Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Ustica omaggia Procida capitale della cultura 2022

Ustica omaggia Procida capitale della cultura 2022

Anche la Sicilia omaggia Procida Capitale italiana della cultura 2022: Libro Fest arrivato alla sua VIII edizione dedica una tappa significativa all’isola campana. Appuntamento giovedì 11 agosto alle ore 19 presso l’Area Marina Protetta di Ustica.

É Ustica capitale indiscussa della subacquea del Mediterraneo, prima Riserva marina d’Italia, isola che ha dato i natali oltre 60 anni fa al premio più prestigioso del mare, il Tridente d’Oro, patria onoraria di Maiorca, Mayol, Costeau, Tusa, che renderà omaggio all’isola di Procida capitale italiana della cultura 2022 con una tappa di Libro Fest 2022.

Due isole a confronto con la presentazione di due “antologie” a loro dedicate.

Da un lato l’isola flegrea con il volume ”Procida. Gente, culture e cucina” a cura di Anna Russolillo, Rosario Mattera e Leonardo Costagliola e dall’altro la dirimpettaia siciliana distante quasi 250 Km con il libro “Ustica. La cucina è cultura”.

Due isole a confronto tra analogie e differenze, due isole meravigliose bagnate dallo stesso mare, dalle simili vulcaniche origini, entrambe emporium dell’età del Bronzo, due isole di mare e di terra.

Durante questa tappa verranno messe a nudo le memorie dei popoli delle due isole attraverso il fil rouge della cucina.

Da un lato la memoria dei procidani che, come scrive il giornalista Luciano Pignataro nella prefazione del libro «che non è serbata in una polverosa biblioteca, ma vive nella testa dei suoi abitanti tenacemente attaccati alla propria tradizione e privi delle suggestioni per mode che vanno così come vengono, come l’acqua del mare che bagna gli scogli dell’isola di Arturo», dall’altro la memoria degli usticesi che nonostante gli influssi el vicino capoluogo palermitano hanno conservato usi, costumi, eccellenze culinarie tipiche di una economia essenziale e genuina.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Ustica Salvatore Militello interverranno il Direttore dell’Area Marina Protetta di Ustica Davide Bruno e il Direttore del Laboratorio Museo Scienza della Terra di Ustica Franco Foresta Martin.

A rievocare Procida  è stata anche Lidia Tusa che nella serata  dedicata alla sua illustre famiglia ha ricordato che suo fratello Sebastiano è  stato tra gli scopritori della preistoria di Procida e che allo stesso è stato dedicato il Museo civico di Procida, museo da pochi giorni inaugurato dal direttore Nicola Scotto di Carlo.

Questa giornata rientra nella programmazione di Libro Fest 2022 curata dall’architetto giornalista Anna Russolillo, dall’archeologa Francesca Spatafora, dal professor Franco Foresta Martin e dal dottor Aldo Messina.

La rassegna è stata realizzata dall’AssociazioneVillaggio Letterario, dal Centro Studi e Documentazione isola di Ustica, dal Laboratorio-Museo Scienza della Terra, da  Lunaria A2 Onlus, dalla Proloco e con la collaborazione fattiva dell’Area Marina Protetta di Ustica.

La rassegna ha il patrocinio morale dell’Assessorato ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e del Comune di Ustica.

Librofest 2022 è dedicato alla memoria di Giovanni Mannino, uno dei più illustri studiosi di archeologia della vecchia guardia siciliana, autore di numerosissime pubblicazioni e scomparso lo scorso ottobre all’età di novantadue anni.

Avatar photo
Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: