Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > “LA MAGIA DEL NATALE A POZZUOLI”: LA SCOMMESSA VINCENTE PER IL RILANCIO DELLA CITTA’

“LA MAGIA DEL NATALE A POZZUOLI”: LA SCOMMESSA VINCENTE PER IL RILANCIO DELLA CITTA’

Il successo di pubblico e di critica che sta riscuotendo LA MAGIA DEL NATALE A POZZUOLI, il villaggio natalizio allestito sul Rione Terra dal 7 dicembre al 6 gennaio, è la conferma che la gente, soprattutto in un momento così difficile tra pandemia, guerra in Ucraina e crisi economica, sente la necessità di eventi che per un attimo l’allontanino dalla quotidianità, consentendole di immergersi in un’atmosfera surreale carica di magiche suggestioni e romantiche nostalgie.

L’idea di allestire un mercatino di Natale e la casa di Babbo Natale in quelle che un tempo furono le botteghe o i bassi dell’antica Rocca, concedendo ai visitatori la possibilità di visitare in serata, previa prenotazione, gli scavi della Rocca o di partecipare agli eventi programmati, si sta rivelando un’idea vincente.

Erano più di cinquant’anni, esattamente dallo sgombero del 1970, che il Rione Terra, l’anima storica di Pozzuoli, non pulsava di vita come in questi giorni. Il lungo serpentone di visitatori insinuantesi nei vicoli rilucenti di luci colorate che illuminano il perimetro dei palazzi, creando un’ulteriore suggestione visiva particolarmente apprezzabile da lontano; le allegre voci dei bambini che muoiono dalla voglia di andare alla casa di Babbo Natale per imbucare la letterina nell’apposita cassetta delle lettere, seguendo le indicazioni dell’elfo che li accoglie sorridente sulla porta d’ingresso; la diversificata offerta commerciale che tra cibi, vini, dolci, prodotti artigianali, pelletteria, abbigliamento e giocattoli soddisfa tutte o quasi tutte le esigenze di ogni età fa risorgere a nuova vita un monumento millenario che per svariate vicende, purtroppo anche giudiziarie, sembrava condannato a un eterno riposo, (alcune arterie del Rione sono tuttora interdette al pubblico in quanto ancora interessate dai lavori di restauro…)

Tra gli eventi previsti va segnalata la mostra “Terra. La scultura di un paesaggio”, allestita a Palazzo De Fraja dal 7 dicembre al 15 gennaio il cui scopo è raccontare al grande pubblico l’eccezionalità delle scoperte frutto delle recenti ricerche archeologiche nell’area di Cuma, condotte da diverse équipe italiane e straniere, che stanno letteralmente riscrivendo la storia del sito. Le antiche storie di Cuma rivivono attraverso reperti mai esposti al pubblico in precedenza e con un percorso innovativo che garantisce chiavi di lettura trasversali legate anche alla dimensione sociale e antropologica del contesto di esposizione

LA MAGIA DEL NATALE A POZZUOLI si sviluppa non solo esclusivamente sulla Rocca, ma scende fino alla Darsena dove, a ridosso del Rione, sono previsti spettacoli e concerti, inclusi quelli per Capodanno.

Un plauso va al Sindaco Luigi Manzoni e all’Assessore al Turismo Filippo Monaco, nonché agli sponsor che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento: non solo hanno dimostrato di aver avuto la giusta sensibilità nel cogliere le esigenze della cittadinanza, ma, vista l’enorme massa di visitatori provenienti da Napoli e da altre province della regione, di aver dimostrato che, sfruttando in maniera adeguata e intelligente le bellezze storico/paesaggistiche del territorio, attraverso il turismo la città può economicamente risorgere e con essa l’intera popolazione!

Avatar photo
Vincenzo Giarritiello
Nato a Napoli, ma da oltre vent’anni residente a Pozzuoli, Vincenzo Giarritiello alterna all’attività di scrittore quella di giornalista per passione. Nel 1997 ha pubblicato “L’ultima notte e altri racconti” e nel 1999 “La scelta”. Nel 2017 ha ristampato “La scelta” e nel 2018 ha pubblicato il romanzo breve “Signature rerum” ambientato nei Campi Flegrei. Nel 2019 ha stampato “Le mie ragazze rom scrivono” e “Raggiolo uno scorsio di paradiso in terra”. Nel 2020 ha editato la raccolta di racconti “L’uomo che realizzava i sogni”. Ha pubblicato con le Edizioni Helicon il romanzo “Il ragazzo che danzò con il mare”. Ha collaborato con le riviste online “Giornalewolf.it” e “Comunicare Senza Frontiere”; con quelle cartacee “Memo”, “Il Bollettino Flegreo”, “Napoli Più”, “La Torre”. Fino al 2008 ha coordinato laboratori di scrittura creativa per ragazzi a Pozzuoli e all’Istituto Penitenziario Minorile di Nisida. Attualmente collabora con l’associazione culturale Lux in Fabula con cui ha ideato la manifestazione “Quattro chiacchiere con l’autore”. Nel 2005 ha attivato il blog “La Voce di Kayfa” e nel 2017 “La Voce di Kayfa 2.0”. Dal 2019 è attivo il suo sito www.vincenzogiarritiello.it
http://www.vincenzogiarritiello.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: