Tu sei qui
Home > Campi Flegrei > Domenica 6 Maggio, anche nei Campi Flegrei musei gratis

Domenica 6 Maggio, anche nei Campi Flegrei musei gratis

Come tutte le prime domeniche del mese domenica 6 Maggio, ci sarà l’apertura gratuita di gallerie, musei,scavi archeologici e giardini monumentali statali di tutta Italia, per  volere del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Scopriamo i siti aperti nell’area flegrea:

Anfiteatro Flavio – Via Nicola Terracciano, 75 – Pozzuoli

Si tratta di uno dei due anfiteatri esistenti a Pozzuoli e risale alla seconda metà del I secolo d.C. Fu costruito per l’aumento della popolazione ormai cresciuta per radunarsi nel vecchio anfiteatro di età repubblicana.  Fu costruito in modo coevo alle due strade principali: la via Domitiana e la via per Napoli.

 

 

Tempio di Serapide – Via Serapide – Pozzuoli

Conosciuto come Tempio di Serapide, i resti archeologici siti in “Via Serapide” risalgono al Macellum, ossia il mercato pubblico della Puteoli romana. Il nome più diffuso lo si deve invece al rinvenimento di una statua del dio egizio nel 1750.

 

 

Parco archeologico di Cuma – Via Monte di Cuma, 3 – Pozzuoli

Si tratta dei resti dell’antica città di Cuma, una delle più antiche colonie greche in Italia.

 

Museo archeologico dei Campi Flegrei – Via Castello, 39 – Bacoli

Il Museo archeologico dei Campi Flegrei è ospitato nel Castello Aragonese di Baia, nel comune di Bacoli. Al suo interno sono conservati i reperti più significativi rinvenuti in area flegrea.

 

Parco archeologico di Baia – Via Sella di Baia, 22 – Bacoli

Il parco archeologico di Baia comprende resti di impianti termali e idraulici. Si tratta di quelli che sono conosciuti quasi impropriamente come i templi di Mercurio, Venere, Diana che andrebbero definite terme, le terme di  Sosandra. Si possono inoltre ammirare la Piscina Mirabile, la tomba di Agrippina, il porto militare di Miseno.

Sacello degli Augustali – Via Miseno – Bacoli

Si tratta di un edificio di epoca romana adibito al culto degli imperatori, curati dai sacerdoti augustali. Il nome lo si deve ad un’iscrizione in latino: Templum augusti quod est augustalium.

 

 

Teatro romano di Miseno – Via Sacello degli Augustali – Bacoli

È un edificio romano costruito tra il II e il III secolo d.C. La zona superiore è celato alla vista, ma è possibile durante una visita guidata fare un percorso archeologico sotterraneo.

 

Tempio c.d. di Diana – Piazzetta Alcide De Gasperi – Bacoli

La struttura si presenta come una grande aula a pianta circolare iscritta in un ottagono, costruita in opus listatum . La denominazione è stata attribuita dagli antiquari napoletani a seguito di un rinvenimento di bassorilievi marmorei con figure di cani e cervi.

 

Martina Bruna Chiaiese
Martina Bruna Chiaiese
Nata a Napoli nel 1994. Fin da bambina è sensibile al mondo della cultura e della scrittura. Ha frequentato il Liceo Classico Antonio Genovesi grazie al quale matura un grande interesse per la lingua e la letteratura italiana e inglese. Si iscrive all’Università degli Studi di Napoli L’Orientale e nel 2017 consegue la laurea in Lingue, Lettere e Culture Comparate nelle lingue inglese e cinese. Attualmente frequenta il corso di Laurea Magistrale in Lingue e Civiltà Orientali approfondendo lo studio della lingua, la storia, l’archeologia e la letteratura cinese. In ambito giornalistico si occupa della coordinazione del quotidiano on-line L’Osservatorio Flegreo ed è direttore della testata QuiCampiFlegrei. La sua passione è lo sport.

Articoli Simili

Lascia un commento

Top Menu