Tu sei qui
Home > Rubriche > La rinascita della poesia Napoletana > Filastrocche e Ninne nanne Napoletane

Filastrocche e Ninne nanne Napoletane

La notte porta consiglio ma porta anche la poesia. Molte sono state le opere letterarie ispirate al mondo notturno, sempre ricco di fascino e magnetismo.

È nella notte che miriadi di amanti, scrittori e poeti, hanno realizzato le loro opere più belle.

La ninna nanna non è solo un incentivo per il sonno, ma è una melodia d’amore che nella notte, accompagna il dormiente nel mondo dei sogni; tutti a mio avviso dovremmo riscoprire il potere di una ninna nanna.

È un’opera secolare, in uso già dagli antichi popoli, nella nostra epoca ha assunto la forma dei nostri vernacoli, sempre con una metrica particolare e una rima docile, che cade silenziosa così come il sonno che l’accompagna.

Diversa è invece la filastrocca, essa si ripete nei versi in rime baciate, ossia che si susseguono, discende molto probabilmente dagli antichi trobador, compositori di versi in forma lirica, costoro giunsero dalla Francia in Italia e poi nel resto dell’Europa, influenzando così il modo di fare poesia.

La filastrocca racconta di solito una storia in rima, simpatica e irriverente, che nasconde spesso una morale.

Anche la filastrocca nel tempo ha subito l’influenza dei vernacoli, e in quest’articolo ne desidero proporre alcune, così come alcune ninne nanne, scritte da me e raccolte dalla letteratura popolare.

Di seguito, tre mie ninne nanne, inedite

Ninna nanna de’ stelle

Nonna nonna,

sott’’e stelle lucente,

duorme e suonne,

ca ‘e suonne so’ argiente.

Nu vaso t’accumpagna chiano chiano,

ca te scarfe ‘int’ a’ notte accussì,

doce doce te tengo pe’ mano,

doce ‘nzuonno mo vengo pur’i’.

Ninna nanna d’ammore

I’ ‘e te ‘o ssaie me scurdasse,

si’ sulo tu te scurdasse ‘e me,

dint’a nu suonno po’ te lassasse,

pecchè accussì nun te putesse vedè.

Ma si’ nun te veco po’ i’ che faccio?

Addo’ ‘a trovo ‘a forza ‘e campà?

Strigneme ancora ‘int’ a sti braccia,

ninna nanna ‘nzieme a te voglio sunnà.

Ninna nonna de stelle

Si’ duorme mo’ lullà lullà,

quanti suonne ca facisse nennè,

te venesse po’ ‘na stella a piglià,

pe’ te purtà ‘o paraviso a vedè.

Ninna nonna cuperta a stu manto,

chiude l’uocchie ca te stanno âspettà,

chelli stelle ca’ ‘nzieme a stu canto,

te vulessero cu’ lloro purtà.

Questa invece è una famosa ninna nanna Napoletana

Nonna nonna do’ lupo

E fa la nonna e fa la nunnarèlla,

ca ‘o lupo s’ha mangiato ‘a pecurella.

E pecurella mia comme farraje,

quanno mocca a lu lupo te truvarraje?

E pecurella mia comme faciste,quanno mmocca a lu lupo te truvaste?

E pecurella mia comme campaste,quanno mmocca a lu lupo te truvaste ?’

Le seguenti, sono due filastrocche scritte da me, seguendo i canoni classici delle stesse

Zi’ prete

Scennette zi’ prete ‘a copp’’a muntagna,

passaie chiano chiano pe’ dint’’a campagna,

teneva assaie famme e se fermaie pe’ magnà,

tutto chello ca’ llà ‘mmiez’ putette truvà.

Magnaie accussì assaie ca se mettette a durmì,

piagliate ‘e suonno ‘ncopp’’e sciure accussì,

ma nu mal’ommo ca passave pe’ là,

vedette zi’ prete e se fermaie po’ ‘rubbà.

Scetannose ‘o prevete se truvaie senza niente,

ce mancavano ‘e sorde e perfino ‘e llente,

s’avviaie scunzulato arripiglianno ‘o cammino,

arraggiato cu isso, ‘o mariuolo e ‘o distino.

Venette zi’ prete da copp’’a muntagna,

cuntaie a tutte quante ‘o fatto da’ campagna,

lassanno l’esempio ‘e chi troppo se vô abbuffà,

niente ‘e buono ‘int’a sta vita le’ po’ capità.

Magna magna

Magna magna piccerella,

ccà ce sta ‘na pecurella,

ca’ se magna tutto tutto,

chillu buono e chillu brutto.

Magna ambresso picculina,

ca’ mo’ vene la nonnina,

e te fa ‘nu regalino,

si’ te mange ‘o brodino.

Di seguito, quattro filastrocche Napoletane molto popolari

Caruso (canzonata ai bambini che si rasavano i capelli a zero)

Carùso, mellùso,

miette ‘a capa ‘int’a ‘o pertùso,

ca si vene ‘o scarrafòne

te ròseca ‘o mellòne.

Cicirenella (piccolo cece, è anche una famosa canzone popolare)

Cicerenella teneva no gallo

tutta la notte nce jeva a cavallo,

essa nce jeva pò senza la sella

chisto è lo gallo de Cicerenella.

Cicerenella tenea na gallina

faceva ll’ova de sera e matina,

l’avea mparata a magnà farenella

chesta è ‘a gallina de Cicerenella

Sega sega mastu Ciccio

Sega, sega mastu Ciccio,

na panèlla e nu sacìccio;

‘a panèlla nce ‘a mangiàmmo

e ‘o sacìccio nce ‘o stipammo

‘A gallina zoppa zoppa

‘A gallina zoppa zoppa,

quanti penne tene ncoppa?

E ne tene vintitrè,

uno, doje e tre.

E teneva nu turnesièllo,

e s’accattàje nu susamièllo;

mièzo a me, mièzo a te,

mièzo a’ figlia d’ ‘o Re!

Arrivederci al prossimo articolo

Ivan Tudisco
Ivan Tudisco è nato a Napoli nel 1980 dove attualmente vive. Nel 2007 ha esordito con una raccolta di poesie edita da una casa editrice Siciliana, seguiranno altre due raccolte, di cui l’ultima pubblicata nel 2021 con una editrice Romana: Rosabianca edizioni. Nel 2020 ha esordito con il suo primo romanzo: Gente di Pianura, in ebook. Una serie di racconti di genere vario, sono stati pubblicati su varie antologie nazionali tra il 2019 e il 2021, e una raccolta di favole, ha visto la sua pubblicazione nel 2021, ed è tuttora disponibile sul sito della casa editrice Ivvi. In Giugno 2022, sarà pubblicato un nuovo romanzo, con l’editrice Montag, collabora con QuiCampiFlegrei dal 2020. Tutti i libri di Ivan Tudisco sono disponibili nelle librerie online, quali: Mondadori storie, La Feltrinelli, Libro Co.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto