Tu sei qui
Home > Napoli > “Vinilici. Perché il vinile ama la musica” dal 3 dicembre su Prime Video. Un progetto che parte da Napoli

“Vinilici. Perché il vinile ama la musica” dal 3 dicembre su Prime Video. Un progetto che parte da Napoli

Il docufilm sarà disponibile dal 3 dicembre su Amazon Prime Video. Con le testimonianze esclusive di: Renzo Arbore, Claudio Coccoluto, Elio e le Storie Tese, Renato Marengo, Mogol, Giulio Cesare Ricci, Red Ronnie, Bruno Venturini, Lino Vairetti, Carlo Verdone ed altri ancora.

Vinilici – Perché il vinile ama la musica” è primo docufilm italiano dedicato al ritrovato interesse per il vinile, sarà distribuito da 102 Distribution su Amazon Prime Video dal 3 dicembre .

“Vinilici” non è un documentario tecnico per pochi esperti, ma il racconto di esperienze di appassionati che si uniscono in una storia più grande, quella del vinile. I dischi in vinile, infatti, non  sono più  acquistati  solo  dai collezionisti ma anche da una nuova e

più ampia schiera di appassionati di diverse età. Attualmente il vinile corrisponde al 6 per cento del mercato totale.  Secondo la Fimi – Federazione Industria Musicale Italiana – dal 2012 la  crescita  totale ha raggiunto il +330 per cento. Anche la scelta del titolo “Vinilici” deriva dall’attenzione e dalla passione con cui ci si avvicina a questo vecchio quanto attuale supporto, quasi come una piacevole dipendenza, una sorta di “droga buona”. La domanda nasce spontanea: si tratta di un’onda nostalgica o un’opportunità per il futuro?

Il progetto è partito da Napoli, da sempre considerata tra le capitali della musica e del disco in Italia. E non è un caso: la Phonotype Record, fondata a Napoli agli inizi del ‘900, è tra le prime case discografiche al mondo ad avere un  autonomo  stabilimento per la fabbricazione di dischi.

Il docufilm è nato da un’idea di Nicola Iuppariello;scritto da Nicola Iuppariello con Vincenzo Russo; prodotto da Luigia  Merenda e Vincenzo Russo con la partecipazione di Iuppiter.eu, Carot One Audio Revolution, Antonio de Spirito, Alessandro Cereda, Lino Santoro.  Sostenuto da un’operazione di crowdfunding alla quale hanno aderito centinaia di appassionati e realizzato da NFI – Napoli Film Industry con la regia di Fulvio Iannucci.


Le musiche del film sono di: Bruno Bavota, Blindur, Tony Esposito, Valerio Jovine, Ciccio Merolla, Osanna, Lino Pariota, Dario Piana & Daniele Baldelli, Lino Vairetti, Virus Etno-Funk e Rino Zurzolo; disponibili nella colonna sonora realizzata in un’edizione promozionale in vinile edita su etichetta Suonidelsud.


 

Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: