Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Puema Napulitano: Area Flegrea, Greca e Rumana

Puema Napulitano: Area Flegrea, Greca e Rumana

Vi accompagno con i miei versi in lingua Napoletana, in un viaggio a ritroso nell’area Flegrea, ai tempi della Magna Grecia e dell’occupazione Romana, visitando con l’aiuto del poeta Virgilio, quei luoghi anche a lui cari, in un percorso favolistico che ha lo scopo di ricordare le radici del nostro popolo, così bisognoso di riappropriarsi di quella gloria.

Me truvaie all’intrasatta cammenanno pe’ l’Avierno,

comme nu suonno me truvaie senza nu mutivo,

nu fummo niro p’’o lago saglieva e pareva vierno,

po’ na faccia se vedette, quase nera p’’o currivo.

So’ pueta, so’ scrittore, Virgilio me chiammavo,

a te so’ mannato pe’ te mustrà la via,

do’ passato ‘e chesta zona ch’io tanto amavo,

pecchè tu nun crerisse ca fosse sulo fantasia.

Oh Giesù che staie dicenno?

Sî Virgilio, chillu là?

Eh sì te sto vedenno,

nun è suonno chistu cà.

Vieni meco omo mortale,

ca te porto addo’ ce sta,

valicando quel portale,

‘a storia vera ‘e sta città.

Me truvaie cu isso ‘mmiez’’o fummo do’ portale,

e quann’ascette si’ ce credite, che vedettemo!

Nu munno ‘e gente antica, “ma non è normale!”

Ma ‘o pueta se risentette, e a Cuma ce ne iettemo.

Cuma era ricca e bella assaie,

tiemple ‘e marmo e gente acculturata,

‘a lengua era diversa, Greca me cuntaie,

‘o pueta ca me guidava comme n’anima affatata.

Virgilio me purtaie pô tiatro e pô mercato,

me cuntaie tutt’’a storia ‘e chella granda città,

me sentevo assaie orgoglioso e nu poco emozionato,

e ienno a Napule dicette: “ ’a Cuma po’ venetteno ccà”.

‘Ncoppa pizzofalcone ‘e Cumane ietteno,

vicin’ ‘o mare, ‘nterr’ a’ rena,

n’ata città llà facetteno,

dannoce ‘o nomme ‘e ‘na sirena.

Partenope era grossa, bella comme nu surriso,

pareva ‘e sta ad Atene tant’era assaie preziosa,

‘e femmene parevano na schiocca ‘e paraviso,

cu ‘e veste ianche ‘e lino c’adduravano ‘e rosa.

Puete a ogne parte cantavano canzone,

filosofe e studiose se parlavano all’agorà,

ogne cose ‘e chillu posto te lassava n’emozione,

ogne cose t’ammaestrava senza te parlà.

Ma Virgilio me dicette: iammuncenne cchiù ‘a llà,

pecchè ‘o populo se spustaie ‘a na parte cchiù reparata,

pe’ se pruteggere dȇ nemici facetteno n’ata città,

Nea polis ‘a chiammavano, cchiù bella e rinforzata.

Napule antica tu si’ nata Greca e guerriera,

e pure quanno Roma te mettette ‘int’all’impero,

sempe ‘a stessa si’ rimasta, sempe vera,

comm’ ‘ o Dio ca t’ha criata, chill’overo.

Pô ‘o pueta me purtaie vicino a Napoli,

a nu posto addo ‘e re ieveno a villeggià,

na piccola Roma pareva Bacoli,

puorte ‘e l’impero, perla ‘e rarità.

All’intrasatta me truvaie a Puzzule ‘a cammenà,

me pareva ‘e sta a Roma pe’ la granda sumiglianza,

che bellezza assapuraie, quanta immensa maestà,

me sentette ‘e fa n’inchino come segno di creanza.

Ma turnanno pe’ l’Avierno, Virgilio me dicette,

guarde buono tu che ignori tutta chesta meraviglia,

che ‘a memoria non se scorda tutto chello ca vedette,

ma facesse bona scorta e s’’a crescesse comme figlia.

Me truvaie po’ sul’io all’Avierno ‘int’’o presente,

cu nu core convertito pe’ le grazie ca vedette,

me sentivo forte e fiero ‘e appartenè a chesta gente,

ringrazianno a chillu Dio, ca Napulitano me facette.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco, è nato a Napoli il 08/07/1980. Dopo aver conseguito il diploma di perito Informatico, e aver frequentato la facoltà di Filosofia, ha svolto diversi ruoli in ambito professionale, spostandosi nelle varie regioni Italiane. Da oltre dieci anni fa parte di una Onlus, un’associazione di natura Cattolica, attiva in ambito sociale. La sua passione letteraria inizia nel 2007, con la pubblicazione della sua prima raccolta di poesie, edita da una casa editrice Siciliana. Seguiranno pubblicazioni di poesie su varie antologie di poeti emergenti e su riviste quali: Poeti e Poesia. Seguiranno due raccolte di poesie, una in Napoletano, pubblicata nel 2014, e un’altra pubblicata in Italiano da Aletti editore, nel 2016. Il primo approccio nella narrativa risale al 2017, con la pubblicazione del suo primo racconto: Gli ultimi, e nel 2018, con la pubblicazione di un altro testo inserito in una raccolta di racconti su Napoli. Nello stesso anno fu pubblicato un suo racconto natalizio: Il sogno di Natale, acquistabile tuttora nei siti di La Feltrinelli e Amazon. Nel Dicembre 2019, una sua favola fu pubblicata in una raccolta edita dalla Apollo edizioni, e nel 2020 è stato pubblicato il suo primo romanzo: Gente di Pianura, acquistabile in ebook nelle migliori librerie online, quali Mondadori, La Feltrinelli, Amazon. Nello stesso anno ha pubblicato un racconto di genere fantascientifico e una poesia, con la casa editrice Idrovolanti. Sempre con la stessa casa editrice, nel Gennaio 2021 ha pubblicato un racconto natalizio, all’interno di una raccolta. Nel mese di Aprile 2021 ha pubblicato una raccolta di favole, per ora in ebook, acquistabile nel sito della casa editrice Ivvi, e sempre nello stesso anno, una raccolta di poesie con la casa editrice Rosabianca edizioni, libro prenotabile nel sito della stessa, o nelle librerie online.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: