Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Natale 2020, a Pozzuoli solo pochi alberi luminosi: le risorse destinate ai cittadini in difficoltà.

Natale 2020, a Pozzuoli solo pochi alberi luminosi: le risorse destinate ai cittadini in difficoltà.

Questo Natale 2020 è una festività che, per i noti motivi legati all’emergenza covid, sarà celebrata diversamente rispetto agli altri anni. E’ un momento particolarmente difficile per tutti, ma lo è ancor di più per i cittadini che hanno subìto un lutto, per quelli che stanno combattendo contro il virus e per i tanti che vivono in condizioni economiche sempre più disagiate. E’ soprattutto nel rispetto di queste persone che l’amministrazione comunale di Pozzuoli ha deciso di limitare le tradizionali spese per le “luminarie” di Natale e di destinare quante più risorse possibili ai cittadini in difficoltà. 

Per il prossimo Natale, dunque, a Pozzuoli ci sarà l’installazione di soli 18 Alberi luminosi in vari punti della città, con l’obiettivo di non perdere lo spirito natalizio e di rafforzare la speranza e la fiducia nel futuro. Allo stesso tempo, l’amministrazione intende coinvolgere tutti i cittadini, chiedendo loro di adornare finestre, balconi, terrazzi, giardini, con luci e addobbi natalizi. E lo fa attraverso l’iniziativa #illuminiAMOPOZZUOLI, promossa dall’assessore alla Cultura Stefania De Fraia “con l’intento, da un lato di lanciare un messaggio di ottimismo per quello che verrà, e dall’altro di rendere il nostro territorio più luminoso grazie alle luci delle singole abitazioni”.


Sulle pagine facebook del Comune di Pozzuoli e dell’Assessorato al Turismo e alla Cultura saranno pubblicate le fotografie che i cittadini invieranno all’indirizzo email: pozzuoliacasamia@comune.pozzuoli.na.it. Ognuno potrà inoltre pubblicare le immagini sui propri profili social utilizzando l’hashtag: #illuminiAMOPOZZUOLI.

Diego Palma
Diego Palma, docente e scrittore, è stato direttore di strutture ricettive. Ha insegnato negli istituti alberghieri della provincia di Cagliari e di Napoli.  “Primo Classificato” al terzo premio letterario Giulio Angioni – Guasila 2019, con il racconto “Il viaggio di Adom”. Attivista sindacale, collabora attualmente con la testata giornalistica Istituzioni24 ed è editore del blog "La Voce della Scuola Live". Il suo primo intento, come tutti gli insegnanti, è quello di trasmettere conoscenze e motivare i ragazzi a puntare alla realizzazione dei propri sogni senza arrendersi mai. Opere pubblicate: "La Scuola Secondo Me…" (2018) e "Il mio nome è nessuno" (2019)

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto