Tu sei qui
Home > Campania > Stasera Inter-Napoli. I trascorsi storici raccontati da Maurizio Esposito

Stasera Inter-Napoli. I trascorsi storici raccontati da Maurizio Esposito

È una sfida classica del campionato italiano. L’Inter, eliminata dalle coppe europee e dopo il secondo posto dell’anno scorso, quest’anno è stata costruita per vincere con il confermato allenatore Antonio Conte. L’Inter viene da 4 vittorie consecutive. A ottobre i nerazzurri ambrosiani si sono rinforzati con l’esterno basso Darmian dal Parma 1913 e il mediano Vidal, già con Conte alla Juventus dal Barcellona. In attacco la coppia Lautaro Martinez-Lukaku, 14 gol in due, non sta facendo rimpiangere Mauro Icardi andato al Paris Saint Germain. Non sta rendendo, come suo solito, il portiere sloveno Handanovic.

Cagliari Milan e Torino dopo 11 giornate non hanno avuto nessun calciatore squalificato.

Italo Allodi (1928-1999) è stato manager delle due squadre invece le hanno allenate Giuseppe Chiappella (1924-2009), Rino Marchesi, Marcello Lippi e Ottavio Bianchi che del Napoli è stato anche calciatore. Hanno giocato con Inter e Napoli Amedeo Amedei (1921-2013 ) Ottavio Bugatti  (1928-2016), Luis De Menezes Vinicio, Achille Fraschini, Mauro Gatti, Pacifico Cuman (1935-2002 ) Walter Pontel (1937-2003) , Claudio Bandoni, Dino Panzanato,  Aristide Guarneri, Spartaco Landini I (1944-2017), Alberto Reif (1946-2012), Oscar Giuseppe Damiani, Giorgio Mariani (1946-2011), Tarcisio Burgnich, Mauro Bellugi, Luciano Marangon I.Giam Piero Ghio, Giuseppe Massa (1948-2017 ), Sauro Catellani, Luciano Marangon I, Fausto Pari, Salvatore Bagni, Luca   Mondini. Amedei è stato anche allenatore del Napoli.

Mariolino Corso (1941-2020) è stato una bandiera dell’Inter da calciatore e poi ha allenato gli Allievi del Napoli vincendo un titolo nazionale di categoria nel 1979. Rosario Di Vincenzo ha giocato con l’Inter e poi è stato allenatore dei portieri del Napoli; percorso inverso per il milanese Luciano Castellini che dopo aver chiuso la carriera agonistica nel Napoli è tornato a Milano per allenare i portieri dell’Inter.

QUEI NAPOLETANI, INTERISTI MANCATI

Nel 1970 Enzo Montefusco, mediano del Napoli di Chiappella doveva essere ceduto all’Inter ma lo scugnizzo del Vasto andò al Foggia voluto dal compianto Tommaso Maestrelli (1922-1976). A Foggia Montefusco disputò il miglior campionato della sua carriera, tornò al Napoli ma con poca fortuna.

Alla fine del campionato 1972-73 il baronetto di Posillipo Gianni Improta era il pezzo forte della rosa del Napoli e contendeva al captano Antonio Juliano il ruolo di leader dello spogliatoio.  In quegli anni Improta era considerato in rigorista infallibile alla stregua dell’Interista Roberto Boninsegna. I rigori di Improta erano battuti con l’interno piede, spiazzavano il portiere e di infilavano nella parte bassa a fil di palo. 

Nell’estate del 1973, ricordato dai napoletani perché ci fu il colera, Improta che non rientrava nei piani del nuovo allenatore Vinicio, era richiesto dall’Inter del presidente Ivanhoe Fraizzoli (1916-1999) ma poi andò alla Sampdoria, società a quei tempi di seconda schiera dove giocò con Marcello Lippi. Si disse che Improta era strato ceduto perché non gradito a Juliano

Nei primissimi anni di Maradona a Napoli (1984-86) vi era un gregario preziosissimo Costanzo Celestino. Il ragazzo di Capri era titolare nell’UNDER21 e nell’estate del 1986 era pronto per andare all’Inter ma un grave incidente fece saltare il passaggio all’Inter.

Maurizio Esposito
Maurizio Esposito è nato nel quartiere di Fuorigrotta. Ha vissuto a Portici, Caserta, Milano e Pozzuoli. Dal 1980 al 1989 ha collaborato con “Sport Sud”. Nel 1987 è giornalista pubblicista e l’anno successivo si laurea in sociologia, tra i suoi insegnanti Amato Lamberti, studioso dei fenomeni criminali e poi presidente della Provincia di Napoli. Nel 1992 ha ideato e condotto la trasmissione televisiva “Trediciamo insieme” su Tva 64, emittente casertana. Nel 1995 è nella segreteria dell’Ussi Campania con il presidente Guido Prestisimone. È stato collaboratore della Scuola Calcio La Schiana di Pozzuoli e del Palivar società della frazione del lago Patria a Giugliano. Negli anni 1991 e 1992 è stato responsabile delle pagine sportive per il giornale ischitano “Il Golfo” che per un periodo ha avuto un'edizione flegrea. Dopo qualche anno trascorso da insegnante di doposcuola nel Centro Sociale “Antonio de Curtis” del quartiere di Monterusciello a Pozzuoli, ha lasciato Napoli nel 1999 per trasferirsi a Parma. Nella città emiliana Ha collaborato con “La Voce di Parma”. Nel 2004 ha fondato la rivista “Pop Sport” insieme all'editore Roberto Pastoressa. Dal 2008 al 2011 ho collaborato con l'”Informazione di Parma”. Ha pubblicato alcuni annuari sul calcio dilettantistico in Campania e in Emilia Romagna. Nel 2009 la Figc di Parma lo ha premiato come miglior giornalista sportivo della provincia di Parma.
http://www.pop-sport.it/

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto