Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Bacoli > VIVERE NEL VULCANO. I CAMPI FLEGREI

VIVERE NEL VULCANO. I CAMPI FLEGREI

Martedì 22 novembre, alle 17.00, nella sede di Palazzo Migliaresi al Rione Terra di Pozzuoli, conferenza stampa di presentazione dell’evento a seguire presentazione libro sui Vulcani.

Si chiama “Vivere nel vulcano. I Campi Flegrei”, l’evento che prevede per gli alunni della Pergolesi corsi e laboratori per la realizzazione della prima favola scientifica “Flegrella” dedicata alla caldera quiescente dei Campi Flegrei. Prevede per gli adulti la presentazione in anteprima di ricerche scientifiche sulla mappatura delle coste vulcaniche del Mediterraneo a cura di ricercatori di diverse Università italiane e due mostre scientifiche divulgative sulla roccia più preziosa dell’antichità, l’ossidiana.

La kermesse promossa dall’associazione Lunaria A2 Onlus, sarà presentata martedì 22 novembre a Palazzo Migliaresi al Rione Terra di Pozzuoli, nell’ambito di una conferenza stampa che sarà moderata dal direttore editoriale del Vg21, Gianni Ambrosino.

Dopo i saluti dei sindaci di Pozzuoli, Luigi Manzoni, di Monte di Procida, Giuseppe Pugliese e di Quarto, Antonio Sabino. All’incontro parteciperanno anche Fabio Pagano, direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Mauro Antonio Di Vito, direttore dell’Osservatorio Vesuviano e Sonia Gervasio, presidente di Lunaria A2 Onlus interverranno gli ideatori, Francesca Coletta, dirigente dell’istituto Pergolesi, Sandro De Vita, vulcanologo e ricercatore INGV.

Seguirà alle ore 18.00 la presentazione del libro “La penisola dei Vulcani”, scritto da Lisetta Giacomelli, Franco Foresta Martin e Roberto Scandone dove interverranno gli autori, il direttore dell’Osservatorio Vesuviano Mauro Di Vito e il vulcanologo Sandro de Vita.

La prima fase di “Vivere nel Vulcano” si concluderà domenica 27 novembre al Museo Archeologico dei Campi Flegrei, con la premiazione degli alunni dell’Istituto Pergolesi, che hanno partecipato alla favola scientifica. Nell’ambito della mattinata si terrà poi l’inaugurazione della mostra “Oro nero del Mediterraneo. L’ossidiana nella preistoria”, a cura di Franco Foresta Martin, Licia Corsale, Anna Russolillo e la presentazione della ricerca scientifica: “Geoswim: mappare le coste del Mediterraneo. Uno sguardo sulle coste vulcaniche”, a cura dei proff. Stefano Furlani, Fabrizio Antonioli, Pietro Aucelli, e Gaia Mattei.

“Vivere nel Vulcano” proseguirà poi con ulteriori tappe nel 2023 con la mostra “Oro nero del Mediterraneo” che sarà replicata dal 24 febbraio al 12 marzo 2023 nella sede del Museo Civico “Sebastiano” Tusa di Procida.

La rassegna ideata dai giornalisti Anna Russolillo e Franco Foresta Martin e a cura degli ideatori con Sonia Gervasio e Sandro de Vita è promossa dall’Associazione Lunaria A2 Onlus.

La rassegna gode del contributo della Regione Campania (40%) e della collaborazione dell’INGV – Osservatorio Vesuviano, del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, dei comuni di Pozzuoli e Procida, del Museo civico “S. Tusa” di Procida, del Dipartimento di Matematica e Geoscienze dell’Università di Trieste, dell’Università degli Studi Parthenope di Napoli, di Villaggio Letterario, di Dialogos e del Centro Sub Campi Flegrei.

Avatar photo
Deborah Di Bernardo
Nasce a Napoli nel 1970 ma cresce a Milano per i suoi primi 17 anni. Ritornata alla città natia, conclude il suo percorso di studi laureandosi in Conservazione dei Beni Culturali ad indirizzo storico artistico e, contemporaneamente, approfondisce un percorso relativo alla comunicazione attraverso l'arte, l'immagine tramite corsi di comunicazione, grafologia, estetica, sociologia. L'arte come segno dell'Io che l'ha creata, al di là del modo e della forma in cui viene rappresentata diventa il contenitore di un percorso psicologico, umano, sociale. Ha collaborato con alcune testate giornalistiche (InfOrmare magazine, Il Ponte - testata danese) nell'ambito di rubriche culturali, redatto la presentazione di opere figurative e commenti ad immagini di testi, presentato libri ed eventi. È membro del Direttivo e responsabile della sezione eventi de "La Casa del Sorriso" (casa di accoglienza per i familiari dei pazienti oncologici), curatore di mostre, artisti e critico d'arte.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: