Tu sei qui
Home > Campania > Confagricoltura: “Il tabacco in Campania una garanzia di reddito agricolo”

Confagricoltura: “Il tabacco in Campania una garanzia di reddito agricolo”

Nel 2020 la Campania, resta la maggiore regione produttrice di tabacco greggio con una quota del 32,5% sul totale nazionale, quasi 17mila e duecento tonnellate consegnate alle imprese di prima trasformazione, 3.204 ettari investiti e 1.182 aziende agricole coinvolte, con rese per ettaro che sono cresciute sensibilmente negli ultimi anni, insieme alla qualità della materia prima, sempre più richiesta dalle multinazionali.

Ma il rischio è che quanto resta della cultura e della coltivazione del tabacco – 47,3 milioni il valore della produzione nel 2019 in Campania, ma superfici investite diminuite dal 2014 in poi al ritmo del 5,4% l’anno a causa del venir mendo degli aiuti Ue – possa essere messo ulteriormente in discussione in assenza di provvedimenti normativi e di scelte politiche che di fatto penalizzano le sorti dei tabacchicoltori.

E’ quanto emerge dallo studio “La filiera tabacchicola Campana e l’industria del tabacco in Italia: opportunità e prospettiva future di sostenibilità” realizzato dal gruppo di analisi economica di Competere e presentato ieri sera a San Marco Evangelista (Caserta), nel quadro di un incontro tra Regione Campania e Italtab, al quale hanno partecipato l’assessore all’agricoltura della Regione Campania, Nicola Caputo, il presidente di Confagricoltura Campania, Fabrizio Marzano, ed il presidente di Italtab e responsabile nazionale di settore tabacco di Confagricoltura, Vincenzo Argo.

“Siamo di fronte a un settore che, nonostante la contrazione dei volumi prodotti negli ultimi anni, ha saputo mantenere la sua vitalità, facendo della sostenibilità, della qualità e dell’aggregazione i suoi punti di forza – ha detto il presidente di Confagricoltura Marzano – Per questo è necessario coniugare le esigenze di tutti i protagonisti di questo segmento agroindustriale”.

“La disponibilità nell’acquisto del tabacco da parte delle manifatture nazionali dovrebbe trasformarsi in impegno di acquisto pluriennale – ha aggiunto il presidente di Confagricoltura Campania – Per fare in modo che questo si concretizzi, è importante che le scelte politiche ripensino, o quanto meno riequilibrino, la fiscalità tra le diverse categorie del tabacco, per salvaguardare tutta la trasformazione tabacchicola, le entrate per lo Stato – 14 miliardi di euro di gettito – e i benefici generati dall’occupazione di tutta la filiera e dal relativo indotto.”

“Il sensibile incremento di investimento finanziario operato quest’anno dal nostro partner commerciale in Campania, riesce ad assicurare la vendita del nostro tabacco di qualità, garantendo la sopravvivenza di una filiera che conta 250 imprese e 6000 addetti alla produzione di tabacco – ha sottolineato Argo, presidente di Italtab e responsabile di settore nazionale per Confagricoltura – Tuttavia, riteniamo che serva una strategia pluriennale che garantisca la sostenibilità e la redditività dell’intero settore nel lungo periodo. Ringraziamo l’Assessore all’agricoltura Caputo per questa visita e per la vicinanza dimostrata. A lui, così come al Governo Nazionale, chiediamo un’azione congiunta che possa dare una risposta concreta rispetto alle esigenze espresse dalle diverse manifatture internazionali che operano in Italia sul tema dell’equità fiscale e alle aspettative di stabilità di un intero comparto, da raggiungere in primis attraverso la sottoscrizione degli accordi pluriennali per l’acquisto del tabacco tra Ministero per le Politiche agricole e manifatture nazionali.”

Struttura della produzione di tabacco greggio nella regione Campania (anno 2020)

TerritoriEttari impiegatiTonnellate prodotteAziende agricole
Caserta1.76010.793516
Benevento1.0964.452500
Avellino13059297
Napoli1981.24548
Salerno1710021
Regione Campania3.20417.1851.182
Fonte: rielaborazione su dati ONT e AGEA

Diego Palma
Diego Palma, docente e scrittore, è stato direttore di strutture ricettive. Ha insegnato negli istituti alberghieri della provincia di Cagliari e di Napoli.  “Primo Classificato” al terzo premio letterario Giulio Angioni – Guasila 2019, con il racconto “Il viaggio di Adom”. Attivista sindacale, collabora attualmente con la testata giornalistica Istituzioni24 ed è editore del blog "La Voce della Scuola Live". Il suo primo intento, come tutti gli insegnanti, è quello di trasmettere conoscenze e motivare i ragazzi a puntare alla realizzazione dei propri sogni senza arrendersi mai. Opere pubblicate: "La Scuola Secondo Me…" (2018) e "Il mio nome è nessuno" (2019)

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: