Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Bacoli > Nuove ricerche e nuove scoperte nel Parco Sommerso di Baia

Nuove ricerche e nuove scoperte nel Parco Sommerso di Baia

Baia non finirà mai di stupirci. Nuove scoperte: un colonnato in pietra, colonne in marmo e una pavimentazione probabilmente tardo Antica e nuove tecnologie per un rilievo dettagliato senza immersione della città sommersa.

Ci sono ancora tante cose che non conosciamo della città sommersa e il Parco Archeologico non si ferma mai. Infatti è di poco fa la notizia che sono in corso d’opera i rilievi subacquei presso un nuovo e finora inedito settore sommerso dell’antico centro termale romano di Baia, all’interno della zona A del suo Parco
sommerso. L’attività è coordinata dal team del Parco archeologico dei Campi Flegrei ed è svolta dalla società Naumacos.


La colonna in marmo Portasanta, ben visibile nel suo sgargiante colore rosa-viola

Nell’area tra le Terme del Lacus e il Ninfeo di Punta dell’Epitaffio è stato individuato un isolato di cui al momento si conosce l’estensione, pari a oltre 80 metri, ma di cui mancano dettagli dei vari vani.

I ricercatori oltre a documentare i resti provano a recuperare elementi utili alla ricostruzione dei luoghi. Finora sono stati individuati un colonnato in pietra e alcune colonne marmoree tra cui spicca una colonna in pregiato marmo Portasanta, proveniente dall’isola di Chios (Grecia), che, seppur spezzata, si mostra in eccellente stato di conservazione.

Il pavimento marmoreo ritrovato, con lastre quadrangolari, ancora in Portasanta, o frammentate in triangoli con alternanza cromatica bianconero

È stato individuato anche un tratto di pavimentazione in opus sectile marmoreo, in marmo di Portasanta alternato con lastre in marmo bianco o grigio. Questa, insieme alla posa in opera, sembrano essere gli elementi che potrebbero datare all’età Tardoantica quest’area e cioè tra III e IV sec. d.C.

La statua di Apollo proveniente dal settore in esame, ricomposta e poggiata sull’innovativo basamento grazie al lavoro dei restauratori dell’Istituto Centrale per il Restauro di Roma
La statua di Apollo al momento del rinvenimento nel 2013, nell’area in esame


Va ricordato come proprio qui nel 2013 venne rinvenuta la statua di Apollo che fu consegnata per il restauro all’Istituto Centrale per il Restauro di Roma. La statua appena pronta sarà esposta al Museo archeologico dei Campi Flegrei presso il Castello di Baia.


Per l’attività in corso sono stati fondamentali il rilievo realizzato dall’istituto ISPC-CNR di Napoli e le ricerche svolte dal dott. Crescenzo Violante. Il rilievo realizzato con la tecnica innovativa Multibeam ha permesso di creare, senza scendere in immersione, mappe molto dettagliate dell’area sommersa tra Punta dell’Epitaffio e la Villa dei Pisoni che comprende anche il nuovo l’isolato. A maggio, grazie a questa collaborazione, verrà svolta una nuova campagna di rilievo Multibeam per completare il rilievo di tutto il settore A del Parco sommerso di Baia.

Il rilievo Multibeam realizzato al momento nell’area compresa tra il ninfeo di Punta dell’Epitaffio, la Villa dei Pisoni e le Terme del Lacus, grazie alla collaborazione con ISPC-CNR
Planimetria dell’area in corso di completamento da parte di Naumacos
Avatar photo
Anna Russolillo
Napoletana, architetto specializzata in restauro dei monumenti alla Federico II di Napoli. Giornalista, collabora con il quotidiano “Il Roma”. Archeo e Archeologia Viva. Consulente della Regione Siciliana, Parco Archeologico di Himera, Solunto e Iato. Già consulente della Regione Campania, della Soprintendenza Architettonica di Napoli e della Diocesi di Pozzuoli. Ha master e attestati in archeologia e in archeologia subacquea. Già docente di scavo archeologico, rilievo archeologico e aerofotogrammetria. Subacquea con all’attivo numerosi master in archeologia subacquea. E’ fondatore e presidente dell' associazione Villaggio Letterario. Da sempre coinvolta per studio, per lavoro e per passione nel mondo del turismo, dell'arte e dell’archeologia, ama ideare, organizzare, coordinare e realizzare progetti ed eventi culturali, sociali, scientifici e turistici. La Campania e la Sicilia sono le sue due patrie. Questi i suoi siti: www.annarussolillo.it - www.villaggioletterario.it - www.marefest.it - www.trofeomaiorca.it - www.librofest.it - www.roccocoofest.it - www.nolimitswinediving.it
http://www.annarussolillo.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: