Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > Le grandi poesie Italiane tradotte in Napoletano

Le grandi poesie Italiane tradotte in Napoletano

Presentazione

Con profonda umiltà, mi sono prodigato secondo il mio ingegno, a tradurre in lingua Napoletana alcune delle più note poesie di autori Italiani. Chiudo questa raccolta con una poesia di Catullo, grande autore Romano, che seppur di lingua Latina, tuttavia è sempre un autore della nostra patria. Auguro a voi tutti/e una piacevole lettura, e vi invito a leggere tutti gli altri miei articoli pubblicati in questa rubrica: Viva Napoli!

Le grandi poesie Italiane tradotte in Napoletano

Infinito: Leopardi

Sempe cara l’aggio tenuta sta cullina,

e chest’evera ca tutt’attuorno,

niente me fa vedè.

Ma quanno m’assetto e tengo mente,

tutti chilli spazi cchiù a llà,

e silenzi’ assaie,

e quiete azzuffunno,

io m’immagino ‘ncap’ a me,

accussì ca quase pe’ poco,

‘o core nun s’appaura.

E quanno sento,

‘o viento cantà pe’ fronne,

chill’infinito silenzio,

mett’assieme a chesti foglie,

e penso all’eterno,

‘o passato e chello ca è mò,

viva e ‘o suono ‘e essa,

accussì ‘o pensiero mio,

s’affonna ‘int’a chest’immensità,

e ‘o murì m’è doce ‘int’a stu mare.

San Martino: Carducci

‘A nebbia ‘ncopp’ ‘e muntagne,

chiuvenno saglie,

e sott’ ‘o viento,

allucca e s’inbianca ‘o mare.

Ma pe’ vie do’ quartiere,

addo’ pappuleano ‘e cantine,

n’addore aspro ‘e vine,

fa l’anema arricrià.

S’avota ‘ncoppa ‘e cippe appise,

‘o spiedo ca se coce,

e ‘o cacciatore senza voce,

for’ ‘a porta a sischià.

Alla sera: Foscolo

Forze pecchè tu si’ ‘o penziero d’ ‘a pace,

c’ha vuluto ‘a ciorta, viene a me cara,

sera,

sia quanno ‘e nuvole ‘e l’estate,

ȇ zeferi te connolano cu priezza,

sia quanno ‘int’ ‘o cielo abbrummato,

puorte cu te all’universo,

notte scure e senza pace,

sempe tu scinne,

ȇ vie annascuse do core mio,

tu guvierne.

Me faie cammenà da penziero a penziero,

‘ncoppa ‘e passe ca vanno,

addo nun ce sta niente,

e intanto se ne fuie,

stu tiempo malamente,

e cu isso se ne vanno l’ansie,

addo isso se struje cu me,

e mentre penzo a chesta pace ca me daje,

se cheta chillu spirito guerriero,

ca dint’ a me nun s’arrenne maje.

Ho sceso dandoti il braccio almeno un milione di scale: Montale

Aggio sciso cu te sott’ ‘o braccio,

almeno nu milione ‘e scale,

e mo ca nun ce staie,

è ‘o vuoto a ogne rale.

Pure accussì è stato poco,

‘o viaggio c’amma fatto,

‘o mio dura ancora mo,

e nun me servono ‘e coincidenze,

‘e prenotazione,

‘e trappole e ‘o scuorno ‘e chi crede,

c’ ‘a verità è chella ca se vede.

Aggio sciso cu te sott’ ‘o braccio,

almeno nu milione ‘e scale,

no pecchè cu quattr’uocchie,

se vede meglio,

cu te l’aggio sciso pecchè sapevo ca fra me e te,

l’uocchie cchiù buone,

si’ pure nu poco stanche,

erano ‘e tuoie.

Tanto gentile e tanto onesta pare: D.Alighieri

Accussì gentile e accussì onesta pare,

‘a femmena mia quanno saluta all’ate,

e ogne lengua fa tremmà senza parlà,

tanno ca l’uocchie manco ‘a riescono a guardà.

Essa nun se ferma quanno se sente curteggià,

accussì umile e bona continua a cammenà,

ca pare quasi venuta do cielo,

‘ncopp’a terra pe’ miracolo a mustrà.

A se mustrà bella ‘e core a chi ‘a guarda,

che da pe’ l’uocchie na priezza ‘e core,

ca nisciuno ‘a po’ capì si’ nun ‘a prova,

e pare ca da vocca soia,

se move nu spirito d’ammore,

ca va dicenno all’anema: suspira.

Pace non trovo e non ho da far guerra: Petrarca

Pace nun ‘a tengo,

e nun voglio fa guerra,

e tengo paura e spero,

e m’abbrucio,

e songo ghiaccio,

e volo ‘ncopp’ ‘o cielo,

e stongo ‘nterra,

e niente astregno,

e tutt’ ‘o munno abbraccio.

Accussì stongo carcerato,

e nun me libero  né ‘a sera,

e nun me tene pe’ suoie,

e manco me libera l’ammore,

e nun me vo’ vivo,

e manco m’accide.

Veco senz’uocchie,

e nun tengo lengua e grido,

e vulesse murì,

e cerco ‘a vita,

e me schifo,

e voglio bene all’ate,

vulesse suffrì,

chiagne e rido,

me fanno schifo vita e morte,

‘int’a stu stato,

so’ femmena pe’ vuie.

La pioggia nel pineto: D’annunzio

Nun parlà;

all’inizio do bosco,

nun sento ‘e parole ca dice,

ma sento parole cchiù nove,

ca parlano scennenno e foglie in luntananza.

Siente; chiove,

da ‘e nuvole ccà e là,

chiove ‘ncopp’ ‘e tamerici,

c’abbruciano ‘e sale,

chiove ‘ncopp’ ‘e pini,

dritti,

e chiove ‘ncopp’ ‘e mirti,

‘ncopp’ ‘e ginestre allummate,

‘e fiori accartucciate,

‘ncopp’ ‘e ginepri gruosse,

chiove ‘ncopp’’e facce noste,

chiove ‘ncopp’ ‘e mane annure,

‘ncopp’ ‘e veste leggere,

‘ncoppa ‘e penziere,

ca l’anema nova s’arape,

ca favola bella c’aiere,

te cuntaie na bucia,

me conta na bucia,

Ermione.

Siente? ‘A pioggia cade,

‘ncopp’ ‘a verdura sulitaria,

cu nu rummore ca dura,

e cagna ‘int’ a ll’aria,

a sicondo de fronne,

cchiù apparate, poco apparate.

Siente;

risponne ‘o chianto,

‘o canto de cicale,

ca ‘o pianto australe,

nun s’appaura,

né ‘o cielo scuro,

e ‘o pino,

tene nu suono,

e ‘o mirto,

n’atu suono,

e ‘o ginepro n’atu ancora,

museca diversa sotto ‘e dete assaie.

E immerse stammo ‘int’ ‘o spirito selvaggio,

‘int’ ‘e frasche a vivere,

e ‘a faccia toia chiena,

è molla da pioggia,

comme na foglia,

‘e capille tuoie,

saglieno ‘ncielo comm’ ‘e ginestre,

o creatura terrestre ca te chiamma Ermione.

Siente, siente,

‘a museca de cicale,

a poco a poco cchiù surdo,

se fa sott’ ‘o chianto,

che saglie,

ma nu canto se mesce cchiù rauco,

ca a llà bbascio saglie,

‘all’ ombra bagnata e luntana,

cchiù surdo e cchiù lento,

s’allenta e se stuta.

Nun se sente voce do mare,

sulo se sente,

gracchiare,

‘a pioggia che sporca,

l’aria che varia,

a sicondo da fronna,

cchiù folta, poco folta,

siente;

‘a figlia ‘e ll’aria è muta,

ma ‘a figlia do limo luntana,

‘a rana canta ‘int’ a ll’ombra cchiù profonda,

chi ‘o ssape addò,

e chiove ‘ncopp’ ‘e ciglia toie,

Ermione.

Chiove ‘ncopp’ ‘e ciglia nere,

e me pare ca tu chiagne,

ma ‘e piacere,

non ianca,

ma quase comme viva,

me pare ca da na scorza tu iesce,

e tutt’a vita è ‘int’a nuie fresca,

e ‘o core ‘int’ ‘o pietto e comme na pesca intatta,

l’uocchie so’ comme acque tra l’erba,

‘e diente comme mandorle acevere,

e iamme ‘e fratta in fratta,

mo ‘nzieme mo luntane,

e ‘a forza verde c’allaccia ‘e cosce,

ce ‘ntrica ‘e caviglie,

chi ‘o ssape addò, chi ‘o ssape addò,

e chiove ‘ncopp’’e facce noste,

chiove ‘ncopp’ ‘e mane annure,

‘ncopp’ ‘e veste leggere,

‘ncopp’ ‘e fresche penziere,

ca l’anema nova s’arape,

‘ncopp’ ‘a favola bella c’aiere

te cuntaie na bucia,

ca mo me conta na bucia,

Ermione.

Baciami mille volte: Catullo

Vasame mille vote,

e po’ ciento,

po’ n’ata vota mille,

e ancora ciento,

e dopo n’ata vota mille e po’ ciento.

E po’ ammischiamme ‘e migliare tutt’assieme,

pe’ ce scurdà,

pecchè nisciuno c’ha dda purtà male,

sapenno quanti vvote c’amma vasate.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto