Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > Poesie d’amore Napoletane

Poesie d’amore Napoletane

Poesie d’amore, poesie romantiche, sempre ci hanno scaldato il cuore, e in occasione della festa degli innamorati, ho raccolto in questo articolo, alcune poesie d’amore in lingua Napoletana, da me scritte, e dedicate ai cuori gentili ancora capaci di amare. Buon amore a tutti/e.

Stu core

Si’ stu core sapesse parlà,

nun tenesse scuorno ‘e te vedè,

te cercasse pe’ t’abbraccià,

pe’ te tenè stretta ‘mpiett’ a me.

So’ pueta, e forse è strano,

avesse tenè forza comm’ ‘e rose a Maggio,

ma che ce pozzo fa, me serve na mano,

si’ sulo m’aiutasse, me facesse curaggio.

Te voglio bene e tu forse vuò bene a me,

m’ ‘o sento ‘int’ ‘o core,

ca si’ pure è scurnuso cu te,

sape buono addo sta ‘e casa l’ammore.

Speranza

Me sceto ogne matina,

speranno ‘e te vedè,

comme ‘na vota a me vicina,

quanno dicive: voglio a te.

Sta speranza m’arrevota,

comme ‘na foglia ‘mmiez’ ‘o viento,

‘e t’abbraccià pe’ n’ata vota,

si’ sultanto pe’ nu mumento.

E vase

I’ te vaso, tu me vase,

chi ce po’ fermà?

i’ me mengo e tu me dice trase,

lengua toia e lengua mia, che rarità! 

‘Mpietto

‘Mpietto a te me cuccasse,

‘ncopp’’o seno ‘e curallo fino,

addò ‘o core mi’ ce lassasse,

pe’ te sentì sempe a me vicino.

Pietto ‘e rosa ca nun me faie arraggiunà,

me tiene ‘ncapa cchiù forte ‘e nu penziero,

ca manco si’ voglio riesco a scurdà,

e si’ po’ succede? Io no, nun ce crero.

Vocca ca sapite vasà

Vocca ca sapite vasà,

purtateme luce ‘e stelle,

addò ‘a luce nun riesce ârrivà,

vuie ca site sango e i’ ca so’ pelle,

ianca e liscia ‘e nustalgia,

pe’ sti’ vase ca me stanno luntano,

e pe’ st’ammore ca nun trov’ ‘a via,

pe’ ve dà stu sciore ca mo’ tengo mano.

Si’ fusse

Si’ fusse na fella ‘e torta,

te magnasse cu priezza,

chiano chiano senza fretta,

cu passione e cu dolcezza.

E si’ fusse na fella ‘e mellone,

nun ‘o ssaccio che facesse,

friddo friddo te vulesse,

‘ncoppa ‘a seggia d’’o balcone.

Ah si’ fusse ‘a mia

quanti ccose te facesse!

cu nu vierse ‘e na poesia,

dint’ ’o core te tenesse.

Serenata silenziosa

T’aggio vista affacciata ‘o balcone,

cu n’aria fina, senza culore,

addo ‘o mettiste allora chistu core,

steva ncartato o dint’a na canzone?

‘Ncuorpo a me te dicette bonnì,

pe’ scuorno aggio taciuto chesta vocca,

‘o sguardo tuoie stavota nun me tocca,

dimme tu si me ne pozzo pur’ì.                                   

Quanti vvote l’anema mia t’aggio lassata!

Fors’era poco, oppure ‘o gesto nun t’è piaciuto,

chist’ammore ‘nzieme a te mo se n’è ghiuto,

lassanno ‘mpietto a me sta serenata.

 Rosa a Nannina

Scetate porta ‘nzeriosa,

arapete e famme trasì,

stammatina aggio purtato ‘na rosa,

pe’ chella bella ca se chiamma Nannì.

Ah che priezza ca sento ‘int’ ‘o core!

P’’a speranza sultanto da vedè,

tengo ‘mpietto ‘na fronna ‘e calore,

forse Nannina nun ne vò cchiù sapè?

Fa ambresso porta a t’arapì,

aggio vista Nannina affacciata,

dincello, ca ccà fore ce stong’i’,

ca l’aspetto cu sta rosa affatata.

Vocca ca parlate

Vocca ca parlate,

quanti cose ca sapite fà!

Sulo aiere ce simmo lassate,

eppure ogge ve torno a penzà.

Vocca ‘e vase carnale e cianciose,

nzieme a vuie me cocco stasera,

accussì, suonno ‘e rose e che rose!

Ca si’ pure è vierno, pe’ me è primmavera.

Tu si’ rosa

Tu si’ rosa,

ca nun tene spine,

si’ n’addore ‘e tutto cosa,

tu rire e faie nascere ‘e viole,

e si’ chiure l’uocchie,

se stuta pure ‘o sole.

Putesse campà cient’anne,

chi maie te scurdarrà!

Chello ca porto ‘mpietto nun ‘o sanno,

sulo chi t’ha ‘ncuntrato nun te pô cchiù lassà.


Si’ stasera

Si’ stasera vaie truvanno ‘na stella,

‘ncopp’a’ rena ce ne jamme i’ e te,

sule sule ‘a vita è cchiù bella,

i’ te tengo pe’ mano e tu tiene a me.

Quanti vote ce simme lassate,

ma pô vide l’ammore che fa,

‘e parole lassammole all’ate,

si’ nun è cosa, nun stessemo ccà.

Vocca doce ca me daie sta via,

add’ ‘o core se va a cunzulà,

sî tu forza e salute, sî tu vita mia,

doce doce, me faie ancora ‘nnammurà.

Ammore serio

L’ammore nun è cosa ca se pô accattà,

si’ tiene ‘e sorde e crire do’ fa fesso,

prima o poi se n’accorge e t’’o fa scuntà.

Nun perdere tiempo si’ nun tiene pacienza,

po’ succedere a Dicembre, a Luglio o a Maggio,

nun è arte altolocata o studio ‘e scienza,

pe’ te mettere a fa ammore ce vo’ sulo curaggio.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto