquistato i ragazzini fin da quando i tecnici di Cultura Immersiva li hanno aiutati ad indossare i visori VR, necessari per trasferirsi nella realtà virtuale di cui sono stati protagonisti attraverso gli avatar appositamente creati per loro. Seguiti costantemente dal personale sanitario del reparto, che ha partecipato anch’esso in allegria all’evento, i giovanissimi ospiti dell’ambiente metaverso sono stati subito padroni della situazione, divertendosi ad esplorare le opportunità che la tecnologia d’avanguardia aveva messo loro a disposizione, commentando e giocando fra loro. Momenti che sono stati registrati e raccolti dalle videocamere presenti nella stanza, per restituire successivamente all’esterno il senso e le varie fasi dell’evento, che si è svolto a porte chiuse per le restrizioni post Covid e nel pieno rispetto delle regole vigenti in ospedale.

Quello di sabato sera a Napoli è stato il primo utilizzo sociale in ambiente ospedaliero della tecnologia VRO a livello mondiale. Un appuntamento destinato fin dall’ideazione a fare da apripista ad esperienze immersive ispirate alle stesse finalità di pratiche ormai largamente diffuse, come la Clowntherapy e la Play Therapy, che contribuiscono ogni giorno all’umanizzazione e alla qualità dell’assistenza ospedaliera soprattutto in centri di cura pediatrici.

«I sorrisi dei ragazzi che hanno partecipato e le immagini che dimostrano quanto sia stata per loro un’ora piacevole e serena– ha detto Anna Parlato di Discover Campania – sono il miglior commento a questo evento che, come Meta-Experience, abbiamo fortemente voluto e al quale abbiamo dedicato il massimo impegno di tutto il nostro gruppo di lavoro, affinché tutto filasse perfettamente durante il coinvolgimento dei piccoli del Santobono. A loro va il nostro ringraziamento, insieme alla Fondazione Santobono-Pausilipon, a Confesercenti Campania, alla Regione e al Comune di Napoli per il patrocinio morale, che ci hanno sostenuto nella concretizzazione di questo progetto senza precedenti. Per noi, comunque, è solo l’inizio di un percorso che si arricchirà presto di nuove tappe».

Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto