Tu sei qui

La Poesia Napoletana

Poesia Napoletana

In questo primo articolo dell’anno, desidero anzitutto porvi i miei più sinceri auguri per un anno nuovo ricco di gioie e benedizioni. Desidero offrirvi alcune mie poesie inedite in lingua Napoletana, sperando di fare cosa gradita al vostro cuore. Siamo sempre lieti delle nostre origini Napoletane e Flegree, e torniamo a rispolverare la buona usanza di leggere il nostro passato attraverso le poesie, che nella nostra terra, brillano di una luce intensissima e particolare. Vi auguro una buona lettura, viva la poesia Napoletana!

Ve lassasse nu saluto,

pe’ chist’anno ormaie perduto,

v’augurasse gioia e serenità,

pe’ chist’anno che verrà,

ma po’ abbandono sta penzata,

accussí me scanso ‘na mazziata,

ma ‘o penziero ‘o facc’ ‘o stesso,

nun v’ ‘o dico, e che so’ fesso!

M’ ‘o stipo senza sapé,

bon’anno nuovo a me e a te.

M’hȇ itto:

core sta luntano,

e m’hȇ tenuto ‘a mano,

primma ‘e me lassà.

Ma i’ nun ce credo,

no nun ce credo,

tenive l’uocchie ‘e chianto,

e mo stu core affranto,

nun ‘o ssaccio cunzulà.

Che dice, è ‘a verità?

overo m’hȇ lassato?

me rimane sta pietà,

ma ‘o core tuoie vo’ bene a n’ato.

Stuta stuta sta cannela,

ca na fiamma è già appicciata,

allumma pure quanno è sera,

st’anema in pena disgraziata;

ammore è nu viento ‘e primmavera.

Vierno curioso,

me pare n’estate accamuffata,

te faie frisco ‘a matenata,

po’ te scarfa ‘int’ ‘a jurnata,

sarraie venuto zitto zitto,

pe’ lassarce nu capriccio,

e chi ‘o capisce,

chi va stuorto e chi va lisce,

dince almeno pe’ capì,

comme c’amma po’ vestì,

‘e stu periodo può penzà,

nun è cosa a c’ammalà,

vieno almeno tuosto tuosto,

cammenammo co cappotto,

ma si’ invece faie ‘o ‘nsisto…

i’ c’ ‘o dico a Giesù Cristo.

Tu me diceste no,

e i’ te dicette sì,

po’ tu me diciste sì,

e i’ te dicette no,

mo stamme in parità,

fermammoce stavota,

sultanto pe’ ce vasà,

po’ accuminciamme n’ata vota.

È l’otto ‘e Dicembre,

juorno ‘e l’Immacolata,

tutte stanno addenucchiate,

pe’ ‘na grazia a mammà nosta.

‘Na guagliona sulo sta allerta,

annanza ‘a statua ‘e mammà,

cu ‘e braccelle stise e aperte,

le dice: mamma fatte abbraccià.

E a gente se risente:

comme nun s’addenocchia!

è sulo ‘na prepotente,

nuie simmo fedele fino all’uocchie,

ma ‘a guagliona s’avota e dice:

sì overo, so’ prepotente,

ma faciteme sta pietà,

a fora ‘e chesto nun tengo niente,

nè mamma e nè papà,

vuie site sante, bona gente,

veri fedeli, pe’ carità,

i’ m’aggio sulo ‘mparato ca mamma mia è chesta ccà.

Scetate fenesta,

arapete e famme mmirà,

chella bella fantasia,

ca nun me fa campà.

Se chiamma Assunta o Maria?

Cuncettina? O chi sa!

So’ malato ‘e gielusia,

famme vedè addò sarrà.

Alluongame ‘a veduta,

nun me dicere ca no,

nun ‘a veco, se n’è iuta?

Dimme dimme addò sta mo?

‘A vi lloco Cuncettina,

Assunta o Marì,

a tengo sempe a me vicina,

e che vulite, so’ accussì.

Fenesta affatata,

mo te lasso chistu core,

pe’ chella bella ‘nnammurata,

ca pure si’ te chiude, ‘a sento ancora.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto