Tu sei qui

Estate Napulitana

Il mare, il sole, il cielo limpido azzurrino: a Napoli vogliono significare ‘A Stagione. L’Estate.

Un periodo così ricco di elementi, idee ed eventi, da essere identificato sempre con questo termine, nella lingua Napoletana.

Ho voluto di nuovo rappresentare questo periodo così luminoso, con alcune tra le più importanti poesie di autori Napoletani, inerenti all’estate. Tra queste poesie, ci sono alcune composte dal sottoscritto, che vi augura una buona lettura e una serena estate.

‘A Fresella “Ivan Tudisco”

Tengo cavero e che fa!

Mo me faccio na fresella,

‘a metto nu poco a spugnà,

po’ ce struscio na pummarulella,

sale, uoglio, e m’appriparo pa’ magnà.

Quanno è cavero me rincresce,

e passà ‘o tiempo a cucinà,

basta poco: na ‘nzalata ‘e pesce,

o na fresella pe’ cagnà.

A me piace e c’aggia fa!

Che tengo ‘e vizie?

È l’unico sfizio ca me fa arricrià,

mâ guardo, l’addoro, ce suspiro,

ce faccio ammore; a me piace c’aggia fa!

È sultanto na fresella, ma sapisse quant’ ‘a mmiro!

Intermezzo d’Agosto “Ernesto  Murolo”

Cuntrora d’Austo pe’ viche s’arrostano e addorano ‘e spiche,

l’asfardo se scuaglia p’ ’a loggia ‘nfucata,

s’ammesca ‘o prufumo da sovera acerva,

c’ ’o senzo asprulente ‘e cunzerva,

e addore d’ ‘e panne ‘e culata,

l’ammore do sole cchiù ardente,

chest’afa ‘e calore nun sente,

Ciccillo è venuto in licenza â matina,

mo ‘a gnora ‘e cuntrora se stona e appapagna,

Ciccillo se magna cu l’uocchie a Nannina,

Nannina cu l’uocchie s’ ’o magna,

S’azzeccano ‘e segge vicino,

‘e dete se ‘ntrecciano ‘nzino,

dic’essa tuccannolo ‘mpietto c’ ‘a mano,

“t’accoglie ‘a ferita quann’uno te tocca?”

Notte D’Austo “Rocco Galdieri”

P’ ’o càvuro, ’a notte,

te mine d’ ’o lietto;
t’affacce a ’o barcone,
strignennote ’mpietto.
E i’ penso, ’a rimpetto:
«M’ha vinto? Chi sa?!»

Ma tu nun me vide!
Nun pensa ’stu core,
ca i’ ll’uocchie nu’ ’nzerro;
nun già p’ ’o calore…
gnernò! Ma p’ ’ammore,
che chesto mine fa!

Risciata!… Ca ll’aria
d’ ’a notte fa bbene!
Io ’o ssaccio, che tengo
’nu fuoco p’ ’e vvene!
E ’o ssape chi tene
’na smania ’e murì!

Suspira! Rummane
vicino ’a ringhiera!
Nun già comm’ ’o juorno,
nun già comm’ ’a sera…
Che faie chella cèra,
pecché ’nce stongh’i’!

Ah!… Comme è sserena
’sta notte d’Austo!
Mo’, for’ ’o barcone,
può sta senza busto…
pecché nun daie gusto
a… chi n’ ’o buò dá!

Pecché tu nun piense
ca chi sta rimpetto,
’a notte, ogne notte,
p’ ’ammore a dispietto,
nun vede cchiù ’o lietto,
che cchiù nun se fa!

Ma!… Si t’ ’o ppenzasse,
ca chesto mme resta!
Ca i’ stongo, ogne notte,
vicino ’a fenenta,
areto a ’na testa,
chiagnenno, pe’ te…

Si tu… t’ ’o ppenzasse…
che… passano ll’ore;
e i’ stongo, ogne notte,
scecato, p’ ’ammore…
murisse ’e calore,
pe’… nun se vedé!

Raggio ‘e sole “Raffaele Viviani”

‘A matina
c’arapo ‘o balcone
me trase ‘a staggione
p’ ‘a casa e risciato.
N’aria fina,
n’addore ‘e limone:
m’affaccio e ‘o purtone
sta ancora ‘nzerrato.
Che se sente,
s’allarga ‘o rispiro.
M’avoto, me giro,
m’arracquo ‘e vviole.
Lentamente
se ‘nfìamma l’aurora
e ‘a casa se ‘ndora
p’ ‘e ragge d’ ‘o sole.
Che splendore
p’ ‘a stanza lucente,
che vuo’ tene’ mente
spicchiere e cristalle?
P’ ‘o lustrore
riflesse e scentille
mo rosse, mo lille,
mo verde, mo gialle.
Prete fine:
migliare ‘e culure
p’ ‘e trave, p’ ‘e mmure,
pe’ terra ‘e rriggiole.
So’ turchine
zaffire e diamante,
ricame ‘e brillante
pe’ coppa ‘e llenzole.
Che ricchezza
stu sole ce manna;
ma appena s’appanna
s’ ‘e torna a purta’.
‘A priezza
se fa nu squallore,
e ‘a luce d’ ‘o core
cchiù scura se fa.
E accussì
tutte ‘e notte io te veco,
che suonno, che spreco
scetato ‘int’ ‘o scuro.
Appari’
p’ ‘e parete d’ ‘a stanza
vicina, a distanza,
lucente ‘int’ ‘o muro.
‘A nu vano
sparisce e riappare,
rituorne e scumpare
cchiù lustra ‘e na fata.
Chianu chiano
do’ ‘a luce e p’ ‘o lietto
nun trovo arricietto
pe’ tutta ‘a nuttata.
Si venisse
cu l’uocchie lucente,
che vuo’ tene’ mente
spicchiere e cristalle.
Vedarrisse
riflesse e scentille
mo rosse, mo lille,
mo verde, mo gialle.
Spannarrisse
migliare ‘e culure,
p’ ‘e trave, p’ ‘e mmure,
pe’ coppa ‘e rriggiole.
Purtarrisse
p’ ‘a casa ‘o chiarore
cu ‘o stesso bagliore
d’ ‘e ragge d’ ‘o sole.
Si trasisse,
chiudesse ‘o balcone:
trasesse ‘a staggione
cu tutta ‘a fragranza.
Si venisse,
che festa, che sole
pe’ coppa ‘e llenzole.
Che luce p’ ‘a stanza!

‘O tre piezze “Giulio Pacella”

Na vota quann’ ‘a ggente ieve ô bagno,

se ntabbarrava ‘e ciento pezzecaglie,

custume a mmeza coscia, buste e paglie,

e nu mbrellino pe’ scanzà, ‘abbafuogno.

Dint’ ‘o sissanta c’erano ‘e duie piezze,

‘o viecchio barracano, nu lunzuolo,

sparette all’intrasatta e che cunzuolo,

quann’aria e sole deveno carezze.

Verso ‘o nuvanta,

ascette ‘o miezo piezzo,

sulo nu tanga senza cchiù cumplesse,

e ‘a cosa scetaie cchiù ‘e nu verrizzo,

mo stanno già penzanno ‘o fatto è bello,

a nu tre piezze ô posto ‘ ‘o toplesse,

sultanto ‘e llente, ‘e zuoccule e ‘o cappiello

N’ata estate “Giulio Mendozza”

Torna ‘a vì ccà, ritorna n’ata estate,

n’afa ‘e calore ca t’abbruscia ‘a vita.

Manco chist’anno ‘e cose so’ cagnate,

pure chist’anno scotta sta ferita.

‘O calore ‘ammuina ‘e frennesia,

 nun songo adatte pe’ chi tene ‘o mmale,

si se sanasse sta ferita mia,

io turnarria cumm’ero, tale quale.

Ma me strazia, m’accoglie, me fa male,

e ‘o calore cchiù forte ‘a fa scuttà,

venesse ‘na tempesta ‘e tempurale,

no, ca nun vene, e i’ ch’ ‘o ddico a ffa?!

‘O sole “Ferdinando Russo”

‘O sole pe’ dint’ ‘o ciardino,

iucava ‘a parmosa cu ‘e rrose,

tu, ‘ncoppa a nu lietto de fronne addurose,

cchiù bella d’ ‘o sole, parlave cu me.

Ricuorde che squase d’ammore?

Ricuorde che vase nfucate?

Ricuorde? ‘A catena d’ ‘e ricce mbrugliate,

m’aveva attaccato stu core pe’ te.

Carmela cchiù doce d’ ‘o mmele,

cu st’uocchie ‘e velluto m’accire,

ma tu me redive cu chill’uocchie nire,

e ‘o sango da ‘e vvene facive sparì.

Iucava ‘a parmosa cu ‘e rose,

‘o sole pe’ dint’ ‘o ciardino,

io, tutto ncantato te stevo vicino,

e tu me vasave dicenno ca sì.

‘O mare “ Eduardo de Filippo”

O mare fa paura

Accussì dice ‘a ggente

guardanno ‘o mare calmo,

calmo cumme na tavula.

E dice ‘o stesso pure

dint’ ‘e gghiurnate ‘e vierno

quanno ‘o mare

s’aiza,

e l’onne saglieno

primm’ a palazz’ ‘e casa

e pò a muntagne.

Vergine santa…

scanza ‘e figlie ‘e mamma!

Certo,

pè chi se trova

cu nu mare ntempesta

e perde ‘a vita,

fa pena.

e ssongo ‘o primmo

a penza’ ncapo a me:

Che brutta morte ha fatto

stu pover’ommo,

e che mumento triste c’ha.

Ma nun e’ muorto acciso.

È muorto a mmare.

‘O mare nuna cide.

‘O mare è mmare,

e nun ‘o sape ca te fa paura.

Io quanno ‘o sento…

specialmente ‘e notte

quanno vatte ‘a scugliera

e caccia ‘e mmane…

migliara ‘e mane

e braccia

e ggamme

e spalle…

arraggiuso cumm’e’

nun se ne mporta

ca c’ ‘e straccia ‘a scugliera

e vveco ca s’ ‘e ttira

e se schiaffea

e caparbio,

mperruso,

cucciuto,

‘e caccia n’ata vota

e s’aiuta c’ ‘a capa

‘e spalle

‘e bracce

ch’ ‘e piede

e cu ‘e ddenoccie

e ride

e chiagne

pecché vulesse ‘o spazio pe’ sfuca’…

Io quanno ‘o sento,

specialmente ‘e notte,

cumme stevo dicenno,

nun e’ ca dico:

‘O mare fa paura,

ma dico:

‘O mare sta facenno ‘o mare.

Estate “Ivan Tudisco”

L’estate tira fore ogne cosa,

si’ sî ‘nnammurato,

sî ‘nnammurato doie vote,

è nu segreto ca nun tene pecchè,

sî è, è,

succede pe’ succedere,

e senza ce credere te siente comme n’ato.

L’estate a Napule se chiamma staggione,

pecchè s’ ‘e braccia a tutte quante,

e sî vide sta sempe ‘int’a na canzone,

è na curnice d’oro pe’ tutte l’amante.

‘O cavero “ Ivan Tudisco”

Torna cchiù cavero ancora l’està,

te spuoglie, te susce attuorne,

ma nce sta niente ‘a fa,

sempe è cavera l’aria ca te torna.

E già, ce n’amma i’ a mare,

pe’ truvà frisco dalla nobile calura,

ma i’ nun c’ ‘a faccio a sopportare,

‘o sudore, pe’ nu poco ‘e abbronzatura.

Mare e Napule “Ivan Tudisco”

Varca luntano,

me puorte cu te;

me piglie pe’ mano,

e me faie sentì nu rre.

Nu mare azzurro me connola ‘a fantasia,

e quase me pare ‘e m’addurmì,

‘mbriaco ‘e vino o forze ‘e malincunia,

ca me tene ccà stiso e nun me ne fa ì’.

Bella ‘a stagione,

oi’ né che bella stagione,

si’ me daie nu vaso,

po’ te canto na canzone,

si’ me ne daie otto,

t’ ‘a canto a schioppo a schioppo.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto