Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Procida Capitale della Cultura 2022: un’occasione per Pozzuoli e i Campi Flegrei

Procida Capitale della Cultura 2022: un’occasione per Pozzuoli e i Campi Flegrei

Alle 10,34 di lunedì 18 gennaio 2020, in video conferenza, il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha proclamato Procida capitale italiana della cultura 2022.

All’annuncio, sull’isola è scoppiato il finimondo.   

Il merito di questa vittoria va al sindaco isolano Raimondo Ambrosino, al direttore della candidatura Agostino Riitano e a tutto lo staff che ha lavorato affinché questo sogno si realizzasse.

L’affermazione dell’isola flegrea non è però una vittoria circoscritta ai confini di Procida, ma potrebbe esserla per tutti i Campi Flegrei che, mai come nel 2022, saranno sotto le lenti d’ingrandimento del mondo intero non solo per il bradisismo – nelle ultime settimane il fenomeno ha intensificato la propria attività, alimentando preoccupazione negli abitanti, soprattutto nei cittadini di Pozzuoli, e attenzione nell’opinione pubblica – ma per le sue infinite bellezze paesaggistiche e culturali.

Tenendo conto che chi si recherà a Procida dovrà imbarcarsi a Pozzuoli – potrebbe farlo anche da Napoli ma allungherebbe di parecchio i tempi di navigazione –, la vittoria della più piccola delle isole flegree apre grosse opportunità di sviluppo per l’intero indotto coinvolto nell’evento, incluso il capoluogo flegreo.

È auspicabile che già da oggi l’amministrazione puteolana si attivasse con gli enti preposti per stilare un piano per la restaurazione e valorizzazione del proprio patrimonio archeologico in modo da non farsi trovare impreparata quando sarà.

Sarebbe bello se per il 2022 l’Anfiteatro Flavio, la necropoli del Ponte Copin, lo Stadio Antonino Pio e tanti altri siti archeologici, che in alcuni casi versano in condizioni pietose, tornassero finalmente a rilucere del proprio antico splendore, incantando i turisti e fungendo da sedi per eventi culturali di spessore nazionale e internazionale.  

Sarebbe bello se per quella data venissero smontate le gru dal Rione Terra perché significherebbe che i lavori di ristrutturazione finalmente sarebbero terminati e la storica “rocca” tornerebbe a essere l’anima storica di Pozzuoli.

La vittoria di Procida non deve risolversi in pretestuose polemiche sul perché, all’epoca, anche Pozzuoli non presentò la propria candidatura per l’evento. Recriminare sul passato serve solo ad alimentare la rabbia e a  far sprecare energie e tempo prezioso che potrebbero essere invece spesi in maniera costruttiva.

 La vittoria di Procida è un’occasione che Pozzuoli non può lasciarsi sfuggire per dimostrare che anche lei sa fare cultura con la “C” maiuscola non solo a parole ma coi fatti.

 Confidiamo che chi di dovere sappia sfruttare a dovere questa occasione offertale dalla piccola isola su un piatto d’argento.

 Opportunità come questa capitano poche volte nella vita, non sfruttarla sarebbe un’offesa alla comunità.

Vincenzo Giarritiello
Nato a Napoli, ma da oltre vent’anni residente a Pozzuoli, Vincenzo Giarritiello alterna all’attività di scrittore quella di giornalista per passione. Nel 1997 ha pubblicato “L’ultima notte e altri racconti” e nel 1999 “La scelta”. Nel 2017 ha ristampato “La scelta” e nel 2018 ha pubblicato il romanzo breve “Signature rerum” ambientato nei Campi Flegrei. Nel 2019 ha stampato “Le mie ragazze rom scrivono” e “Raggiolo uno scorsio di paradiso in terra”. Nel 2020 ha editato la raccolta di racconti “L’uomo che realizzava i sogni”. Ha pubblicato con le Edizioni Helicon il romanzo “Il ragazzo che danzò con il mare”. Ha collaborato con le riviste online “Giornalewolf.it” e “Comunicare Senza Frontiere”; con quelle cartacee “Memo”, “Il Bollettino Flegreo”, “Napoli Più”, “La Torre”. Fino al 2008 ha coordinato laboratori di scrittura creativa per ragazzi a Pozzuoli e all’Istituto Penitenziario Minorile di Nisida. Attualmente collabora con l’associazione culturale Lux in Fabula con cui ha ideato la manifestazione “Quattro chiacchiere con l’autore”. Nel 2005 ha attivato il blog “La Voce di Kayfa” e nel 2017 “La Voce di Kayfa 2.0”. Dal 2019 è attivo il suo sito www.vincenzogiarritiello.it
http://www.vincenzogiarritiello.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto