Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Il 10 agosto, San Lorenzo

Il 10 agosto, San Lorenzo

Se esprimi un desiderio è perché vedi cadere una stella, se vedi cadere una stella è perché stai guardando il cielo, se stai guardando il cielo è perché credi ancora in qualcosa (Bob Marley)

Ci siamo, manca ormai poco ad uno degli appuntamenti astronomici più importanti e suggestivi che si verifica puntualmente in questo periodo.

Ogni anno, ad agosto, lo spettacolo delle “Stelle cadenti” si ripete puntualmente.

Noto come “lacrime di San Lorenzo”, quest’anno il fenomeno è previsto nelle notti tra il 10 e il 13 agosto.

Le Perseidi, piccole scie luminose, che solcano il cielo notturno in questi giorni, sono piccolissimi frammenti della cometa Swift-Tuttle che ogni anno incrociano l’orbita della Terra.

La cometa impiega oltre cento anni per compiere un giro intorno al Sole, e quando la Terra si trova, in questo periodo, ad attraversare la zona di spazio ricca dei pezzi persi dalla cometa nel suo viaggio questi incontrando la nostra atmosfera si incendiano creando le caratteristiche scie che solcano per alcuni istanti il cielo.

Lo spettacolo è concentrato nei giorni 10, 11 e 12 agosto, ma dura oltre un mese.

Perchè si chiamano Perseidi

Osservando le meteore di questo sciame, si può notare che pur se vanno in direzioni diverse provenendo dalla stessa porzione di cielo che si trova nella costellazione di Perseo, e fin dall’antichità sono state associate alle Perseidi, figlie di Perseo.

Martirio

Lorenzo è stato martirizzato nel 258 durante la persecuzione voluta dall’imperatore romano Valeriano nel 257. La Chiesa cattolica lo venera come santo.

Al principio dell’agosto 258 l’imperatore Valeriano aveva emanato un editto, secondo il quale tutti i vescovi, i presbiteri e i diaconi dovevano essere messi a morte:

«Episcopi et presbyteri et diacones incontinenti animadvertantur». (Tascio Cecilio Cipriano, Epistola lxxx, 1)

Sorpreso mentre celebrava l’eucaristia nelle catacombe di Pretestato, papa Sisto II fu ucciso il 6 agosto insieme a quattro dei suoi diaconi, bruciato con graticola messa sul fuoco.

Il 10 agosto quattro giorni dopo fu ucciso Lorenzo, che aveva 33 anni. Anche se non ci sono notizie se anche lui sia stato ucciso come il papa vil suo simbolo è una graticola.

Se ancora non avete deciso dove trascorrere la notte del 10 agosto vi consiglio di recarvi i spiaggia e se avete la fortuna di vedere una stella cadente esprimete un desiderio, magari si avvera!

In copertina Il fenomeno meteorico fotografato dall’European Southern Observatory nel 2010. Licenza Creative Common Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

Anna Abbate
Anna Abbate
Archeologa, consulente informatica e web design freelance. Nata a Napoli, si occupa dal 1971 di Information Tecnology dopo essersi formata alla IBM come Analista Programmatore. Dopo una vita vissuta nel futuro ha conseguito la Laurea Magistrale in Archeologia presso l’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa”. Divide il suo tempo tra la passione per l’informatica e la ricerca storica. Con alcuni amici archeologi ed antropologi ha fondato nel 2011 il “Gruppo Archeologico Kyme”, associazione di promozione sociale, della quale attualmente è presidente, organizzando giornate di valorizzazione e promozione del patrimonio storico-archeologico e delle tradizioni dedicate soprattutto alle scuole. Si occupa, in particolare di Napoli e del territorio flegreo. Ha pubblicato i libri "Da Apicio... a Scapece (Valtrend Editore, 2017), "Biancomangiare... il Medioevo in tavola" (Valtrend Editore, 2018).

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: