Tu sei qui
Home > Napoli > “Storia pettegola di Napoli”. Il libro di Chiara Tortorelli recensito da Paola Iannelli

“Storia pettegola di Napoli”. Il libro di Chiara Tortorelli recensito da Paola Iannelli

Partiamo dall’epilogo di questo viaggio intimo della nostra Napoli. Con un sapiente intreccio la scrittrice Chiara Tortorelli riscrive la storia della leggendaria Sirena Parthenope, attraverso le figure che hanno segnato l’evoluzione culturale e sociale, della variopinta comunità abitativa.

Citando una frase, che ci è parsa emblematica,  l’autrice spiega dove ha tratto ispirazione,  per definire il percorso narrativo: “…tutti insieme hanno voluto che la raccogliessi e la mettessi sotto gli scogli, nascosta per quelli che verranno”.

Lo scoglio dove sono custodite le verità nascoste, quelle storie scomode che hanno inciso, in molti casi, nelle vite dei protagonisti una cicatrice profonda e indelebile.

La spinta erotica che ha alimentato gli impulsi presenta una rara potenza, vissuta con intensità e determinazione, fino a giungere a limiti inimmaginabili.

La voce narrante interpreta i pensieri, le riflessioni e i sogni, seguendo una cifra linguistica intima.

Sarà Matilde Serao a dettare l’inizio di questo diario inconscio, narrando la travolgente e dolorosa storia d’amore con il marito Eduardo Scarfoglio.

Il perimetro a cui fa capo il filo rosso che cinge la vita di Donna Matilde  si tradurrà nel generoso atto  con il quale accoglie la figlia illegittima di Edoardo,  vittima innocente di una passione cocente e mortalr.

Napoli è descritta come una madre/matrigna,  nido e covo, luce e ombra, in un caleidoscopio di cromie che suscitano meraviglia e orrore.

La città ha ospitato illustri figure, le quali janno dominato il mondo intellettuale a partire dagli anni ruggenti,  fino ai nostri giorni.

Ognuno di loro ha dato voce all’”inciucio”, ovvero al pettegolezzo,  inteso come intrigo amoroso, nodo primordiale dei sentimenti umani.

Tra i vicoli di Napoli la gente mormora e trascina verso la pubblica piazza le follie compiute, pensiamo al facinoroso gruppo dei primi futuristi per giungere a DS 10, meglio noto come Diego Armando Maradona.

Teatri, cabaret  budelli maleodoranti,  palazzi chic, saloni addobbati a festa, sono la scenografia di questo mosaico  d’autore dove ogni tassello  è intriso nel sangue di coloro che per senso di avventura, per diletto  per lavoro sono entrati nella spirale divoratrice della città, che li ha ospitati per poi vomitarli uno ad uno  per tornare a rinascire sotto altra identità,  simile a quella di una donna volubile e capricciosa, come solo Napoli sa essere

Avatar photo
Paola Iannelli
Docente di lingua e letteratura spagnola, ha iniziato a scrivere articoli in ambito accademico, ha svolto una tesi di dottorato sul noir partenopeo post moderno presso l’Università di Salamanca. Attualmente fa parte del gruppo di scrittori della bottega di "Homo Scrivens" e ha pubblicato nel febbraio del 2021 un noir intitolato "Il Paradiso non ha un angolo retto". Collabora con Quicampiflegrei.it e con Thriller nord e non solo Scrive racconti brevi per le riviste: "Edgar" e "Resistenza civile", oltre a pubblicare recensioni per la casa editrice. È stata selezionata dalla rivista Mondadori "Donna Moderna" rispondendo alla chiamata di un concorso diretto alle donne che hanno realizzato durante il lockdown un nuovo progetto professionale. Ha ricevuto vari riconoscimenti letterari, è stata scelta dalla trasmissione "Plot Machine" di Rai Radio1 per uno dei migliori miniplot creati nel 2020.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto