Tu sei qui
Home > Napoli > Educatori napoletani: “chiediamo il 100% dello stipendio”

Educatori napoletani: “chiediamo il 100% dello stipendio”

riceviamo e pubblichiamo nuovo appello degli educatori napoletani che aderiscono ad E.C.O. – educatori consapevoli organizzati

Gli educatori napoletani avevano già chiarito dal 5 marzo che non erano intenzionati a pagare il costo di una pandemia che subiamo tutti quanti, rivendicando il riconoscimento del 100% dello stipendio.

Animati dal senso di responsabilità e dalla disciplina etica che caratterizza il proprio lavoro, gli educatori hanno dichiarato di voler mettere a disposizione di una rimodulazione dei Servizi tutte le proprie competenze pedagogiche e le proprie risorse creative.

Mentre in alcune città italiane come Roma, Bari, Milano, si provvedeva a una rimodulazione dei Servizi che garantiva tanto gli utenti quanto i livelli occupazionali e di reddito degli operatori, a Napoli si definiva l’articolo 48 del DL “Cura Italia” inapplicabile bloccando di fatto per un mese tutte le attività socioeducative.

A fronte di tutte le sollecitazioni e le proposte che hanno attraversato il mese di marzo, la Direzione del Servizio Politiche per l’Infanzia e l’Adolescenza invia una bozza di riprogettazione per i Laboratori di Educativa Territoriale che riteniamo:

  • sciatta dal punto di vista pedagogico perché appiattisce il lavoro educativo alla funzione di supporto didattico-scolastico;
  • inaccettabile perché non garantisce i livelli occupazionali, lasciando disoccupati gli educatori “esterni” e i sostituti degli educatori “interni” della linea progettuale “Abitare la strada”;
  • inaccettabile perché prevede la possibilità di ridurre il numero dei componenti dell’équipe fissa, cosa mai vista prima;
  • inaccettabile perché prevede una riduzione del monte ore operatore del tutto arbitraria, che si traduce in grave attacco al reddito degli educatori.

Dando credito a quanto dichiarato dall’assessore al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, riguardo alla presentazione di un emendamento all’articolo 48 che lo renderebbe universalmente applicabile garantendo il reddito degli operatori e sbloccando le risorse già stanziate, constatiamo comunque che i tempi legislativi non coincidono con l’urgenza dei bisogni materiali dei lavoratori e quindi CHIEDIAMO:

  • che si faccia chiarezza sulla corresponsione degli stipendi di marzo 2020;
  • che si garantiscano tutte le figure lavorative coinvolte nell’Educativa Territoriale includendole nella riprogettazione delle attività;
  • che si coinvolgano gli educatori, e non solo i rappresentanti legali degli enti, nel lavoro di riprogettazione pedagogica delle attività, non solo dell’Educativa Territoriale, ma di tutti i progetti socioeducativi (Poli territoriali, RSC, Centri Polifunzionali, ecc.);
  • CHE SI GARANTISCA IL 100% DELLO STIPENDIO A TUTTI GLI EDUCATORI!

E.C.O.

(Educatori Consapevoli Organizzati)

Redazione
Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu
Translate »
error: Il contenuto del sito è protetto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: