Tu sei qui
Home > Campania > A Procida 22 leader della cultura campana per il cultural summit sui musei e inaugurazione del museo civico “Sebastiano Tusa”

A Procida 22 leader della cultura campana per il cultural summit sui musei e inaugurazione del museo civico “Sebastiano Tusa”


Raimondo Ambrosino Sindaco di Procida

Un parterre d’eccezione quello di lunedì 16 maggio alle ore 10.00 per la tavola rotonda sui musei “minori” e per l’inaugurazione ufficiale del Museo civico “Sebastiano Tusa”.

L’evento organizzato dal Museo civico “Sebastiano Tusa” del Comune di Procida è in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggi per l’Area Metropolitana di Napoli, con l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e con l’Università degli Studi di Napoli Federico II.

L’evento si terrà nel cuore religioso e culturale del borgo di Terra Murata di Procida. Dalle ore 10.00 alle 13.00 si potrà assistere alla tavola rotonda presso l’Abbazia San Michele Arcangelo per poi spostarsi al museo civico situato nell’ex Conservatorio delle Orfane per l’inaugurazione del Museo civico “Sebastiano Tusa”.

Il summit con i vertici della cultura partenopea dal titolo: «Riflessioni e prospettive, nell’anno di Procida Capitale Italiana della Cultura, sui processi di valorizzazione del patrimonio culturale per il tramite delle istituzioni museali presenti capillarmente nei piccoli territori» ha come obiettivo quello di accendere i riflettori sulla problematica della valorizzazione dei musei dei piccoli territori napoletani e campani.
Durante l’incontro l’obiettivo sarà puntato sulla “riscoperta” e sulla valorizzazione di questo patrimonio museale per dare supporto e per fornire soluzioni pratiche al successo dei piccoli e preziosi musei campani.

Sebastiano Tusa – foto del 28/10/2017 – Paestum – ph. Anna Russolillo

Abbazia di San Michele. Tavola rotonda alle 10.00

Ad aprire il meeting saranno Monsignor Michele Del Prete, parroco dell’Abbazia, Raimondo Ambrosino, sindaco di Procida, Agostino Riitano direttore di Procida Capitale italiana della cultura 2022 e Gaetano Manfredi, sindaco di Napoli. Dell’amministrazione della Regione Campania interverranno Felice Casucci, assessore al Turismo, Rosanna Romano, direttrice Generale per le politiche culturali e il turismo e Anita Florio della Promozione e valorizzazione dei musei e delle biblioteche. Del Ministero della Cultura interverranno: Teresa Elena Cinquantaquattro, soprintendente SABAP, Elena Calandra, direttrice ICA del MiC, Gabriele Capone, soprintendente SAB. Del mondo accademico interverranno: Lucio D’Alessandro, rettore del Suor Orsola Benincasa, Matteo Lorito, rettore della Federico II, Paola Villani, direttrice del Dipartimento di Scienze Umanistiche del Suor Orsola Benincasa, Domenico Calcaterra, direttore del Dipartimento di Scienze della Terra della Federico II. Dei poli archivistici, museali e scolastici interverranno: Candida Carrino, direttrice dell’Archivio di Stato di Napoli, Rossella Paliotto, presidente della Fondazione Banco di Napoli, Paolo Giulierini, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Fabio Pagano, direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Marianella Pucci della Commissione MiC Sistema museale nazionale – ANCI, Maria Saletta Longobardo, dirigente dell’Istituto Caracciolo. Modererà Antonio Carannante, Assessore del Comune di Procida. Chiuderà il summit Nicola Scotto di Carlo, Direttore del Museo Tusa.

Alle 13.15 Inaugurazione del Museo civico “Sebastiano Tusa”

Sebastiano Tusa

Antonio Carannante, assessore con delega  Terra Murata, Vivara, contenzioso, acquedotto e pubblica Illuminazione,

Sebastiano Tusa è il noto archeologo siciliano, morto tragicamente il 10 marzo nell’incidente aereo in Etiopia che ha lasciato un vuoto incolmabile non solo nei figli Vincenzo e Andrea, nella sorella Lidia e nei familiari ma anche in tutto il mondo della cultura internazionale. Lucio d’Alessandro, rettore dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, lo ricorda così: «Ci sono uomini che non muoiono mai. Perché resta nella storia a disposizione del futuro il lascito delle loro azioni, dei loro studi, delle loro ricerche».

Inaugurazione del Museo

A poche ore dall’inaugurazione del Museo Tusa l’assessore Antonio Carannante, con delega  Terra Murata, Vivara, contenzioso, acquedotto e pubblica Illuminazione, sottolinea che «ha voluto fortemente il primo Museo a Procida: un lavoro iniziato nel 2017 con poche risorse economiche. È il primo museo che nasce sull’isola e lo abbiamo pensato per legarlo al massimo al territorio con gli oggetti delle famiglie dei marittimi, i reperti micenei e gli studi sulla nascita della nostra isola,. In questo modo aumenta la consapevolezza e quindi la tutela del territorio. C’è un mondo da far scoprire e fino ad oggi rimasto nell’ombra».

Nicola Scotto di Carlo, Direttore del Museo Civico “Sebastiano Tusa” di Procida

D’altro canto il direttore Nicola Scotto di Carlo ricorda Sebastiano Tusa con queste parole: «La storia del mare si incrocia con quella degli uomini, il nostro angolo di Mediterraneo ne è testimonianza millenaria. Sebastiano Tusa ha speso la propria esistenza per raccontarla e ricercarne tracce. Il suo legame con Procida, risale ai primi anni della sua carriera partecipando agli scavi archeologici su Vivara, e ancora in epoca recente è stato il responsabile scientifico del progetto Sinapsis da cui nacque l’area espositiva TERRA, oggi evoluta nel Museo Civico».

A tagliare il nastro per l’apertura ufficiale del Museo Civico intitolato a Sebastiano Tusa alle ore 13.15 sarà la moglie di Tusa Valeria Li Vigni e l’amico e collega di Tusa professor Massimiliano Marazzi.

Anna Russolillo
Napoletana, architetto specializzata in restauro dei monumenti alla Federico II di Napoli. Giornalista, collabora con il quotidiano “Il Roma”. Subacquea con all’attivo numerosi master in archeologia subacquea. E’ fondatore e presidente dell' associazione Villaggio Letterario. Da sempre coinvolta per studio, per lavoro e per passione nel mondo del turismo, dell'arte e dell’archeologia, ama ideare, organizzare, coordinare e realizzare progetti ed eventi culturali, sociali, scientifici e turistici. La Campania e la Sicilia sono le sue due patrie. Questi i suoi siti: www.annarussolillo.it - www.villaggioletterario.it - www.marefest.it - www.trofeomaiorca.it - www.librofest.it - www.roccocoofest.it - www.nolimitswinediving.it
http://www.annarussolillo.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto