Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > Storia di un incontro d’amore

Storia di un incontro d’amore

Storia di un incontro d’amore, è l’immagine di due anime che s’incontrano, e si raccontano nella forma dei baci, della poesia, e della lingua Napoletana.

Teneva na paura ‘ncuorpo, ca’ ‘o faceva tremmà, era ‘o primmo appuntamento, e se ripeteva ‘e parole pe’ nun sbaglià.

-Comme sî bella stasera, ‘a quanto tiempo te vulevo ‘ncuntrà, ‘o ssaie comme parla ‘o core, quanno se vô nnammurà?-

Po’ s’abbagliaieno l’uocchie quanno ‘a vedette arrivà, essa era overo bella assaie, quant’ ‘e parole ca se ripeteva, pe’ nun s’ ‘e scurdà.

Se scagnaieno ‘e vase e accuminciaieno a cammenà, essa ‘o teneva p’ ‘o braccio, e isso pensava a na parola pa’ fa’ parlà.

-Stella –

-Hê itto stella? –

-Vulevo dicere sî bella-

Essa s’arretiraie dint a nu sorriso, comme ‘o sole ca’ s’annasconne da’ luna senza se fa’ vedé. Scurnuso assaie, isso pensava sultanto a nun sbaglià, ‘a purtaie vicino ‘o mare, e ogni tanto ‘a guardava, cercanno ‘e se fa guardà.

-Comm’è bello!- dicett’ essa, guardanno ‘o mare; isso pigliannose curaggio, scennette c’ ‘o braccio e ce pigliaie ‘a mano. Comme sbatteva chillu core! Pareva quasi na campana. Essa acalaie ‘a capa, po’ cu na voce doce le ricette:

-Pecché me piglie ‘a mano?-

-Pecché ‘o core m’ha itto do’ fa- Le rispunnette isso, c’ ‘o core ca’ faceva din don.

-E ‘o core che t’ha itto cchiú?-

-‘O core mio è nu poco cacaglio, pecché nisciuno l’ha mparato a parlà, ma mo che me guarde, sento na voce, è isso cà me dice: dincello a sta bella toia, c’ ‘a vulisse vasà. Te voglio bene, me dice, e che ce posso fa’ ! Primma ero cacaglio e mo m’aggio mparato a parlà –

-allora me vuô bene?-

-É ‘o core mio che l’ha itto, e io che ce pozzo fa’? Chillo è nu mascalzone, dice sempe ‘a verità!-.

‘A guagliona rerette, e se fermaie a lo guardà. ‘O core ‘e isso fennette ‘e fa’ din don e accuminciaie a cantà.

-‘O ssaie che d’ è l’ammore? L’ammore è nu bambino, l’ ‘e ‘a curà cu tutt’ ‘o core, e le ‘a tené sempe vicino. L’ammore è nu sciore cà ‘e sempe annaffià, sinnó addiventa brutto e s’ha dda sulo iettà-.

-Che d’è l’ammore ‘o ssaccio, me l’ha mparato ‘o core, stu santo benedetto, ca’ tengo ncuorpo a me, m’ha fatto na bona scola, presentannome a te-.

Allora l’uocchie ‘e tutt’ ‘e duie, addiventaieno na cosa sola:

-E mo hê visto c’ hê fatto! Pruovace tu a le’ fermà, sti vocche scunusciute, ca’ mo se vonno vasà-

Avatar photo
Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: