Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Quarto. Tradizioni della cultura contadina

Quarto. Tradizioni della cultura contadina

1000 alunni nella manifestazione dedicata alla cultura contadina di Quarto.

Si è chiusa oggi 7 maggio alla Villa del Torchio la rassegna “Tradizioni della cultura contadina”.

Una grande festa la chiusura del progetto “Quarto.Tradizioni della cultura contadina” che ha visto coinvolti dieci istituti quartesi e dieci associazioni del Terzo Settore coordinate dal Comune di Quarto nella realizzazione di una iniziativa altamente educativa volta a promuovere il dialogo culturale e la conoscenza del territorio.
Il progetto, che ha coinvolto 1000 alunni/e tra i 6 e i 18 anni di diverse scuole quartesi ha avuto la durata di sei mesi durante i quali sono stati realizzate visite guidate, laboratori di storia, arte e scienza partendo dall’idea di educare alla multidisciplinarità e di valorizzare le risorse del territorio come occasione di arricchimento e di creatività.
Oggi si è avuta la partecipazione di una delegazione composta da 120 alunni di Quarto che hanno festeggiato insieme al sindaco di Quarto Antonio Sabino e all’ assessore Raffaella De Vivo, ai dirigenti scolastici, alle maestre e alle associazioni.
Come nelle giornate precedenti le visite guidate sono state a cura dall’archeologa Raffaella Iovine le attività ludiche educative di storia, arte e scienza sono state curate da Sonia Gervasio, Silvia Prato, Francesca Rusciano e Anna Russolillo.
La giornata è terminata con la premiazione del Sindaco di Quarto Antonio Sabino alle scuole che hanno aderito al progetto, con la presentazione del volume di Raffaella Iovine “Gli scavi archeologici della Villa con necropoli la Fescina”, e con uno spettacolo di animazione tra musica, giochi antichi e canti.
La manifestazione “Tradizioni della cultura contadina” organizzata dal comune di Quarto è stata curata dall’assessore alla cultura Raffaella De Vivo.
Nel lungo cartellone sono stati realizzati tour ai beni archeologici della città, laboratori artistici e di vulcanologia con una grande attenzione ai prodotti della terra vulcanica di Quarto: mela annurca, uva e ciliegia.

Un totale di sedici giornate da ottobre 2023 a maggio 2024 con l’ultimo incontro che si è tenuto proprio oggi presso la Villa del Torchio, uno dei 26 siti del Parco archeologico dei Campi Flegrei diretto da Fabio Pagano.
La manifestazione finanziata dal POC Campania 2014-2020 ha la collaborazione delle Associazioni: Gruppo Archeologico dei Campi Flegrei, Lunaria Onlus A2, Villaggio Letterario, Arte nei Campi Flegrei, Forza delle Idee, Oasi Felina, delle Proloco SPQR IV e Quarto Flegreo Santa Maria, della Cooperativa Regina Pacis e dei Ragazzi del Progetto Casa Raoul.

Avatar photo
Anna Abbate
Archeologa, consulente informatica e web design freelance. Nata a Napoli, si occupa dal 1971 di Information Tecnology dopo essersi formata alla IBM come Analista Programmatore. Dopo una vita vissuta nel futuro ha conseguito la Laurea Magistrale in Archeologia presso l’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa”. Divide il suo tempo tra la passione per l’informatica e la ricerca storica. Con alcuni amici archeologi ed antropologi ha fondato nel 2011 il “Gruppo Archeologico Kyme”, associazione di promozione sociale, della quale attualmente è presidente, organizzando giornate di valorizzazione e promozione del patrimonio storico-archeologico e delle tradizioni dedicate soprattutto alle scuole. Si occupa, in particolare di Napoli e del territorio flegreo. Ha pubblicato i libri "Da Apicio... a Scapece (Valtrend Editore, 2017), "Biancomangiare... il Medioevo in tavola" (Valtrend Editore, 2018).

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: