Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > 25 Natale | La Rinascita della Poesia Napoletana

25 Natale | La Rinascita della Poesia Napoletana

La sacralità del Natale, così fluida ed elevata, non poteva che trovare nell’ambiente Napoletano, un degno terreno ove lasciare le proprie radici, perché siano gustosi poi i suoi frutti. 

La tradizione religiosa, culturale e culinaria Napoletana, ha sempre dato alla festività Natalizia, un’importanza fondamentale. Solo chi ha il cuore di un’artista può comprendere la bellezza che il Natale porta con sé ogni anno, e la sa tirare fuori non con banalità, ma con la maestria propria dell’artista. Il popolo Napoletano, dalle sue periferie più estreme alla vasta e superba area Flegrea, ha sempre, con la maestria del proprio ingegno artistico, vissuto e “realizzato” un Natale pieno, corposo, di sostanza.

disegno di Imma Tudisco

Non è un caso che l’arte presepiale più famosa e riconosciuta al mondo, è quella dei maestri e artigiani Napoletani. Si hanno notizie dei presepi a Napoli fin dal secolo XIII, ma è nel XVII secolo che il presepe assume la forma che noi oggi contempliamo, un vero e proprio modello d’arte, dove Betlemme si confonde con la Napoli settecentesca, come a dire che la nascita del Signore Gesù, avviene in ogni momento nel cuore di chi sa accoglierlo con bontà e umiltà. Anche la poesia ci ha lasciato un notevole archivio colmo di versi in lingua Napoletana dedicati al Natale, ed è proprio con un mio poemetto in lingua Napoletana che in questo articolo voglio raccontarvi una simpatica storia di fantasia, che ha in sé, il gusto e il significato del Natale. 

‘A sera dâ vigilia, n’ommo cammenava ‘mmiez’ a’ via, ‘nzieme ‘a nu cane, 

ca pur’isso pareva ‘o ritratto dâ malincunia. 

St’ommo teneva na faccia ianca, 

e nu cappotto stracciato,

‘o cane zuppechiava pe’ via ‘e n’anca,

e veneva tirato ‘a na corda ‘e fierro filato. 

“Ah che grand’ommo ca songo!” diceva lo sfortunato,

“manco nu regalo pozzo fa alla mia famiglia”

e chiagnenno se fermaie sotto a n’albero allummato,

dicenno “guaie a me e sfortunato chi me piglia!”. 

Ma prianno e chiagnenno, l’ommo s’addurmette,

se scetaie cullato a nu viento sabbioso,

arrumanette stupito e subito dicette:

“ch’è chistu posto scuro e nebbioso?” 

Se truvaie ‘int’ a nu deserto ‘e sabbia scura,

‘nzieme ‘o cane stupediato comme isso,

ce venette nu penziero e se mettette appaura,

“o me trovo a Betlemme o so addiventato fesso”

Ma facennose forza accuminciaie a cammenà,

dicenno ‘mpietto a isso, “oh Dì pienzace tu”

vedenno pô na stalla se mettette âlluccà:

“chesta è overo Betlemme, e chell’è ‘a casa ‘e Giesù!” 

Pe’ crianza se mettette a distanza pe’ guardà,

‘mpaurito ‘a chillu posto accussì luntano, 

ma San Giuseppe ‘a ‘int’ ‘a stalla ‘o facette chiammà,

dicennole “so’ stanco, me serve na mano”.

Scurnuso ȇmozionato,

l’ommo dicette che sì,

ma c’ ‘o cane appriesso e senza sciato,

le pareva brutto appresentannose accussì. 

Ma ‘a Madunnella bella e addolorata,

‘ncopp’ ‘a paglia le facette nu surriso,

c’allummaie tutt’ ‘a stalla facennol’affatata,

e a l’ommo le pareva ‘e sta ‘mparaviso. 

‘O cane per ossequio se mettette accucciato,

mentre l’ommo venerava quel ritratto di bellezza,

c’annanze all’uocchie purtaie un miracolo annunciato,

del bambino avvolto in una candida dolcezza. 

Giesù guardava l’ommo con grande amore,

San Giuseppe rummneva in silenzioso rispetto,

“oh Dì” dicette l’ommo, “m’he cagnat’ o core”

“me portarraggio sempe ‘mpietto chistu segno d’affetto”. 

Mentre diceva stì cose, 

l’ommo se truvaie nel suo attuale presente,

prufummato ‘e paraviso e n’addore ‘e rose,

ca le facette parè bello quel che era dolente. 

Turnanno â casa abbracciaie figlio e mugliera,

cu na gioia accussì forte ca nun se po’ cuntà,

le cuntaie ‘a storia do’ Natale e di quel che c’era,

a’ nascit’ ‘e Giesù, con profonda umiltà. 

“Natale è na fenesta,

c’affaccia ‘int’ ‘o passato,

ci toglie quel che resta,

delle tracce del peccato.

Natale è n’occasione,

per le nostre virtù,

nun è sulo tradizione,

è ‘a festa ‘e Giesù.

Che ce ‘mporta d’’e denare,

d’’e regale e d’’o magnà,

quel che conta non appare,

sulo Dio ce po’ bastà”. 

Approfitto per lasciare ai gentili visitatori, un sincero augurio per un felice e sereno Natale.

Ps: La composizione grafica dell’immagine, è stata realizzata dall’artista, disegnatrice e tatuatrice: Imma Tudisco 

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco
Ivan Tudisco, nato a Napoli l’8 luglio 1980. Dopo aver conseguito il diploma di perito informatico, e aver frequentato la facoltà di Filosofia, ha svolto diversi ruoli in ambito professionale, spostandosi nelle varie regioni Italiane. Da oltre dieci anni fa parte di una Onlus, la San Mattia, un’associazione attiva nel volontariato e nell’ambito Cattolico giovanile. Da due anni si occupa di assistenza sanitaria. La sua passione letteraria inizia nel 2007 con la prima pubblicazione di una raccolta di versi in Italiano, edita da una casa editrice siciliana. Seguiranno pubblicazioni varie di poesie su diverse antologie nazionali di poeti emergenti, e su riviste quali: Poeti e poesia. Seguirà la pubblicazione di una raccolta di poesie in lingua napoletana, la prima, pubblicata a sue spese nel 2014, e una raccolta di poesie in Italiano, pubblicata da una editrice romana nel 2016. Dalla poesia è passato alla narrativa, e ha all’attivo due racconti brevi, pubblicati, il primo: Gli ultimi, da una casa editrice romagnola nel 2017. Nel 2018 in una raccolta di racconti ispirati su Napoli, edita da una editrice Romana, venne pubblicato il secondo: Accadde a Napoli. Sempre nello stesso anno, ha pubblicato un racconto natalizio: Il sogno di Natale, tuttora acquistabile sui vari circuiti online, quali Feltrinelli, Amazon e Mondadori. Nel dicembre del 2019, è stata pubblicata una sua favola: Il cervo e il fiume, all’interno di una raccolta nazionale edita da una editrice pugliese: Apollo edizioni.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: