Tu sei qui
Home > Campania > “Solo la pioggia” di Andrej Longo | Una recensione di Paola Iannelli

“Solo la pioggia” di Andrej Longo | Una recensione di Paola Iannelli

Una storia amara, protagonisti tre fratelli, tre anime buie che coltivano un legame familiare, stretto nei canoni dell’ambigua valenza dei principi di vita, ordinati da un cumulo di verità nascoste. Certi dell’affetto che li unisce, sorseggiano ogni anno, durante la commemorazione della morte dell’augusto padre, un liquido amniotico torbido. Antichi ricordi e dissapori distorti dal tempo echeggiano nei dialoghi.

Un unico atto anima la coreografia nel quale un dramma umano centra la storia narrata, ricca di colpi di scena e ambiguità segrete. Un linguaggio autentico, senza false righe esprime l’impronta dialettica dei tre personaggi, in una teatralità naturale sorretta da gesti e parole cariche di significato.

L’indifferenza nei confronti dei sentimenti puri rende viva la fiamma del ritmo, che frenetico si sdoppia e conduce il lettore verso la fase finale, dove l’inesauribile scia della morte prende possesso delle loro anime.

Il marchio di fabbrica della malavita organizzata forma parte di un tatuaggio permanente nei tre uomini, e solo uno di loro cerca di cancellarlo. Le immagini riflesse in uno specchio concavo deformano la vera visione della realtà, amplificando i profili dei tre, nati e cresciuti seguendo codici primitivi e crudeli. Un istinto animale detta le regole del gioco, dove l’innominabile condizione del traditore prende corpo, seguita  da una scelta grave e inattesa.

Una percussione ritmata deflora lo spazio e il tempo, scandita da una pioggia incessante, le cui gocce, come chiodi invisibili tagliano l’atmosfera, puntellando ogni particella d’aria.

Papele, Carmine e Ivano una triade umana capace di scolpire nell’infinita costellazione del male, il valore deturpato dell’amore, dell’inclusione e del reciproco scambio dei sentimenti veri.

Andrej Longo dipinge un affresco crudo di una fetta d’umanità, un insieme di cromie dai colori acidi inglobati nell’assoluta predominanza del sangue, rosso, copioso, invadente, carico di passione. Un mare di gocce mortali.

Paola Iannelli
Docente di lingua e letteratura spagnola, ha iniziato a scrivere articoli in ambito accademico, ha svolto una tesi di dottorato sul noir partenopeo post moderno presso l’Università di Salamanca. Attualmente fa parte del gruppo di scrittori della bottega di "Homo Scrivens" e ha pubblicato nel febbraio del 2021 un noir intitolato "Il Paradiso non ha un angolo retto". Collabora con Quicampiflegrei.it e con Thriller nord e non solo Scrive racconti brevi per le riviste: "Edgar" e "Resistenza civile", oltre a pubblicare recensioni per la casa editrice. È stata selezionata dalla rivista Mondadori "Donna Moderna" rispondendo alla chiamata di un concorso diretto alle donne che hanno realizzato durante il lockdown un nuovo progetto professionale. Ha ricevuto vari riconoscimenti letterari, è stata scelta dalla trasmissione "Plot Machine" di Rai Radio1 per uno dei migliori miniplot creati nel 2020.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto