Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Procida Capitale della Cultura va oltre la candidatura: “C’è idea riposizionamento dell’isola”. Intervista al direttore Agostino Riitano

Procida Capitale della Cultura va oltre la candidatura: “C’è idea riposizionamento dell’isola”. Intervista al direttore Agostino Riitano

Quello per la candidatura di Procida a Capitale italiana della Cultura “e’ un percorso che inizia gia’ tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 e lo fa con un approccio fortemente partecipato. Inizia con la costruzione di un percorso di cocreazione e capacity building che ha attivato la partecipazione dei cittadini procidani in primis perche’ l’obiettivo era innanzitutto ascoltare i loro desideri e costruire un orizzonte collettivo”. Cosi’ alla Dire Agostino Riitano, direttore della candidatura di Procida a Capitale italiana della cultura 2022.


“Fatto questo – prosegue – abbiamo poi iniziato a immaginare quelli che potevano essere gli assi strategici sui quali costruire la nostra candidatura. Caratterizzante e’ stato il tema della sostenibilita’ ambientale cosi’ come lungimirante e’ stato lo slogan ‘La cultura non isola’, scelto prima della pandemia, che oggi piu’ che mai torna ad essere assolutamente centrale perche’ ciascuno di noi ha fatto esperienza dell’isolamento e quindi ha potuto toccare con mano quanto effettivamente la cultura sia il veicolo di non isolamento”. Pandemia che ha spostato le candidature per il 2021 al 2022, lasciando a Parma la possibilita’ di restare capitale nell’anno in corso, e che quindi ha dilatato i tempi di preparazione e attesa del verdetto che arrivera’ la prossima settimana. Ma quello dell’Isola, spiega Riitano, e’ un processo di cambiamento che “parte 5-6 anni fa quando il Comune di Procida inizia a fare dei ragionamenti rispetto al riposizionamento dell’Isola in un ecosistema fatto di turismo sostenibile, di accoglienza, di industria culturale, di rigenerazione urbana. Questo percorso porta poi a cogliere l’occasione della candidatura al cui interno e’ stata fatta un’operazione che e’ molto piu’ vicina a quella di un piano strategico decennale piuttosto che una mera elencazione di eventi culturali. Il nostro pr getto – ribadisce – non e’ per il mero intrattenimento, ma e’ un progetto culturale per attivare un processo affinche’ questa comunita’ acquisti una rinnovata capacita’ progettuale per generare forme di innovazione socioculturale e di economia etica”.


Riitano sottolinea come “la candidatura di Procida non e’ mai stata quella di una piccola isola del Golfo di Napoli, ma la candidatura di una comunita’ molto piu’ ampia che tiene dentro I Campi flegrei e tutti i 35 Comuni delle isole minori.


Manifestazioni di sostegno “sono arrivate anche dalla citta’ di Padula che e’ stata nostra competitor e che ha sottoscritto una delibera di completa adesione e da decine e decine di Comuni anche delle aree interne. Qualche ora fa (ieri, ndr) e’ arrivata anche una adesione della citta’ di Aarhus in Danimarca, luogo molto distante da noi ma in realta’ molto vicino perche’ e’ stata una delle recenti Capitali europee della Cultura (nel 2017, ndr) e ha potuto toccare con mano – conclude – cosa significa porre la cultura al centro di una politica dello sviluppo”.

Fonte: Agenzia Dire

Redazione
Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: