Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > Poesie erotiche Napoletane

Poesie erotiche Napoletane

L’erotico atto non è solo una questione di impulsi, ma coinvolge tutta quanta la persona, finanche la sua anima. Ogni lingua ha decanato la bellezza della passione, con parole talvolta esplicite, talvolta velate. In questo articolo anch’io ho voluto fare parte di quella schiera di poeti e autori, che con tanta passione e delicatezza, hanno descritto la sessualità in ogni sua forma, e ho voluto farlo adoperando la lingua Napoletana; così armonica, così delicatamente erotica. Buona passione e buona lettura

Chillu pierezzullo janco janco,
te crire ca nun ‘o vaso?
Io te dico ca’ nun so’ stanco,
e cchiú t’arretire, cchiú io ce traso.
Mo ce staie e nun tiene cchiú paura,
te busso cu sta vocca a chella cosa scura,
e tu m’arape ‘a porta,
e chi te scorda,
nun è cosa, nun te scordo,
tu me guarde,
e io ‘e cose belle assaie m’ ‘e ricordo

Ah che bella né,
faccio ammore cu te.
Overo facimme ammore,
nun vire o staie sunnanno?
Forse ‘o suonno è ‘o mio,
e continuo a sunnà.
T’astregno,
te traso,
t’accarezzo,
pô te vaso,
staie ncopp’a me,
te sento assaie,
sî felice? Vulesse sapé,
chesta pelle rosa rosa,
chiena ‘e me,
nun arrepposa,
voglio a te,
facimme ammore,
e ambresso,
sunnamme ancora

Vocca carnale,
vocca cianciosa,
addó scinne?
Proprio là t’arreposa?
E astrigne chiano chiano,
mo te firme,
e accummiencie c’ ‘a mano,
liscia liscia chistu sciore,
io te chiammo vita e tu me dice ammore,
vocca cucente,
mo che faie, hê fernuto?
Acchiappa chillu coso ca’ se n’è iuto

Addó staie stasera Carmé?
Io te chiammo ma tu nun ce staie,
nun c’ ‘a faccio, io t’aggia vedé,
a sta sulo, pe’ me, quanno maie!
Sotto sotto sta criscenno na cosa,
quanno appena t’aggio pensata,
a fermarlo Carmé nun è cosa,
sî tu viene, rummane cunsulata.
Ma io te chiammo e tu nun rispunne,
che me dice, Carmé nun ce sta’?
Ma nu rumore a ‘int’ ‘o scuro mo sento,
finalmente Carmela sta ccà

Me guarde,
m’attizzo,
me tuocche,
e m’arrizzo,
sî sulo me parle,
esco pazzo,
nun te posso guardà.
Nun riesco a sta luntano,
sî ce penso a chella mano,
e che s’è fidato ‘e fa’!
Tu sî l’unica e ‘a sola,
ca me piace comm’a ché,
stu coso mio se cunsola,
e và truvanno sulo a te

Avatar photo
Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: