Tu sei qui
Home > Campania > Poesie e Proverbi Napoletani

Poesie e Proverbi Napoletani

Presentazione: Poesie e Proverbi Napoletani

Napoli: un insieme di fili che tengono insieme stelle e poesie. La letteratura Napoletana è un archivio di storie, aneddoti ed eventi trasformati in canzoni, opere, dipinti. Da tutto ciò sono emersi proverbi e aforismi, modi di dire che per la gente di Napoli sono parte attiva del linguaggio comune. Ci si gonfia il cuore di gioia quando ascoltiamo dalla bocca esperta di un vegliardo, quache sottile proverbio, o quanta luce ci abbaglia negli occhi, quando qualcuno ci racconta la saggezza popolare di un detto o di una poesia. Le poesie e i proverbi Napoletani, sono per noi dei catalizzatori di armonia.

Brevi esempi

La canzone: Totonno ‘e quagliarella, di Giovanni Capurro e Francesco Buongiovanni, qui cantata dal grande Sergio Bruni, è l’emblema della canzone filosofica Napoletana, quella ricca di proberbi o comunque di significative note di saggezza popolare.

E allora bevo, di Eduardo de Filippo, qui recitata da Gigi Proietti, pure rimarca l’immensa saggezza Napoletana espressa in una poesia apparentemente semplice, ma di una sapienza disarmante. Domani non è ancora venuto, esiste solo il presente, e in questa sfida ne emerge vincitore il vino, simbolo del desiderio che deve essere realizzato quando lo si desidera, senza rimandare a un domani che non si conosce.

Poesie “le poesie e i proverbi, sono inediti e composti dal sottoscritto”

Vulesse ‘o viento

Vulesse ‘o viento,

ca se purtasse tutt’ ‘e penziere,

vulesse pe’ ‘nu mumento,

turna’ âiere, e tene’ ancora tiempo pe’ cagna’.

Vulesse ‘o sole, ca sciugliesse ogne dulore,

pe’ tene’ ancora ‘a forza ‘e nu surriso,

pecche’ l’inferno addiventasse cielo,

e cielo, paraviso.

Vulesse ‘o viento,

ca ce lassasse sul’ ‘o mare,

vulesse fa cuntento, a chi da vita, ha avuto sulo male.

Sent’ ‘o tiempo

Sent’ ‘o tiempo,

e nu ricordo ca nun voglio arricurdà,

sento l’aria balzamata,

o scunzulata ‘e sta città.

Voglio a te che saie parlà,

senza dicere parole,

me voglio ‘e te ‘nnammurà,

pecchè tu saie che d’è l’ammore,

facimme a tiempo a ce vasà,

pecchè ‘a vita è assaie veloce,

dimme quanno ‘o posso fà,

te dico l’ora, e tu damme ‘na voce.

Ricco è ‘o core

Nun serveno ‘e sorde pe’ campà;

si’ po’ nun tiene core pe’ l’ate,

me dice tu de’ sorde che ‘ne ‘a fa?

Ah tu te crire c’avasta ‘a ricchezza?

E quanti cose ca nun saie!

Sacca chiena nun fa priezza,

sulo chi dà ‘o core è ricco assaie.

Dimenticanza

Me so’ scurdato ‘e te chiammà,

nun è stata colpa mia,

‘o ssaie che tengo ‘a fa.

So’ malato ‘e gielusia,

si’ m’arricordo ‘e chella vota,

for’ ‘a piazza ‘e ferruvia,

uh Giesù e c’arrevota,

sarrà pe’ chesto ca me so’ scurdato?

Ne parlammo n’ata vota,

i’ però me so’ scusato,

nun è overo nun è rota,

i’ ‘e te so’ ‘nnammurato.

Speranza

Me sceto ogne matina,

speranno ‘e te vedè,

comme ‘na vota a me vicina,

quanno dicive: voglio a te.

Sta speranza m’arrevota,

comme ‘na foglia ‘mmiez’ ‘o viento,

‘e t’abbraccià pe’ n’ata vota,

si’ sultanto pe’ nu mumento.

Breve parentesi sulle immagini

Infatti, si precisa, che volutamente, in aggiunta a questo articolo di poesie e proverbi, non come alternativa, ho distribuito delle immagini, di grandi opere di pittori Napoletani, a titolo di esempio, per illustrare al meglio l’infinita arte del pensiero e della saggezza Napoletana.

Proverbi Napoletani

1

‘O sale, senza sapore,

nun serve a niente.

‘A stessa cosa:

‘a bellezza senza core.

2

Si’ saie cantà,

canta;

sinnò statte zitto.

3

Chi magne sul’ ‘o doce,

po’ cacà l’amaro.

4

Stipa ‘o bene,

pierde ‘o male.

5

Vocca ca parla,

core che tace.

6

Siente e astipa

7

Surdo c’ ‘o surdo,

sientece cu chi ce sente

8

L’ammore overo,

chiude ‘a vocca e arape ‘o core.

9

Chi grano tene,

felice ammore.

10

Gioie e dulore fanno l’ommo

Note e ringraziamenti

Ringrazio i gentili lettori e le gentili lettrici, che invito con umile desiderio a prenotare una copia in cartaceo del mio ultimo libro di poesie e aforismi: Come fiori in attesa della primavera, acquistabile cliccando sul link precedente, o tramite i siti della Mondadori store, La Feltrinelli, Amazon.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto