Tu sei qui
Home > Napoli > Progetti innovativi e provocatori dei super studi di architetti napoletani

Progetti innovativi e provocatori dei super studi di architetti napoletani

Dall’1 dicembre 2020 Arkeda Open House, giunto alla terza edizione senza la fiera Arkeda (organizzata da Progecta e rimandata al 2021), ha quest’anno una formula virtuale innovativa e sociale, mentre è solo rimandato ad altre date il consueto tour per studi, case e cantieri di architetti napoletani.

AOH infatti, dopo gli appuntamenti scorsi, ai quali hanno partecipato alcuni tra gli studi più interessanti della città, non potendo riproporsi per il 2020 con la stessa formula, conferma il focus sull’architettura napoletana, ma si sposta sul web e sulla carta stampata, con un tema più sociale, diventato impellente durante gli ultimi mesi, compreso il lockdown, nella convinzione che l’architettura soprattutto paesaggistica dal ruolo primario nelle nostre città, oggi lo è più di prima. Ogni cittadino vorrebbe infatti architetture innovative e funzionali, futuristiche soluzioni, e senza andar troppo lontano spazi aperti, piazze, slarghi, parchi, giardini, o anche solo angoli accoglienti, magari a pochi passi dalla propria abitazione. Per questo AOH già patrocinato dal Comune di Napoli, dall’Ordine degli Architetti Pianificatori e Paesaggisti di Napoli e Provincia, dall’OICE – Confindustria Associazione che rappresenta le organizzazioni italiane di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica, e ideato dalle giornaliste Annalisa Tirrito e Daniela Ricci, ha coinvolto sette studi di architetti napoletani, per raccontare, progettare, o ipotizzare un’idea innovativa, in diverse aree della città.

Nello specifico La società Cooperativa Gnosis Progetti con il progetto che ha dato vita alla riqualificazione dell’area esterna dell’Aeroporto Internazionale Capodichino di Napoli. Lo studio Interplan2Architects di Camillo Gubitosi + Alessandro Gubitosi con il progetto di Riqualificazione della ex Area industriale Sofer.

Lo studio KR e Associati s.r.l. con l’idea e progetto degli architetti Andrea Cassese e Clorinda Grande, dal titolo A “Scala“ umana. Lo studio Pica Ciamarra Associati di Massimo Pica Ciamarra – con il progetto Mergellina, Area pedonale integrata alla spiaggia. Lo studio Eoss Architettura di Beniamino Di Fusco e Maria De Rosa con il progetto Architettura Tessile per le corti italiane, come a Foqus, al Chiostro del Bramante. Lo studio Tecnosistem Spa di cui fanno parte S.I.A. Servizi per Ingegneria e Ambiente Srl e il professore architetto Pasquale Miano, con il progetto Riqualificazione area Napoli Est 2.0.

Ed infine il gruppo di giovani architetti Fabrizio Esposito, Vincenzo Castaldo, Noemi Prezioso con il provocatorio progetto “Fuga dalla città – Un’industria verde per Napoli” conversione di Palazzo Fuga (Albergo dei Poveri) in centro di agricoltura idroponica e di ricerca. Con la sponsorizzazione dello Studio Trisorio, partner culturale di ampio respiro artistico, il supporto tecnico di Io Printo e Grande Napoli come media partner, l’auspicio è, oltre che far luce su un universo poco esplorato dal pubblico, il mondo tecnico dell’architettura, spesso incomprensibile, dare un futuro al bello, renderlo visibile ed attuabile. Idee progettuali o provocazioni concettuali, per diffondere consapevolezza nella convinzione che il dialogo porta ad evidenziare necessità e opportunità di crescita. www.arkedaopenhouse.it

Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: