Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Nudarsi – Incroci di poesia

Nudarsi – Incroci di poesia

Martedi 24 maggio 2022, ore 15 presso la Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli

A metà tra l’ ambito letterario e ambito del socialel’incontro che si svolgerà martedì 24 maggio  2022, a partire dalle ore 15.00, presso la Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli. Alcune poesie tratte da Nudarsi,l’ultima silloge di Rita Felerico edita da Turisa, sarannomesse in scena dalle allieve del laboratorio di Scrittura “La Sacca Iraconda”, attivo nel carcere dal 1997. “La poesia in carcere – così descrive l’esperienza Angela Cicala, referente dell’itinerario didattico –si  fa cura, carezza, rapimento; si può trasformare in drammaturgia, può intrecciare  relazioni che, tramutate in dialogo, inincroci di parole, possono dare vita, come in questo caso, alla trama di una pièce teatrale”. Infatti, EllySophia, Angela, Giuseppina, Gabriella, Samantha,insieme alle attrici Anna e Clara Bocchino e alla musicista Marilena Vitale, saranno protagoniste di unainterpretazione drammatizzata dove versi, musica, oggetti simbolo, proiezioni di immagini, movimenti e gestualità raccontano l’Amore, quello sofferto e interrotto, quello sognato e atteso, quello che nuda l’anima e la libera, così come descritto in Nudarsi. La detenzione priva della libertà, non degli affetti. “Le allieve hanno scelto quelle poesie in cui l’amore – spiega ancora Angela Cicala – esprimendosi nelle sue mille tinte, incanto, costruzione, sfida, tormento, si manifesta attraverso parole-chiave da loro individuate, con le quali hanno restituito pensieri poetici all’autrice.Così si è creata la trama della pièce”. Poesia che divienestrumento e dona strumenti per migliorare la percezione di sé, attraverso la scoperta o riscoperta delle proprie potenzialità, la poesia come confronto, come trasformazione della dimensione del tempo, in carcereterribilmente scandito e lungo. Fra le mura, con la poesia, il tempo rinasce come  progetto esistenziale, desiderio di autorealizzazione, quello che si immagina ecoltiva dentro di sé, il sogno di un riscatto.“Dialogare con le donne ‘altro’ da me, avere la possibilità di approfondire la conoscenza delle relazioni e dell’ascoltoe il rapporto fra linguaggi diversi, questo era il mio desiderio – dichiara l’autrice Rita Felerico – e soprattutto far emergere, grazie alla poesia, la comunanza dei sentimenti e delle emozioni fra persone anche lontane tra loro per formazione e cultura. Un progetto andato a segno, merito delle insegnanti Angela Cicala e Fausta Apa, che mi hanno accompagnato in questo intenso viaggio, tutto al femminile”. Una condivisione che segna non la fine di un percorso, ma l’avvio di altri sentieri di ricerca e formazione.

Sabrina Ciani

Martina Bruna Chiaiese
Nata a Napoli nel 1994. Fin da bambina è sensibile al mondo della cultura e della scrittura. Ha frequentato il Liceo Classico Antonio Genovesi grazie al quale matura un grande interesse per la lingua e la letteratura italiana e inglese. Si iscrive all’Università degli Studi di Napoli L’Orientale e nel 2017 consegue la laurea in Lingue, Lettere e Culture Comparate nelle lingue inglese e cinese. Attualmente frequenta il corso di Laurea Magistrale in Lingue e Civiltà Orientali approfondendo lo studio della lingua, la storia, l’archeologia e la letteratura cinese. In ambito giornalistico si occupa della coordinazione del quotidiano on-line L’Osservatorio Flegreo ed è direttore della testata QuiCampiFlegrei. La sua passione è lo sport.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto