Tu sei qui
Home > Campania > Le imprese femminili valgono il 21% del PIL italiano. Stanziati 40 milioni con il Fondo Impresa Donna

Le imprese femminili valgono il 21% del PIL italiano. Stanziati 40 milioni con il Fondo Impresa Donna

Il 21% del PIL italiano prodotto dalle imprese in “rosa”. Le imprese attive a conduzione prevalentemente femminile a fine 2020 sono 1.164.683, pari al 22,6% delle imprese totali. Queste imprese contribuiscono alla creazione del 21% del Valore Aggiunto nazionale pari, a quasi 308 miliardi di euro. Grazie all’istituzione di un Fondo Impresa Donna con un finanziamento iniziale di 40 milioni di euro ai quali si aggiungeranno le risorse del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (400 milioni), sono imprese destinate a crescere. Federcasalinghe e Fondazione Leone Moressa hanno individuato i settori in crescita per ogni regione italiana, realizzando uno strumento utile alle donne che vogliono fare impresa.

L’andamento delle imprese femminili. Negli ultimi quattro anni l’andamento dell’imprenditoria femminile appare piuttosto costante. Dal 2016 si è registrata una crescita di oltre 6 mila aziende condotte da donne, mentre quelle maschili sono diminuite di 4 mila unità. I primi segnali del 2021 sono positivi e si registra una crescita imprenditoriale sia per le imprese condotte da donne che da uomini.

I settori a maggiore presenza di imprese femminili. Se mediamente le imprese femminili rappresentano il 22,6% delle imprese totali, la situazione è molto differente a seconda del settore. L’incidenza più alta si registra nei Servizi alle persone (es. parrucchieri, estetisti, lavanderie), in cui le imprese femminili sono più della metà del totale (52,3%). L’incidenza femminile supera il 30% anche nelle imprese che si occupano di industria tessile e abbigliamento (39,4%), Alloggi (35,6%), Istruzione e sanità (34,9%), Commercio al dettaglio (32,5%).

I settori in crescita in Italia. Osservando la variazione nel periodo 2016-2020, l’incremento maggiore si è registrato nel settore Alberghi e ristoranti (+20,7%). In crescita anche le Attività professionali (+18,3%), Noleggi e servizi alle imprese (+11,7%) e attività della Sanità e della scuola (+11,5%). In calo, invece, il commercio al dettaglio (-8,2%), l’agricoltura (-4,4%) e l’industria tessile e dell’abbigliamento (-4,9%).

Imprese femminili più presenti al Sud. A livello territoriale, il maggior numero di imprese femminili si registra in Lombardia (158 mila), Campania e Lazio (entrambe con circa 118 mila unità). L’incidenza maggiore sulle imprese totali si registra nelle regioni del Sud, in particolare Molise (28,4%), Basilicata (27,5%) e Abruzzo (26,7%). I valori più bassi, sotto il 20%, sono invece in Trentino Alto Adige e Lombardia.

Le prime indicazioni relative al primo semestre 2021 sono positive per Sicilia (+2,2%), Campania (+2,0%) e Lombardia (+1,8%). Si registrano maggiori difficoltà per quel che riguarda l’imprenditoria femminile in Friuli Venezia Giulia (-0,3%), in Molise (-0,7%) ed in Lazio (-1,3%). 

Chi sono le imprenditrici in Italia. Le imprenditrici sono 2,1 milioni, pari al 28% del totale degli imprenditori. Per quanto riguarda le classi d’età, solo il 5% ha meno di 30 anni. Al contrario, il 12,3% ha più di 70 anni. La classe più numerosa è quella 50-69 anni, che rappresenta il 43,7% delle imprenditrici. Oltre un quinto delle imprenditrici opera nel commercio (25%). 

La Presidente di Federcasalinghe On. Federica Rossi Gasparrini commenta” Il divario di genere rimane ad oggi uno dei problemi più critici in Italia. L’imprenditoria femminile rappresenta uno degli strumenti per ridurre il divario di genere e per aumentare le opportunità delle donne. Questo studio nasce dalla necessità di conoscere la realtà attuale dell’impegno imprenditoriale delle donne, al fine di offrire un sostegno consapevole e dati certi alle Socie o Simpatizzanti che intendono avviare o sviluppare un’impresa femminile

Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto