Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Un tuffo nella poesia Napoletana moderna

Un tuffo nella poesia Napoletana moderna

Se andiamo a scavare tra gli archivi viventi della parola e della poesia Napoletana, possiamo comprendere che questa è tutt’altro che morta.

Nell’immaginario collettivo, la poesia è quella forma sublime di testo che ha avuto il suo periodo d’oro negli anni passati e lì è rimasta.

Forse a causa di un contesto sociale, che tende a privilegiare alcune dinamiche e categorie virtuali fatte di mera esteriorità e materialismo, che la poesia nella testa della gente, sembra finita. Sicchè si va nelle librerie soltanto a cercare i classici poeti di un tempo, tralasciando la possibilità di conoscerne di nuovi, non meno importanti.

Tra questi poeti troviamo Claudio Pennino, un poeta che usa la penna un po’ dappertutto, avendo nella sua carriera pubblicato testi di vario genere, tra cui quattro volumi di poesia, poemetti, traduzioni in lingua Napoletana addirittura delle lettere a Lucillo di Seneca e della regola sanitaria della scuola medica Salernitana.

Un lavoro di non poco conto, che fa di lui il poeta e scrittore più rappresentativo della letteratura Napoletana odierna.

Dal suo blog: Gent’ ‘e Core, si evince tutta la passione per la Napoletanistica, materia che ho già trattato nei miei primi articoli; un blog intriso di versi aulici di una Napoletanità classica e allo stesso tempo vivente, luccicante. Riporto qui alcuni suoi testi che mi hanno particolarmente appassionato.

’O QUATRILLO

 

Ce sta dint’a nu vico abbandunata,
na cappelluccia cu na madunnella;
va trova qua’ pittore l’ha pittata
chella faccella accussì ffina e bbella.
 
Tene sempe na rosa ncopp’ ’altare,
ma nun se sape chi è ca va e ce ’a posa;
nisciuno maie se vede o ce accumpare,
ma tutt’ ’e iuorne llà ce sta na rosa.
 
È nu quatrillo antico nfacci’ ô muro
ca ’o tiempo ha sculurito e cancellato;
l’azzurro d’ ’o mantiello è accussì scuro
ca pare nu spetaccio cunzumato.
 
Pare na puverella ’sta Madonna
ca a mmalapena s’affigura ’a faccia;
chello ca è certo canta ’a nonnanonna
a nu criaturo ca s’astregna mbraccia.
 
Dint’a ’stu vico sempe chino ’e ggente,
passano tanta facce e tanta voce;
nu iuorno na sciurara, alleramente,
me s’accustaie cu na faccella doce.
 
Teneva nu panaro chino ’e sciure
e dint’a ll’uocchie ’a luce d’ ’a matina;
Spannenno attuorno ’a festa ’e ’sti culure,
sparette, comm’ ’o viento, ’int’ ’ammuina.
 
Mo quanno passo ’a veco chiara chiara
’a Madunnella cu ’stu piccerillo;
e veco ’a faccia doce d’ ’a sciurara
ca mo me guarda ’a dint’a ’stu quatrillo.
 
 
(da Acqua salata, 2019)

’E VASE

Tiene ’a faccella cu ddoie schiocche rosa,

e na vucchella quanta a na cerasa,

ma quanno vasa è accussì fucosa,

c’ogne vasillo abbrucia cchiù ’e na vrasa.

E teneno ’o prufumo d’ ’e vviole,

e tegneno comm’ ’o mellone russo…

Che t’aggia dì, nn’abbastano ’e pparole:

ca saie vasà se legge mpont’ ô musso!

(da Villanelle, 2016)


TUTTO ME PARLA ’E TE

’A sera scenne e i’ sulo cu ’e penziere,

vaco sbarianno senza nu pecché.

Cerco d’ ’a cuitudine ’o piacere,

ma tutto cosa attuorno parla ’e te.

Ncielo sponta na luna malandrina,

pallida, delicata, trasparente…

comm’ ’a faccella toia gentile e fina,

e, ’a cielo, pare ca me tene mente.

Me parla ’e te ’o prufumo d’ ’a campagna,

’o canto ’e n’auciello cchiù luntano.

E sento ’a voce toia ca m’accumpagna,

comm’a nu piccerillo, mano a mano.

Pe dint’a na felinia, mmiez’ ’e ppiante,

n’anemaluccio, rassignato, aspetta.

S’è arravugliato e nun sape i’ cchiù nnante,

e, appiso ê file, fa na mariunetta.

Nu triemmolo me passa ’int’ ’e ddenocchie:

pecché succede chesto, ma pecché?

Pe nun vederte cchiù nzerro chist’uocchie,

ma pure ô scuro, i’ veco sempe a tte.

(da ’A pianta d’ ’a felicità, 2004)

Dopo Claudio Pennino, desidero ricordare un altro grande poeta dei nostri tempi: Antonio Ruggiero, anch’egli parte di una Napoletanità classica, viva, che si esprime in ogni suo verso.

La sua prima raccolta fu pubblicata nel 1991: Napule sott’e ‘ncoppa, con la prefazione nientemeno di Roberto Murolo. Collaborò anche per Il Mattino. Ecco alcuni suoi testi.

‘O FARO ‘E NAPULE

Me piglio ‘a cunferenza, sissignore,

si pure rieste friddo e nun rispunne;

te dongo ‘o ttu, te parlo a ttutte ll’ ore,

tu ca si’ vviecchio comm’è vviecchio ‘o munno.

Si’ ggruosso e nniro niro, faje paura,

tu stienne n’ ombra si te spiecchie a mmare;

si’ nu deggenerato d’’a natura,

ma tanti vvòte tu si’ stat’ ‘o faro.

Pe’ ttute chilli llà ca so’ partute,

pe’ ttutte chilli llà ca so’ turnate;

ma tuttu quante addò so’ gghiuto juto,

t’hanno vuluto bbene cchiù ‘e nu pato.

E ppure ‘int’’e gghiastemme cchiù ssincere,

‘e quanno t’è scappato quacche rrutto,

si’ stato a ssentere tutt’’e ppreghiere,

e ddoppo acciso te si’ mmis’’o llutto.

Pe’ cientemila tele d’’e pitture,

si’’o primm’ attore dint’ a ttutt’’e scene;

si’ nu gigante ‘e prete e ffaje paura,

ma ‘nfunno ‘nfunno, te vulimmo bbene.

14/04/2003

…E ‘O SOLE ‘NCIELO NCE PITTAVA D’ ORO

Nun v’’a scurdate maje chesta puisia,

chesti pparole allicurdatavelle;

nun ll’ aggiu scritta, no, pe’ nustargìa,

ma p’’e ccriature e ppe’ chi è vvicchiariello.

‘A vita va cagnanno juorno pe’ gghiuorno,

ma ‘o sole ‘ncielo è ttale e qquale a ttanno,

a qquanno ‘nzista jeve tuorno tuorno,

‘na famme ca nce jeve sfruculianno.

Nu cuzzetiello tuosto e dduje fasule

‘mpurpato cu nu cuppeniello ‘e bbroro;

cu ’a mana ‘e Dio simme crisciute sule,

e ‘o sole ‘ncielo nce pittava d’ oro.

Criscevemo cu ’e suonne e ccu ’a speranza,

ca nce faceva spisso ll’ ancarella;

pe’ nce addurmì’ mettevano ‘int’’a panza,

ll’ adduobbeco ‘e ‘na favula cchiù bbella.

Pe’ cchi mo s’ allicòrda aizasse ‘a capa,

e a cchi ‘sti ccose nun ‘o tocca ‘o còre;

chi è ccriaturiello forze nun ‘o ssape,

ch’ ogne miseria,’o sole ‘a pitta d’ oro.

14/11/2001

LULU’ E FILUMENA

‘Na vicchiarella ‘a copp’’e sittant’ anne,

stette a Pariggi cinquant’ anne e ’e cchiù;

mo ch’ è turnata dice suspiranno…

“Nun so’ cchiù Lucianella, so’ Lulù.”

“Chi me chiammaje accussì, fuje nu pueta,

ca se chiammava Jean De La Vigné;

maje ‘na carezza, maje ‘na mana arreto,

ma me vuleva bbene comm’ a cché.”

“Cchiù ddelicato ancora, nu pittore,

ca pe’ Pariggi era ‘o meglio penniello;

era tutto suspire e niente ammore,

bellillo,sì, ma troppo aggrazziatiello.”

Lulù sgrana ‘o rusario d’’e ricorde,

nu conte, nu marchese, nu barone;

vedula ‘e tutt’’e ttre, sta chien’’e sòrde…

Annanze a Filumena fa ‘a bbuffona.

Po’ ll’ addimanne cu’’na resatella…

“Ja Filumè’, che me raccunte tu?”

E Filumena dice:” Nient’’e bbello.

E’ stata assaje cchiù ssemprece Lulù…”

“Nu piezzo d’ omme, nu fravecatore,

ch’ è ttutt’’a vita mia…” Fa Filumena.

“…Pe’ cinquant’ anne nce aggiu fatto ammore.

‘A verità?…Me ne so’ vvista bbene!”

30/3/2001

I libri di Claudio Pennino e Antonio Ruggiero, sono disponibili anche nelle maggiori librerie online.

Prima di chiudere questo articolo con una mia poesia dedicata a mio padre, in piena lotta contro un grave tumore, è mio desiderio invitare i gentili lettori a riappropriarsi della poesia Napoletana, e della poesia di questi autori a noi contemporanei. La poesia è un robusto archivio della nostra storia, una degna compagna di vita . La poesia ci desta, ci fa vivi, ci riporta quel gusto antico fatto di valori e di cultura, di una tradizione forte che ha reso Napoli una città senza la quale, nessuna nazione può sentirsi soddisfatta.

A papà

Me fa male a te vedè accussì pruvato,

e cierti vvote nun ssaccio c’aggia fa,

pe’ te fa sentì nu poco cchiù cunsulato,

luannote sta malatia ca te vô cunzumà.

Pe’ n’ora sola te vulesse dà sta fantasia,

pe’ sentì pure n’ata vota chella voce,

ca me porto ‘mpietto comme ‘na malincunia,

‘a quanno hȇ accuminciato a purtà chesta croce.

Mettimmoce speranza ca nun è ancora fennuta,

e chi ‘o ssape si’ Giesù ce vô aiutà,

a fa meno amara e pesante sta sagliuta,

e magare nu miraculo c’ ‘o pô fa.

Ivan Tudisco

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto