Tu sei qui

Poesia a primmavera

Primavera, luogo di poesia, di profumi, di risvegli armoniosi e vitali. Napoli e la Campania, nei loro luoghi ricchi di sapiente bellezza, rinascono come in una forma tutta nuova, e con loro, anche la poesia, che sembra acquistare splendore e vitalità. Di seguito, alcune mie poesie inedite ambientate in questa meravigliosa stagione.

Ammore a primmavera

Suspiro ‘e viole,

i’ sto dinto,

e tu staie fore,

c’arrepasse stu ciardino,

cu chist’uocchie a form’ ’e sole,

te veco, nun te veco,

st’aria ‘e primmavera fa ‘e dispiette,

te veco e nun me pare overo,

comm’ ‘o viento te dispierde,

tanto è doce stu pensiero,

ca stu verde comme ‘o mare,

è tal e quale.

A decisione

E ‘o sole primma ‘e trasì,

se guarda attuorno a uocchie ‘e bene,

e dice: sta Rosa ‘int’a sta casa?

Si’ è no, s’arraccumanna ‘a luna: se ne parla quanno vene.

Giesummino

Nun è fronne ‘e ciardino,

sfruculea ‘o pizz’a riso,

st’addore ‘e giesummino,

è nu suspiro ‘e paraviso.

M’ ‘o sento ogne matina,

quannno vaco a faticà,

‘o saluto e m’avvicine,

pecchè me fa ‘ncantà.

Primmavera cianciosa

Primmavera cianciosa,

tiene ‘o core mi’ ‘int’ ‘e vene,

me sento ‘mpietto n’addor’ ‘e rose,

te piglie ‘o male e me lasse ‘o bene.

Tu sola primmavera me saie cunsulà,

è n’ammore senza diebbete,

tutto daie senza piglià.

Auciello

T’aggio scritto ‘na puisia,

ma nun ‘a saccio decantà,

‘e parole so’ vestute ‘e gielusia,

pecchè te voglio eppure nun staie ccà.

Mo te manno chist’auciello,

cu ‘a puisia a te purtà,

si’ te piace, tu dincello,

iss’ ‘o ssape c’ha dda fa.

Vieneme ‘ncore auciello mie,

sulo tu può cunzulà,

stu core affranto ‘e malincunia,

ca penza sempe a chella là.

Aria ‘e primmavera

Aria fresca ‘e sera,

aria addirusa ‘e primmavera,

mo nu viento ‘e rose,

mo na brina ‘nfosa,

saglie e faie ‘ncantà,

primma vaie po’ tuorne ccà,

chi te sente nun se scorda ‘e chest’addore,

chi se ‘ncontra a primmavera, se ‘ncontra cu l’ammore.

Abbrile

Abbrile,

tiene ‘o core cchiú gentile,

guarda sta farfalla,

comme gira e comm’ abballa,

vol’addó ce sta l’addore,

‘e margherita o girasole,

guarda pure l’ape llà,

ca fa ‘o mele pe’ c’ ‘o dà,

o chi pensa ‘o ver’ammore,

cu chill’uocchie a forma ‘e core,

tu Abbrile nun ce sta che fa,

ce faie saglí ‘ncielo senza ce spustà.

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto