Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Favole Napoletane

Favole Napoletane

La favola ha sempre caratterizzato l’ immaginario di ogni bambino/a, e non solo, in quanto ebbe la sua maggiore influenza fin dalla Grecia classica, dove gli autori decisero di esprimere alcuni concetti filosofici in chiave simbolica attraverso i racconti i cui personaggi erano animali. In questo articolo propongo alcune favole inedite scritte da me in lingua Napoletana. Vi auguro una buona lettura e un augurio che le favole diventino un piacevole racconto anche per gli adulti

‘O viecchio e l’ammore

Ce steva na vota, nu viecchio assaie saputo, teneva na certa età, e tutte quante ‘o portavano rispetto. Na matina se scetaie cu’ na nziria ‘e capí che d’era l’ ammore. ‘O viecchio sapeva tutto coso d’ ‘a vita, e nun ce stevano risposte ca’ isso nun sapeva dá; ma ‘o fatto assaie strano pe’ isso, era ca’ nun aveva ancora capito niente ‘e l’ ammore.

Accuminciaie a dimannà ‘a gente ca’ ncuntrava ‘mmiez’ a’ via, che d’era pe’ loro l’ ammore. Chi le diceva: “Pe’ me l’ammore è n’ommo ca’ vive pe’ fa cuntenta ‘a femmena soia” chi invece “l’ ammore é quanno pienze cu’ tutt’ ‘o core a na persona, e pe’ essa sî pronto pure a murí” . Ma ‘o viecchio se senteva sempre insoddisfatto, e se ne ieva c’ ‘a capa acalata senza ancora sapé che d’era l’ ammore. A nu tratto, ‘ncontra nu guaglione nu poco puveriello, cu nu cappiello ‘mmiez’ bucato e na mela mano. Vedenno ‘o viecchio, ‘o guaglione s’avvicinaie, e le dette ‘a mela salutannolo, ‘o viecchio allungaie ‘a mano pe’ sa piglià ma le cadette ‘nterra, allora ‘o guaglione raccugliette ‘a mela e s’ ‘a tenette pe’ isso, e a ‘o viecchio le dette n’ata mela pulita e assaie cchiú bella ca’ teneva ‘int’ a na sacca. ‘O viecchio capette finalmente che d’era l’ ammore.

‘A regina d’ ‘o bosco

Nu juorno, ‘a regina ‘e nu bosco affatato, chiammaie all’ adunanza tutte l’animale d’ ‘a zona, pecché l’ era successo na cosa assaie grave.

“Aggio perso l’ anello magico, e senza chisto ‘o bosco rischia ‘e scumparí. Tenimmo tiempo fino a dimmane, pirció faciteve annanze e vedimme comme putimmo fa” tutte l’animale rimmasero rispiaciute a sta nutizia e dimannaieno a’ regina addò era iuto a fenní l’aniello. “L’ Aniello sarrà sicuramente fernuto dint’ a’ subiggianna” a chesti parole tutte s’addoloraieno, pecché ‘a subiggianna era nu piezzo ‘e terra assaie delicato, na specie ‘e sabbie mobili. Allora se facette annanze ‘o lione ” ce vaco io, c’ ‘a forza ca’ tengo, traso dint’ ‘a subiggianna, senza problema” ma ‘a regina rispunnette: “no, cu’ chell’arraggio ca tiene, sicuramente ‘o faraie scennere ancora cchiú abbascio” allora venette ‘a volpe ” ce vaco io, so’ furba e m’ ‘a saccio cavà” ma ‘a regina rispunnette ” no, sî troppo furba e sicuramente me può mbruglià”. ‘A regina accuminciaie a se rattristà, ma all’ intrasatta, scennette acopp’ ‘o trono e s’acalaie vicino a na furmica piccerella, ca’ p’ ‘o scuorno s’annascunnette areto a n’albero. ” Tu sî perfetta! Nun sî né troppo impetuosa e né troppo furba, sicuramente pigliarraie l’ aniello senza lo fa affunnà e senza me mbruglià ” Accussì ‘a furmica capette, ca’ ognuno ‘int’ a’ vita, serve a coccosa. E ‘o lione mortificato, l’ avesse saputo ca’ na furmica piccerella l’aveva vinciuto!

‘A mela d’oro

Nu juorno, cammenanno ‘int’ a nu bosco, n’ommo le parette ‘e vedé n’albero tutto dorato. Pensanno ‘e sunnà a uocchie apierte, s’avvicinaie, e vedette ca’ l’ albero era overamente speciale, infatti teneva na mela d’oro appesa ‘ncopp’ a nu ramo. L’ ommo se facette ‘o cunto pe’ sa piglià, ma se scucciava ‘e saglí, allora vedette ‘e passà nu scoiattolo 🐿️ e le dicette: “cumpagno mio, sî saglie ‘ncopp’ a l’ albero a piglià chella mela d’oro pe’ me, te dongo nu pugno ‘e nucelle. ‘O scoiattolo ce penzaie e le rispunnette allegramente “amico mio, fa cunto ca’ chella mela è ‘a toia”

‘O scoiattolo s’arrampicaie e scumparette ‘mmiez’ ‘e rame. L’ ommo ‘o spettaie pe’ paricchiu tiempo, po’ capette ca’ ‘o scoiattolo s’era pigliato ‘a mela e se n’era fiuto. L’ ommo scunsulato se ne iette, ma ‘o juorno adoppo passaie n’ata vota e vedette n’ ata mela d’oro appesa a l’ albero. Isso ancora se scucciava ‘e saglí, allora vedette nu cuniglio e le ricette: ” amico mio, sî me vaie a piglià chella mela d’oro, te dongo dieci carote”. ‘O cuniglio ce penzaie e le rispunnette: “amico mio, fa cunto ca’ chella mela è ‘a toia” e sagliette ‘ncopp’ a l’ albero. Ma pure ‘o cuniglio nun turnaie cchiú, e l’ ommo se ne iette scunsulato, pensanno ca’ ‘o juorno adoppo truvava n’ ata mela d’oro appesa. Purtroppo pe’ isso, nun ce steva nisciuna mela, allora passaie ‘o juorno doppo, ma niente, e accussì pe’ tutt’ ‘a semmana, ma ‘a mela d’oro nun cumparette cchiú. L’ ommo scunsulato, se lamentaie cu’ l’ indolenza soia. Quanti cose perdimmo pe’ nu mumento ‘e pigrizia. Pe’ due minute ‘e pacienza, chill’ommo perdette l’ oro e ‘a cuscienza.

Avatar photo
Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: