Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > Poesie Napoletane di Pasqua

Poesie Napoletane di Pasqua

La Pasqua è il rito cultuale più importante della religione Cristiana. Affonda le sue radici nella Pesah, ossia la Pasqua per definizione, quella Ebraica. Durante la Pesah, il popolo ebraico ricorda e commemora l’esodo dall’Egitto e il cammino verso la terra promessa, e fu proprio in una di queste commemorazioni della Pesah che Gesù fu condannato a morte, costretto al calvario, e dunque crocifisso. Dopo tre giorni, Cristo sconfisse la morte, risuscitando, i Cristiani quindi, convertirono la Pesah in Pasqua come ricordo non di una liberazione da un paese straniero, ma di una liberazione dalla morte.

La Pasqua vuole dire ai credenti e non solo, che c’è sempre una luce in attesa di essere vista, anche dietro la più folta tenebra, e quella luce è Cristo, Salvatore degli uomini, portatore di pace.

Dedico queste mie tre poesie sulla passione e sulla risurrezione di Gesù, a tutti coloro che soffrono, a ogni famiglia, a ogni uomo di buona volontà.

Passione

Te guardo,

sto’ ccà ‘ncoppa,

senza sciato,

tuorne, pecchè te ne vaie?

Nun t’aggi’abbandunato,

m’hanno ‘nchiuvato a ‘na croce,

e ce so’ restato,

pe’ te fa sentì cchiù forte chesta voce,

primma ca me ne torno addò so’ nato.

Sapisse chisti chiuove che male me fanno,

nun tengo cchiù sango né tengo dulore,

ma stongo ancora ccà, e te sto aspettanno,

chello ca me trattene nun è fierro, ma ammore.

Guardame ‘na vota ancora,

e tu guarda a me,

famme cumpagnia ‘na sola ora,

tutto chesto l’aggio fatto pe’ tte.

E mò, e mò terra mia è ‘o mumento,

l’aggio aspettato pe’ tutta sta passione,

strignenno ‘ncuollo a me chistu strumento,

pe’ te purtà  ‘nzieme a me a’ resurrezione. 

Morte e speranza

Gerusalemme ianca e nera,

sott’a sta croce nun me pare tu,

songo ‘e tre, eppure pare sera,

e si’ pure ‘o vulisse, nun saie chiagnere cchiù.

Guardate attuorno n’avota ancora,

addò stanno sti spine ca t’hanno pugnuta?

Nun vire cchiù a nisciuno, sî rimasta sola,

chella luce ca tenive ormaie se n’è iuta.

Susete terra ‘e Dio, ca niente è perduto,

guarda a chella croce ca ‘e mane toie hanno forgiato,

chillu Giesù  ca vulive muorte, vire, ha vinciuto,

e mò crerimme overo a chillu Dio ca c’ha criato!

Resurrezione

È  Pasca, e tutt’’e campane sonano ‘ncantate,

‘a gente và ‘a funzione vestuta a festa,

‘na luce nova se vede pe’ ‘mmiez e’ strate,

nu cardillo canta ‘ncopp’a ‘na fenesta.

Che gioia ca se sente ‘a ccà e ‘a llà,

pure ‘a cana se n’addona ca coccosa è cagnato,

nun è cosa ca mò vene e po’ se ne và,

è ‘a forza d’ammore ‘e Giesù resuscitato!

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto