Tu sei qui
Home > Napoli > E’ napoletano il comandante della Base Militare in Gibuti

E’ napoletano il comandante della Base Militare in Gibuti

Gennaro Scotto di Santolo è il nuovo Comandante della Base Militare di Supporto della missione in Gibuti. Il Colonnello Scotto di Santolo è napoletano e proviene dal Comando delle Forze Operative Sud di Napoli. Laureato in economia, scienze politiche e scienze strategiche è coniugato con Annarita Caputo ed ha due figlie Silvia e Ines.

La cerimonia di avvicendamento al comando del reggimento addestrativo si è svolta domenica 23 gennaio tra il Col. (AM) Luigi Bigi, Comandante uscente ed il Colonnello (EI) Gennaro Scotto di Santolo, Comandante subentrante. All’evento, presieduto dal Capo di Stato Maggiore del Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), Amm. Div. Valter Zappellini, hanno preso parte l’Ambasciatore d’Italia in Etiopia Dott. Agostino Palese, l’Addetto per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia in Addis Abeba, Colonnello Antonio Sgobba, il Console Onorario d’Italia a Gibuti, Dott. Gianni Rizzo ed i Comandanti dei Contingenti Militari stranieri presenti in loco, unitamente alle più importanti autorità civili e militari locali, quali il Sindaco della Capitale, M. Fatouma Awale Osman.

Per l’occasione, è stata inoltre effettuata la cerimonia di alzabandiera solenne con la partecipazione di una folta rappresentanza interforze del personale in forza alla Base. Il Col. Bigi, nel suo discorso di commiato, ha ripercorso i momenti più significativi del suo periodo di Comando della missione BMIS, dando atto a tutto il personale della Base di aver sempre agito con estrema professionalità e passione, ma soprattutto grande umiltà: “qualità queste fondamentali in un’attività di squadra, per offrire in modo tempestivo ed incondizionato agli altri contingenti nazionali, quel basilare ed ottimale supporto, necessario per il conseguimento degli obiettivi assegnati”.

A seguire l’intervento del Comandante subentrante Col. Scotto di Santolo, che ha ringraziato  per la fiducia accordatagli nel conferirgli il prestigioso incarico di Comandante della BMIS dell’Amm. Infine ha concluso l’ Ammiraglio di Div. Zappellini, che ha sottolineato come i traguardi raggiunti sinora siano frutto dell’unione d’intenti del comparto interforze che, avendo ben chiari gli obiettivi nazionali nell’area del Corno d’Africa, ha operato con la massima abnegazione affinché venissero conseguiti.

La Base Militare Italiana di Supporto (BMIS) in GIBUTI, fornisce supporto logistico a tutte le componenti nazionali in transito sul territorio gibutiano impegnate nel Corno d’Africa e nell’Oceano indiano, con particolare riferimento alle Missioni MIADIT Somalia, EUTM Somalia ed EUNAVFOR ATALANTA. (Fonte Ministero della Difesa)

Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto