Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Bacoli > Parco Sommerso di Baia: stop alle attività fino al 5 maggio. Protesta di Legambiente

Parco Sommerso di Baia: stop alle attività fino al 5 maggio. Protesta di Legambiente

Stop a tutte le attività e interdizione dell’area della Città Sommersa fino al 5 maggio. Lo ha deciso con una nota Paolo Giulierini, direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

Un danno al turismo locale considerato i giorni di massima affluenza dei visitatori alla Città Sommersa.

Legambiente Città Flegrea scrive una lettera alle autorità locali, al sindaco della Città metropolitana e ai rappresentanti del Distretto Turistico Flegreo e a Federalberghi.

“Il Parco sommerso di Baia – si legge nella lettera – comprende cinque siti di immersione e, solitamente, si effettuano lavori in un sito alla volta per consentire lo svolgimento delle attività di visita negli altri siti; il sito più visitato, il Ninfeo di Claudio è già chiuso per lavori di manutenzione dai primi di aprile; la sospensione delle attività è stata comunicata il giorno venerdì 20 aprile e si protrarrà fino al 5 maggio comprendendo quindi due date cruciali per il turismo come il ponte del 25 aprile e quello del 1° maggio. Il Parco Sommerso di Baia è l’unico sito dei Campi Flegrei che registra un trend positivo di visitatori; sino ad oggi i siti, ad eccezion fatta del Ninfeo non risultano presidiati né risultano in corso opere di manutenzione né ordinaria né straordinaria nell’Area Marina Protetta di Baia”.

Legambiente quindi, a conclusione della lettera, chiede: “che i destinatari vogliano intercedere nell’interesse della collettività al fine di ottenere chiarimenti in merito al provvedimento interdittivo adottato dal Direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei invitandolo all’immediata revoca dello stesso così da interrompere il pregiudizio arrecato all’attività turistica dei Campi Flegrei”.

Redazione
Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu