Tu sei qui
Home > Napoli > Napoli, “Mondi perduti” al Plart

Napoli, “Mondi perduti” al Plart

Il Plart di Napoli, martedì 2 ottobre alle 18, inaugura l’evento culturale Mondi perduti, dedicato al rilancio dell’artigianato attraverso l’arte contemporanea:
Terre blu esporrà una collezione di ceramiche ironiche e concettuali dei più noti artisti e designer del panorama italiano e internazionale.

La serata è divisa in due momenti: l’inaugurazione della mostra Icone e la presentazione di Tepui, il libro d’artista di Felix Policastro.
“Tutto ruota intorno alla riscoperta delle arti manuali e in particolar modo della lavorazione della ceramica – spiega Maria Pia Incutti – di qui l’idea di organizzare un evento in linea con la mission del Plart: conservare, studiare e promuovere il nostro patrimonio culturale, proiettandolo con grande energia innovativa sulla contemporaneità”.

Da un lato dunque la Fondazione Plart, che a partire dalla plastica come materiale e dal design come disciplina progettuale, abbraccia le più ampie espressioni artistiche e materiche, indagandone i confini spesso labili attraverso mostre, convegni e pubblicazioni che si succedono senza interruzione da più di dieci anni. Dall’altro Terre Blu a cura di Giuseppe Coppola, editore eccentrico, che dalla produzione di oggetti di design in ceramica che raccontano storie di mondi possibili, si ripropone come casa editrice che produce libri come oggetti d’arte.

La mostra Icone, è composta da ceramiche a tiratura limitata, disegnate dagli autori più rappresentativi del design italiano contemporaneo e in particolare del design radicale degli anni ’60 – ’70: Luca Scacchetti, Franco Raggi, Prospero Rasulo, Paola Navone, Lapo Binazzi, Riccardo Dalisi, Ugo Marano e tanti altri. “Ogni oggetto – spiega il curatore – rappresenta la materializzazione di un’icona che prende forma attraverso sostanze vetrose dense e diafane, riducendo i contenuti utilitari per esaltare la funzione simbolica”.

Tepui è descritto come un oggetto da sfogliare in silenzio per ascoltare il rumore delle pagine che scorrono e l’odore dei materiali. Felix Policastro è personaggio che si muove con raffinata naturalezza tra arte contemporanea, design e comunicazione. Il libro presentato da Angela Tecce, Andrea Viliani e Cherubino Gambardella, è stampato su carte pregiate e tela ruvida in pochi esemplari, rilegato a mano con lo spago. Il titolo dell’evento Mondi Perduti prende spunto dal saggio introduttivo di Angela Tecce al libro di Policastro.

Continua con successo l’attività culturale della Fondazione Plart che lo scorso gennaio ha festeggiato i dieci anni di intensa attività, riconosciuto come unico giacimento del design del centro/sud. Maria Pia Incutti a Torino ha dato il via ai lavori di realizzazione di Plart Two, nuovo Centro di Arte, Innovazione e Ricerca che inaugurerà nel 2019. “In questo spazio – spiega l’imprenditrice – conviveranno una realtà storico-culturale e una orientata al mercato delle più innovative tecnologie digitali. Inoltre saranno realizzate alcune residenze per gli artisti e spazi dedicati a promuovere il design e l’arte, con un raggio d’azione esteso all’architettura, alla fotografia, alla moda, al lifestyle e alla creatività in ogni sua forma. Al suo interno apriremo anche un concept store che produrrà oggetti e piccole collezioni realizzate da artisti e designer di avanguardia”.

Redazione
Redazione
La testata giornalistica QuiCampiFlegrei.it nasce con l'intento di promuovere il territorio flegreo

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu