Tu sei qui
Home > Napoli > Malavita di Giankarim De Caro | Una recensione di Paola Iannelli

Malavita di Giankarim De Caro | Una recensione di Paola Iannelli

Un vuoto d’amore può determinare il futuro di un’esistenza umana, il cui spazio generato da una totale disaffezione e di cura verso i propri figli, genera un’arma letale. Come un mostro marino avanza nell’oscurità per poi affiorare al momento giusto, mostrando il lato più orribile.

La storia sfortunata di Lucia, violentata in giovane età dal signorotto di turno,  complicherà il destino suo e dei suoi figli, tutti illegittimi, alimentando un vortice di azioni nelle cui spire infernali cadranno, senza esclusione di sorta tutti gli appartenenti alla sua stirpe.

La sensibilità con cui l’autore traccia i profili delle donne che colorano le pagine di questo intenso romanzo, si concentra nella descrizione dell’amara sorte di tutte loro,  causata da un DNA multiplo alimentato dalla feroce ossessione dell’uomo diretta all’abuso.

Palermo è la città che ospita “Malavita”, e come le protagoniste sfodera le armi della seduzione e irrompe come un fiume in piena, senza mai dimenticare che il senso di fame alimenta gli istinti peggiori. L’arco temporale che si snoda tra le vicende narrate copre gli anni che vanno dall’ultimo periodo della seconda guerra mondiale, sino al prolungamento dei vent’anni successivi. I cambi scenici, le difformità degli equilibri politici, il vago senso di rinascita con l’arrivo degli americani, segue l’epopea di Lucia e della sua stirpe.

Tutto ha inizio dall’insano desiderio di un uomo prepotente e codardo nel soddisfare i propri bisogni carnali. Lui riuscirà ad approfittare di Lucia, a violare la sua innocenza, stravolgendo i lembi di un’anima puberale, unico dono in cambio della una solitudine dispersa nel disordine inumano dell’indifferenza. La sorte della donna sarà crudele, come il destino infame destinato ai propri figli, e ai nipoti, reduci di quel residuo insolente di un’esistenza sudicia.

L’istinto di sopravvivenza sarà l’ancora a cui si aggrapperà Grazia, che con scaltra risolutezza riuscirà a ottenere il suo riscatto, anche se il prezzo per la sua personale evasione sarà alto, colmo di vendette e di rimpianti.

L’autore descrive questo dramma umano con estrema consapevolezza, mescolando malinconica e tristezza. L’uso di alcune espressioni in dialetto siciliano colora il registro linguistico, che fedele percorre il circuito sociale in cui si muovono i personaggi.

Lo spessore granitico delle realtà che circondano le donne del romanzo affondano le radici nell’immenso marasma dei dolori forti, frutto di anni di oppressione e di malcelato sfruttamento della figura femminile. Un richiamo appare chiaro a “La Storia” di Elsa Morante, altro tragica vicenda narrata, dove ancora una volta le donne finiranno per essere ferite a morte da un incrocio di eventi insani e letali.

Paola Iannelli
Docente di lingua e letteratura spagnola, ha iniziato a scrivere articoli in ambito accademico, ha svolto una tesi di dottorato sul noir partenopeo post moderno presso l’Università di Salamanca. Attualmente fa parte del gruppo di scrittori della bottega di "Homo Scrivens" e ha pubblicato nel febbraio del 2021 un noir intitolato "Il Paradiso non ha un angolo retto". Collabora con Quicampiflegrei.it e con Thriller nord e non solo Scrive racconti brevi per le riviste: "Edgar" e "Resistenza civile", oltre a pubblicare recensioni per la casa editrice. È stata selezionata dalla rivista Mondadori "Donna Moderna" rispondendo alla chiamata di un concorso diretto alle donne che hanno realizzato durante il lockdown un nuovo progetto professionale. Ha ricevuto vari riconoscimenti letterari, è stata scelta dalla trasmissione "Plot Machine" di Rai Radio1 per uno dei migliori miniplot creati nel 2020.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto