Tu sei qui
Home > Campania > Nasce AMeS, il Comitato Promotore per l’Agricoltura, la Zootecnia e i Beni Pubblici dell’Alto e Medio Sele, la conversione ecologica e le generazioni future

Nasce AMeS, il Comitato Promotore per l’Agricoltura, la Zootecnia e i Beni Pubblici dell’Alto e Medio Sele, la conversione ecologica e le generazioni future

Nasce il comitato promotore AMeS, con l’obiettivo di promuovere incontri e progetti di sviluppo che mirano a valorizzare il patrimonio agrozootecnico, naturale e culturale delle aree dell’Alto e Medio Sele. L’area geografica interessata si estende sui bacini dei fiumi Sele e Tanagro, nella parte nord-orientale della provincia. Tra i Monti Picentini e l’Appennino lucano, di cui fanno parte i seguenti Comuni: Campagna, Castelnuovo di Conza, Colliano, Contursi Terme, Laviano, Oliveto Citra, Santomenna e Valva.

Gli obiettivi del Comitato comprendono anche la rinascita delle filiere produttive locali e la promozione di nuove filiere (per favorire l’accesso al “mercato”), il miglioramento della quantità e della qualità dei servizi di impresa, istruzione, salute e mobilità e l’elaborazione e gestione di contenuti veicolati anche attraverso i social network.
I primi a firmare il patto dell’Alto e Medio Sele sono stati Gerardo Venutolo, Sindaco di Santomenna e Assessore all’Agricoltura Comunità Montana; Giovanni Cifrodelli Consigliere Comunale di Laviano e allevatore; Luciano Piserchia, Consigliere Comunale di Laviano, delegato alla Comunità Montana, Imprenditore agricolo; Fabio Falcone, Allevatore e trasformatore; Giulio D’elia, Consigliere Comunale di Castelnuovo Di Conza; Daniele Picarella, Esperto del territorio; Daniele Coglianese, Imprenditore; Raffaele Palmieri, Vicesindaco di Oliveto Citra e responsabile Caf agricolo; Gerardo De Cillis, Consigliere Comunale di Castelnuovo di Conza e apicoltore.

“Valorizzare concretamente questi territori è un modo per dare il proprio contributo al sostegno dell’economia locale – dichiara Venutolo – un gesto importante per contrastare l’abbandono e l’impoverimento di questi Comuni. Le aree considerate marginali possono rientrare in gioco agganciandosi alle nuove politiche regionali che si stanno mettendo in campo”.
“Borghi e territori, insieme alle grandi aree metropolitane – afferma De Cillis – saranno il motore del nuovo sviluppo, purché si contrasti lo spopolamento e s’inneschi un reale controesodo. È un atto di fiducia nel futuro e lo sarà ancora di più nella misura in cui diventerà occasione di promozione della biodiversità, della cura dell’ambiente e di sostegno verso le future generazioni, elemento imprescindibile di una società che ambisce a diventare più green”.
Possono aderire al Comitato tutte le persone giuridiche pubbliche e private, gli enti italiani o stranieri che operano in Italia, direttamente o indirettamente, e le singole persone fisiche in rappresentanza di associazioni o gruppi informali di azione civica in ambiti vicini alle finalità istituzionali del Comitato.

Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto