Tu sei qui
Home > Campania > LE ACQUE SCURE DEL MALE: FINE DELLA SAGA DEL BLACKWATER

LE ACQUE SCURE DEL MALE: FINE DELLA SAGA DEL BLACKWATER

TUTTI ANNEGATI NELLE ACQUE DEL BLACKWATER

Tutto ha inizio dalla fine, la saga del Blackwater, sei volumi scritti dall’americano Michael McDowell, uscita per la prima volta negli anni ottanta, replica un successo senza precedenti nel campo dell’editoria dedicata al fantasy.

Gli episodi che vedono al centro la famiglia Cashey, contengono un ingrediente che del magico, mescola elementi base, come l’amore, la gelosia, l’odio, la fratellanza e un sottile velo di misero, che condisce la trama rendendola appetibile, anche ai lettori più scettici come me.

Non è stato difficile farsi trasportare dalle acque nere e fangose del fiume Blackwater, impossibile non provare un fascino subdolo, per l’accattivante Elinor, per poi scoprire che la chiave di tutta la storia è ereditata da due donne: Miriam e Liliah.

Le figure femminili in questo romanzo sono al centro di un universo apparentemente maschile, chiuso e custodito da una diga fatiscente, resa inutile quando il fato sinistro decide di abbatterla, raschiando la superficie di un contenitore umano, che non può nulla contro la forza cieca della Natura.

Nella saga del Blackwater, i protagonisti vivono di riflesso, seguono principi e azioni che registrano un preciso comando, una solida energia che avanza nelle vite di ognuno di loro, regolata dalla superba autocrazia di Elinor.

La violenza divoratrice del male non subisce inganni, o deviazioni, la scure della violenza assassina sarà implacabile, non risparmieranno bambini, o mariti fedeli, donne giovani e sconosciute, restituendo pezzi di una realtà abitativa lacerata dalla spasmodica ricerca della felicità.

Il denaro, l’accumulo di ricchezze spropositate, costituirà la formula che si adopererà per annientare poi tutto. Più volte l’autore pone l’accento, l’inutilità di tali fortune economiche, ribaltando il comune sentimento del potere basato sulle solide entrate, facendo così riflettere sul valore dei sentimenti puri.

I crimini a Perdido, questo è il nome rappresentativo del villaggio, sono sepolti dal tempo, dagli anni che si accumulano, così come i beni della famiglia Cashey. Non ci sarà una giustizia terrena che sanifichi il male commesso, tutto filtrerà attraverso le mani di Elinor, la vera capostipite di questa complessa famiglia.

Nel vortice delle morti violente finiranno anche personaggi all’apparenza positivi, quasi a dimostrare che la mostruosità del male colpisce chiunque, i buoni e i cattivi.

Nel frattempo il fiume scorre, si gonfia per colpa delle piogge, l’acqua fonte di vita, si trasforma in un enorme serpente dalle ampie fauci, dentro di cui muoiono chi ha deciso di violentarlo, di costringerlo a cambiare il suo cammino. Una strada decisa tempo addietro dalla fantasia della Natura, la quale non sempre obbedisce alle leggi degli uomini.

Avatar photo
Paola Iannelli
Docente di lingua e letteratura spagnola, ha iniziato a scrivere articoli in ambito accademico, ha svolto una tesi di dottorato sul noir partenopeo post moderno presso l’Università di Salamanca. Attualmente fa parte del gruppo di scrittori della bottega di "Homo Scrivens" e ha pubblicato nel febbraio del 2021 un noir intitolato "Il Paradiso non ha un angolo retto". Collabora con Quicampiflegrei.it e con Thriller nord e non solo Scrive racconti brevi per le riviste: "Edgar" e "Resistenza civile", oltre a pubblicare recensioni per la casa editrice. È stata selezionata dalla rivista Mondadori "Donna Moderna" rispondendo alla chiamata di un concorso diretto alle donne che hanno realizzato durante il lockdown un nuovo progetto professionale. Ha ricevuto vari riconoscimenti letterari, è stata scelta dalla trasmissione "Plot Machine" di Rai Radio1 per uno dei migliori miniplot creati nel 2020.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: